Andate e non moltiplicatevi…

Andate e non moltiplicatevi…
“ISTAT, un italiano su quattro è a rischio povertà”. Sembra ieri che eravamo tutti ricchissimi, come quando c’era Renzi.

Esperti:”Tendenza povertà in crescita, senza prevenzione”. Devono avere un “minimo” da poter spendere in cose perlopiù inutili. (Flex)

chiesa per ferie

E abbiamo addirittura stabilito dei vincoli nei nostri Trattati che impedissero di aiutare chi era in difficoltà“. (Giuliano Amato)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

hakuna matita…

“Renzi è salito al Colle”. Ma prima è sceso dal pero.
Mattarella inizia le consultazioni. La scelta è tra un Renzi bis, un Napolitano ter o un altro figlio di Troika quater. (Flex)

Il nuovo corso impone che la gestione tecnica subentri a quella politica. La dialettica tra le parti e la discussione sui fini viene sospesa, ad essere considerato è soltanto “il rapporto fra mezzi e fini, l’idoneità dei procedimenti adottati per raggiungere scopi che in genere si danno per scontati e che si suppone si spieghino da sé”.

(Max Horkheimer, “Eclisse della ragione”)

la buona schiavitù

Silenzio, pure Agnese.

“Censis, Italia bloccata. Giovani più poveri dei loro nonni”.
Allo studio il “GRANDFATHER ACT” per mettere entrambi nella stessa condizione di povertà. Il governo vuole intervenire immediatamente, anche abolendo il Censis. (Flex)

La buona schiavitù
La maggioranza guidata da Renzi si conferma fedele esecutrice dei voleri della finanza e del grande capitale. La “Buona Scuola” si rivelerà presto ottima per le imprese che potranno assoldare schiere di giovani studenti-lavoratori senza doverli pagare. Questo è lo scopo non dichiarato della “connessione col mondo del lavoro”. Ma ve n’è un altro, meno visibile ma più insidioso: la reintroduzione di forme schiavistiche e servili, la rimozione totale di ogni barlume di coscienza sociale e la “normalizzazione” dello sfruttamento capitalistico neoliberale“. (Matteo Volpe, Intellettuale Dissidente)

TRA GENERAZIONI

la repubblica delle cose…

President reserve…

“Prodi tiene a farci sapere che la riforma non gli piace ma che voterà Sì”. Il bipolare perfetto… è in analisi da Cacciari.

Mattarella:”Sono un arbitro silente”. Punta tutto sullo sguardo delusissimo.
…poi rivolto ai detenuti di Poggioreale:”Cambiare vita è possibile”. Qui da voi, ad esempio, è facilissimo passare all’altra.

Napolitano: “In politica c’è bisogno di grande professionalità non basta un click”. Meglio quello delle manette.

Boldrini: “Smontare le bufale è un atto di resistenza civile”. Montarle ad arte è invece opera di grande professionalità.(Flex)

Ingannare chi inganna è un piacere doppio“. (Jean de La Fontaine, Favole, 1668/79)

compagni di (re)merendum…

Napolitano: “la riforma non serve a tagliare le poltrone”. Bensì a stabilizzare i tavoli.

Renzi:”Contro di me la solita accozzaglia”. Guarda che Verdini è alleato tuo.

“Quella della Costituzione è la madre di tutte le riforme”. Quella che sta sempre incinta? (Flex)

E’ italiana la donna più anziana del mondo, 117 anni”. Resta da capire come sia scampata per così tanto tempo al femminicidio… nonostante la Fornero, ha messo in ginocchio l’INPS. Pare che per “abbatterla” sia stato indetto un referendum. E lei vota NO“. (Flex)

compagni remerendum

…tempi buy

La borsa italiana in crescita“. Sempre in forte perdita la vita.

Padoan: “La crescita si fa più robusta”. E i senza PIL corrono a comprare il prodotto in farmacia.

Renzi: “sulla crescita vorremmo fare di più”. Ma prima ovviamente viene Monte dei Paschi. (Flex)

La crisi economica ha determinato una crisi nel campo della macroeconomia. L’idea che le depressioni avessero soltanto un interesse storico è stata screditata dalla crisi globale e dalla Grande recessione… l’esperienza del Giappone degli anni novanta e quella odierna di Europa e Stati Uniti suggeriscono che – al fine di comprendere e combattere le fluttuazioni economiche – le teorie che considerano il livello medio del prodotto e dell’occupazione di lungo periodo come un dato sono poco più che inutili“. (L. Summers – La scomparsa della sinistra in Europa di Aldo Barra e Massimo Pivetti)

coppie di fatti

fùturismo

Confindustria: “Se vince il NO il paese si ferma”. E non può essere delocalizzato.

Renzi: “Non sono affatto interessato al mio futuro”. Ce l’ha proprio col nostro. (Flex)

Secondo il Financial Times in caso di vittoria del NO:
Dimissioni di Renzi.
Uscita dell’Italia dall’euro.
Uscita della Francia dall’Ue.
Collasso dell’Eurozona.
Bancarotta delle principali banche europee.
Fine dell’Unione europea.
Sì, d’accordo, è importante votare NO, ma adesso non esageriamo con l’ottimismo. (Matteo Volpe)

riforme

#iovotono…

Renzi con una lettera si appella al voto degli italiani all’estero: “Tanto che vi frega?”
“C’è chi usa il referendum per distruggere il PD”. E chi per distruggere la Costituzione.
“La politica non è l’unica cosa della vita”. Ci sono pure le banche e la massoneria, per esempio.
“La riforma è un treno che passa ogni vent’anni”. Infatti Mussolini arrivò in orario a Roma a bordo di una riforma.
“Se vince il NO non starò a galleggiare”. Per questo c’è lo sciacquone. (Flex)

Intanto Salvini a Mediaset Premier dichiara: «Sono pronto a fare il premier». No, un altro Matteo, no. (Flex)

Triangolo delle Bermuda dell’economia.
Attualmente, le manovre di politica monetaria sono progettate a favore di quel 20% dell’economia che ha già l’accesso al mercato del credito: grandi banche e società quotate. Tutto ciò a discapito del restante 80% – le piccole e medie imprese che ottengono meno del 5% del credito e lo 0% del capitale politico, mentre il 20% – Wall Street – ottiene il 95% del credito e il 100% del capitale politico.
Allora, qual è il problema? Che quel 20% (elite che ottiene il 95% e il 100% di tali vantaggi) crea meno del 10% dei nuovi posti di lavoro e della nuova produttività; l’80% invece (che ottiene il 5% e 0%) crea il 90% dei nuovi posti di lavoro e genera il 100% della nuova produttività
“. (Steen Jakobsen, economista)

treno crescita

goal e punizioni…

La Tecnocrazia Cristiana…

Renzi:”A Bruxelles non vado col cappello in mano”. Infatti si dice ‘con le pezze al culo’.
…e ancora: “L’Italia in Europa sta segnando dei goal”. Ha detto il pallonaro gonfiato.
Juncker:”Non siamo tecnocrati“. Ma figli di Troika. (Flex)

La linea programmatica UE della solidarietà: “Imene frego”…

l’Italia non può più dire, e se lo si vuole dire lo può fare, ma me ne frego, che le politiche di austerità sarebbero state continuate da questa Commissione come erano state messe in atto in precedenza”l’Italia “non può più dire, e se lo si vuole dire lo può fare, ma me ne frego, che le politiche di austerità sarebbero state continuate da questa Commissione come erano state messe in atto in precedenza“. (Juncker, presidente commissione europea)

alla leopolda c’erano tutti…

“Firenze, fumogeni davanti alla Leopolda”. E tanto fumo anche dentro. (Flex)

“Renzi invita il popolo della Leopolda a porre domande cattivissime”. What’s your name? (Flex)

“E adesso il futuro”. Ed è subito black out. (Flex)

«Credetemi, non abbiate paura né dei bricconi, né dei malvagi. Abbiate paura dell’onesto uomo che s’inganna; egli è in buona fede verso se stesso, crede il bene e tutti si fidano di lui; ma, sfortunatamente, s’inganna circa i mezzi di procurare il bene agli uomini» (Antonio Gramsci, Q. 1, § 120)