Archivi del mese: ottobre 2014

Arancia metalmeccanica

Job Act, “colpi gratuiti a lavoratori in sciopero”. 
Flex:”Menarmeccanico. È il nuovo stato sociale renziano”.

Nell’ambito di un sistema di laissez-faire il livello occupazionale dipende in larga misura dal cosiddetto “stato di fiducia”. Se questo si deteriora, gli investimenti privati calano, che si traduce in un calo della produzione e dell’occupazione (sia direttamente che tramite l’effetto secondario della caduta dei redditi su consumi e sugli investimenti). Questo dà ai capitalisti un potente controllo indiretto sulla politica del governo: tutto ciò che può scuotere lo “stato di fiducia” deve essere accuratamente evitato perché causerebbe una crisi economica. Ma una volta che il governo scopre il trucco di aumentare l’occupazione con i propri acquisti, il dispositivo di controllo potente perde la sua efficacia. Da questo discende che i deficit di bilancio necessari per portare a termine l’intervento del governo devono essere considerati come pericolosi. La funzione sociale della dottrina della “sana gestione finanziaria” è quella di rendere il livello del lavoro dipendente dallo stato di fiducia“.

(Michał Kalecki)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Mortazza vostra!

Romano Prodi:”Siamo eterodiretti, siamo assolutamente eterodiretti.., Anche Kohl mi diceva sempre di fare i compiti a casa, no? Però poi sul come fare i compiti si lavorava assieme, era un lavoro quasi di gruppo quello che si faceva… Ora questo invece non c’è più”.

Flex:”In effetti l’articolo 1 della Costituzione dice che la sovranità italiana appartiene agli eterodiretti che assicuri un lavoro di gruppo fisso alle lobby e uno precario, mobile ed eterodiretto ai cittadini.
Immediata la replica di Vendola:”Rispettare gli omodiretti”.

Flex:”Prodi fiscale: rigore c’è quando Merkato fischia”.

Non esiste la comunità internazionale di cui parlano americani ed europei. In gioco ci sono soltanto coalizioni estemporanee, dettate da interessi particolari“. (Zygmunt Bauman)

La satira di Pawell Kuczynski

Dal Vangelo secondo Matteo

Renzi: “Nessuno può pensare di trattare sulla legge di Stabilità”. 
Flex:”E che siamo, in democrazia?!
P.S. Anche perché se tratta cade”.

Poi ai sindacati:”Se vogliono fare le leggi si facciano eleggere”.
Flex:”Come ha fatto lui”. 

Le ricette di Renzi…
Flex:”Vaselina quanto basta”.

“Dimostreremo che non è vero che l’Italia e l’Europa sono state distrutte dal liberismo, ma che al contrario il liberismo è un concetto di sinistra, e che le idee degli Zingales, degli Ichino e dei Blair non possono essere dei tratti marginali dell’identità del nostro partito, ma ne devono essere il cuore”. (Matteo Renzi)

Non siamo mai stati così liberi. Non ci siamo mai sentiti così impotenti”. (Z. Bauman)

Oggi ad esempio, molti cittadini, succubi dell’ideologia funzionale alle lobby, se la prendono quasi esclusivamente con la classe politica, rivendicando drastiche riduzioni del loro potere e dei loro benefici. Così facendo, però, non pongono mente al fatto che il grosso del potere e del denaro non è tanto in mano alla classe politica, ma alle grandi lobby, che trattano i politici quasi come loro dipendenti. Più il disagio sociale viene riversato sui politici, più la cittadinanza fatica a scorgere che i veri privilegiati sono altri, che però agiscono dietro le quinte“. (Colin Crouch, “Postdemocrazia, 2003”)

Bank Bank!

Draghi BCE, stress test su sistema banche…
Flex:”Il bue che dice cornuto all’asino.
E fu cosi che Errata Carige e Monte dei Caschi di Siena. Pronto il piano governativo per il conseguente crash test sui piccoli risparmiatori”.

La finanza è un termine da schiavi: essa è sconosciuta nel vero Stato“.
(J.J. Rousseau, “Contratto sociale”)

La bomba a tempo dell’Unione Bancaria. Il 20 Marzo 2014 i funzionari dell’Unione Europea hanno raggiunto uno storico accordo per creare un’agenzia unica per la gestione delle banche in fallimento. L’attenzione dei media si è concentrata sull’accordo che coinvolge lo “European Stability Mechanism” [ESM], un meccanismo comune per la chiusura delle banche fallite.Ma la vera questione per i contribuenti e per i risparmiatori è la minaccia costituita da un accordo che autorizza entrambi i salvataggi, il bail-out ed il bail-in, ovvero la confisca dei fondi dei depositanti.

(Ellen Brown, counterpunch.org)

La satira di Pawell Kucsynski

la chiamavano Leopolda

Alla Leopolda c’erano tutti,
dal finanziere all’impresario
Alla Leopolda c’erano tutti 
con gli occhi rossi e il cappello in mano
A idolatrare chi per un poco
con tante pretese, tante pretese
ad idolatrare chi per un poco
rottamò (troikamente) tutto il Paese
“.
(Fiore Ranauro, in arte Flex)

Renzi:”Il posto fisso non c’è più”.
Flex:”Sono tutti pieghevoli, in avanti”.

Serra:”Lo sciopero crea disoccupati”.
Flex:”Ma il primato resta del Governo”.

Renzi:”La sinistra non deve essere il museo delle cere”.
Flex:”E neanche quello della vaselina”.

Difatti il meccanismo è proprio quello di incorniciare le banalità del tempo come genialate. In modo che quanti se le bevono abbiano essi stessi l’impressione di essere geniali. In altri tempi si sarebbe parlato di “irridente paternalismo demagogico”, oggi di straordinarie “strategie d’ascolto”. Questa la Leopolda (on light) per le vaste platee di pellegrini alla ricerca di una speranza purchessia. Poi c’è l’operazione in penombra (Leopolda darkness), che ricalca i modelli messi a punto dall’Internazionale del privilegio; con i suoi periodici meeting per pochi intimi, che si danno appuntamento in località amene. Il modello classico è quello di Davos, in cui si consolidano alleanze, si mettono a punto strategie e si scambiano favori. Il tutto in un clima di riservatezza molto più funzionale allo scopo (compattare cordate) dell’infelice sede del Nazareno, dove le ombre dell’accordo tra il giovane rampante venuto da Rignano e il vecchio pregiudicato della Brianza apparvero in tutta la loro imbarazzante evidenza“.

(Pierfranco Pellizzetti)

“Lo sciopero crea disoccupati, va limitato perché è un costo”. (Davide Serra, 26 ottobre 2014)
“Per creare nuovo lavoro va abolito il diritto di sciopero”. (Benito Mussolini 3 aprile 1926)
Flex:”Locomotiva Europa. Destinazione Euscwitz! In ogni epoca nazista i diritti diventano costi economici”.

Pilocal 2

L’UE:”L’Italia non è in linea”. 
Flex:”È anoressica”.

L’Europa chiede chiarimenti sulla manovra…
Flex:”consiglia sempre di mantenere la destra con guida a sinistra.
Immediata la replica di Renzi:”Excuse me… Bittescèn, noyo volevan savuàr…

Flex:”Eurologistica capitalista. Troveranno la quadra per grandi speculazioni e grandi profitti.. o romperanno il quadro per grandi speculazioni e grandi profitti”.

L’Europa è una piccola articolazione della politica statunitense. E’ comico essere europeisti ed è comico tutto il ciarpame che ci viene ammanito quotidianamente. Che non è neanche oppio della Storia, è una droghetta, mariuana“.

(Luciano Canfora)

La satira di Pawell Kuczynski

Pensioni invernali

Matteo Renzi:“Le pensioni non si toccano”.
Flex:”Si violentano”.

Il governo ha deciso di far slittare le pensioni al 10 del mese.
Flex:”per aiutare i pensionati a stare al passo il governo ha finanziato dei corsi di formazione tenuti da grandi maestri sciatori, come previsto dalla norma ‘scivola nei cassonetti’ della Legge di Stabilità”.

Immediate le proteste dei sindacati:”Co6s’hanno fatto di male gli anziani e i pensionati per essere trattati così?”.
Flex:”Nulla, gli hanno solo dato il voto alle primarie”.

“Questo avvilimento dell’individuo io lo considero il maggior male del capitalismo. Sono convinto che vi sia solo un modo per eliminare questi gravi mali: la creazione di una economia socialista, accompagnata da un sistema educativo volto a fini sociali”. (A. Einstein)

La satira di Pawel Kucsynski

Flex:”per la prima volta nella storia, grazie agli 80 euro del governo, i bimbi non saranno più choosy in casa, ma impegnati nel mantenere i nonni in vita, grazie al bonus bebè. E per un massimo di 3 anni”.

ANO

Nasce l’Agenzia Nazionale per l’Occupazione (ANO).
Flex:”In caso di supposta disoccupazione, inviare curriCULUM”.

“In un’economia monetaria positiva, non può esistere una curva di offerta del lavoro, perché guadagnare un salario è un vincolo e non una scelta“.

(Alain Parguez Professor of Economics at the University of Franche-Comte, Besancon (France), Associated with the Economics Department at the University of Ottawa)

Le tasse non possono essere riscosse a meno che ci sia già denaro preesistente in circolazione; (2) il deficit di bilancio governativo è una nozione ex post, che è per sua natura già finanziata“.

(Parguez, Seccareccia, 2002)

1510991_305826346232676_1422348205_n

“Il comunismo è il luogo sociale della libera individualità”. (K. Marx)
Flex:”Il neoliberismo è il luogo mercato della libera corporazione capitalistica”.

il poppulista

Renzi:”Per il 2018 80 €uro alle neo mamme per 3 anni”. 
Flex:”Dal quarto anno in poi si presume che il bambino sia assunto grazie al job act”.

E’ manifestamente contrario alla legge di natura che un fanciullo comandi a un vecchio, che un imbecille guidi un saggio e che un manipolo di uomini trabocchi di cose superflue mentre la moltitudine affamata manca del necessario“.

(J.J. Rousseau, “Discorso sull’origine della disuguaglianza”)

La satira di Pawel Kuczynski

Padoan Petròl

Renzi:”Le regioni hanno hanno modo di non aumentare le tasse”.
Flex:”Basta farle aumentare ai comuni”.

Padoan:”E’ possibile che le Regioni aumentino le tasse”.
Flex:”È lo scaricabarile fiscale”.

Renzi agli imprenditori: “Tolto articolo 18 e contributi per i primi tre anni. Adesso non avete scuse”. 
Flex;”Potete licenziare al quarto”.

CNEL:”In sette anni persi un milione di posti di lavoro”.
Flex:”Sette anni fa nasceva il PD. Dal Monte dei Pegni di Siena”.

Flex:”Job Act, il costo dei lavoratori sarà così basso che la Cina protesterà per concorrenza sleale”.

Questa idea influenzò Keynes e venne inclusa nell’approccio della “finanza funzionale” proposto dall’influente Post-Keynesiano Abba Lerner (1930-1982). Dal momento che il governo può emettere moneta a suo piacimento, il livello della tassazione e il livello dei suoi prestiti sono strumenti che possono influenzare l’economia. Perciò tutte le analisi economiche di bilancio basate sulle famiglie applicate allo stato sono un non senso, a meno che non venga perduta la capacità di creare moneta (come è avvenuto nell’Eurozona). Secondo Lerner “il governo dovrebbe aggiustare il suo tasso di spesa e di tassazione affinché la sua spesa totale sia necessaria né più né meno a perseguire l’obiettivo del pieno impiego di tutti i fattori al livello corrente dei prezzi. Se ciò vuol dire che deve esserci un deficit, prestiti più ampi, emissione di moneta, ecc.., allora vuol dire che tutto questo non è né bene né male in sé, si tratta semplicemente di modi per assicurare il pieno impiego e la stabilità dei prezzi”. Finché queste politiche non determineranno un eccesso di domanda, non c’è ragione di temere gli effetti inflazionistici. Questo non significa che non ci siano vincoli alla politica monetaria, ma questi vengono dall’inflazione e dal rischio associato di un brusco declino nel valore della moneta rispetto ad altre valute“. (Martin Wolf)

La satira di Pawel Kcuzynski