Biowashball & Associati

«L’euro e l’Europa non devono essere un alibi. Noi abbiamo oggi 800 miliardi di spesa. Di questi, 100 sono tasse sul debito. Degli altri 700, possiamo tagliarne 200. Io discuterò con l’Europa sulla gestione, ma non per questo sono esonerato dal fare pulizia a casa mia”.» (Gianroberto Casaleggio)

Flex:”Ah, eccovi spiegato quel movimento di grillini sotto il tappeto di Casaleggio”.

I primi sintomi di un mutato atteggiamento nei confronti del debito pubblico si ebbero con l’economista Léon Walras (1834–1910), noto antisemita, fondatore dell’economia pura, il quale già affermava che l’aumento del debito pubblico poteva mettere in serio pericolo l’ordine sociale. Walras, nei suoi studi di economia applicata, sosteneva che l’equilibrio generale può essere raggiunto soltanto attraverso l’ordine totalitario e l’abolizione della democrazia. Gli USA gli facevano orrore: soleva dire che doveva essere fatto di tutto per impedire che gli Stati fossero al servizio del popolo. Non sarà un caso, evidentemente, che Walras fosse anche consigliere del Crédit Suisse. È proprio con Walras che ha inizio quel crimine economico di cui parla il mio eminente amico [Paolo Barnard, N.d.A.]. Significativo anche il fatto che, per analoghi motivi, Jacques Attali abbia qualificato gli Usa come uno Stato marxista (!), opinione in qualche modo suffragata da Marx stesso, che in una lettera a Lincoln scrisse: “ripongo ogni mia speranza negli USA“.

(Alain Parguez, economista)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *