Priapismo finanziario

La nostra vita comincia a finire il giorno che diventiamo silenziosi sulle cose che contano“. (Martin Luther King)

Draghi:“Per i Paesi dell’Eurozona è arrivato il momento di cedere sovranità all’Europa per quanto riguarda le riforme strutturali”. (ago. 2014)
Flex:”Sono passaggi tecnici necessari, l’eurozona ha bisogno di munizioni per superare la deflazione con il boom della deflagrazione. Ed un intrattenitore barzellettiere prima ed un gelataio dopo come cavalli di troia di questa missione.
Avanti Troika alla riscossa, ai lavoratori spacchiam le ossa…”.

Con la cessione di sovranità, con questa parola d’ordine impostaci da Maastricht ad oggi, passando per l’introduzione della moneta unica, cosa abbiamo ottenuto? Povertà di intere popolazioni, disoccupazione di massa e svendita dei beni pubblici. Ma alle oligarchie finanziarie europee ancora non basta, vogliono ancora di più: la totale distruzione degli Stati nazionali, ultimo ostacolo a un mercato globalizzato.La sfida oggi in Europa è epocale ed è tra chi vuole riappropriarsi di quote importanti di sovranità (alimentare, energetica, valutaria, monetaria, fiscale… ) per poter tornare a incidere positivamente sulle condizioni di vita dei propri cittadini; e chi vuole, attraverso questi organismi sovranazionali continuare l’opera di dissoluzione delle democrazie nazionali con tutte le conquiste sociali realizzate negli ultimi decenni“. (Paolo Becchi)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *