Archivi del mese: dicembre 2014

La Baia dei Porci

Disgelo USA – Cuba. Embargo finito.
Flex:”Hasta il Miercato Libero Siempre!
E vai col rhum e coca…”

Nella trattativa è stata decisiva la mediazione del Papa
Flex:”Dio Che”.

“Ora Cuba entri nel FMI, riceverà oltre 1 miliardo di prestiti”. (La Stampa)
Flex:”InCUBAzione neolibetista. Buena Vista Global Club…. Si passerà dal Cuba Libre al Cuba Freedom From My People”.

“Nasce così nel mondo commerciale una lotta perpetua di tutti contro tutti, lotta tra compratori e venditori; e questa lotta diventa sempre più ardente, più ingiusta e più pericolosa per le conseguenze, a misura che la popolazione cresce, lo stato commerciale s’ingrandisce per le acquisizioni che sopraggiungono, la produzione e le arti si sviluppano, e con ciò si aumentano e diversificano le merci circolanti e i bisogni”.

(J.G. Fichte, “Lo Stato commerciale chiuso”)

Pawel Kuczynski
FacebookTwitterGoogle+Condividi

il Sapientino

Rai, Benigni declama i 10 Comandamenti…
Flex:”Visto che della Costituzione è rimasto ben poco”.

Ho saputo che ieri sera Roberto Benigni era ad un programma della TV nazionale italiana pagato da voi un sacco di soldi e ha citato frasi del Talmud (libro sacro ebraico), che voi divulgate come sue, ma che non ha citato che nel Talmud si dice “che lo stato di israele non può nascere in nessun luogo sulla terra e che la Palestina non può essere occupata per tale scopo e che ciò viola la religione ebraica” vero????….. p.s.: nulla è per caso.

(Samantha Comizzoli, attivista diritti umani)

…e comunque i vari Benigni, buonisti radical chic del cazzo amici dei piddini, hanno fatto più danni, perché hanno creato quel substrato socio culturale che ha costituito terreno fertile per l’autorazzismo che ha portato a reclamare il “vincolo esterno”: senza i vari Benigni nulla di quello che stiamo vivendo sarebbe stato possibile. …autorazzismo e rassegnazione sono due facce della stessa medaglia e rappresentano la vittoria del liberismo.

(Lorenzo D’Onofrio, attivista ARS)

Pawel Kuczynski

Shock Corruption

Napolitano:«Bisogna fermare le infiltrazioni criminali». 
Flex:”chè non c’è più posto”.

Napolitano: «Necessario reagire all’antipolitica». 
Flex:”Come nel ’92”.

Per chi abbia letto il libro “The Bad Samaritans”, proclamato lo “stato di corruzione” (variante moralistica della shock economy, applicata in ogni Paese al mondo) si affaccia invariabilmente una terapia: quella dell’austerità anti-spesa pubblica e pro-privatizzazioni, imposta dagli organismi internazionali che gridano all’emergenza corruzione. Essa (terapia), infatti, si preannuncia, come rimedio unico ed inevitabile, proprio con l’arrivo delle accuse di corruzione (che in Italia hanno avuto infatti la ben nota sincronia con la conclusione del Trattato di Maastricht)”; Lo scandalo corruzione politica e burocratica – e l’attacco al debito pubblico come causa della pressione fiscale “insostenibile”- invocati come emergenza sono il classico più trito. Ma emergenza non è: è solo una messa in scena manipolativa di una realtà fisiologica che può essere combattuta e vinta, ma non con i mezzi che indicano “ESSI”. Mai e poi mai“.

(Luciano Barra Caracciolo)

Pawel Kuczynski

EUschwitz

Juncker (UE):”Senza riforme conseguenze spiacevoli”…
Flex:”si passerà dal governo politico figlio di Troika al governo tecnico della Porca Troika”.

“…Io non ho denaro fresco, lo dico a romani e parigini, a cui tutto questo non basta”.
Flex:”Ah ok, ma noi accettiamo anche i buoni pasto!”.

E infine rivolto alla Grecia:”Potrebbero crearsi nuovi problemi se i greci voteranno in modo sbagliato”.
Flex:”La nuova riforma elettorale ancora non ha previsto l’abolizione delle elezioni”.

L’accumulazione che queste misure determinano non è un accrescimento di ricchezza nazionale, ma è spoliazione di una classe a favore di un’altra, e cioè delle classi lavoratrici e medie a favore della plutocrazia. Il disegno di favorire la plutocrazia appare sfacciatamente nel progetto di legalizzare nel nuovo codice di commercio il regime delle azioni privilegiate; un piccolo pugno di finanzieri viene, in questo modo, posto in condizioni di poter disporre senza controllo di ingenti masse di risparmio provenienti dalla media e piccola borghesia e queste categorie sono espropriate del diritto di disporre della loro ricchezza“.

[Antonio Gramsci, “Tesi di Lione”]

Pawel Kuczynski

Il Frattale

Renzi:”Nel partito solo gli onesti”.
Flex:”Tutti gli altri alla Leopolda”.

“Stiamo rinnovando il Pd a tutti i livelli.”
Flex:”A cominciare dagli elettori”.

Il disegno di favorire la plutocrazia appare sfacciatamente […]: un piccolo pugno di finanzieri viene, in questo modo, posto in condizioni di poter disporre senza controllo di ingenti masse di risparmio provenienti dalla media e piccola borghesia e queste categorie sono espropriate del diritto di disporre della loro ricchezza“.

[Antonio Gramsci, “Tesi di Lione”]

Pawell Kuczynski

Mani Pulitissime

“Questa è la strategia standard per privatizzare. Togli i fondi, ti assicuri che le cose non funzionino, la gente si arrabbia e tu consegni al capitale privato”. (Noam Chomski)
Flex:”Lettera della BCE all’Italia: privatizzazioni, liberalizzazioni, flessibilità del lavoro”.

Ritorna qualcosa di simile a Mani Pulite. Serve a dare l’ultimo colpo di discredito allo Stato e alle partecipate, per preparare il piano di privatizzazioni richiesto perentoriamente dall’Europa per poter concedere di tagliare di uno 0,1 o 0,2 di meno il rapporto deficit-PIL, già ben inferiore al 3%. Serve inoltre a dimostrare che l’Italia è totalmente corrotta (in alto, nel mezzo e in basso). E che perciò deve essere commissariata a livello nazionale, da un organismo sovranazionale. E’ la ripetizione della stessa campagna mediatica condotta tre anni fa verso la Grecia. Ora è l’Italia ad essere valutata dalle agenzie di rating al livello di “spazzatura”, prodromo dell’arrivo della Trojka.

(Francesco Cartolini)

La satira di Pawel Kuczynski

Genuflessioni da jobs act

Jobs Act, licenziare sarà più conveniente.
Flex:”questo è quanto sancisce un studio della Sergio Marchionne University”.

Renzi: “Non lasceremo Roma in mano ai ladri”.
Flex:”la venderete solo in blocco a qualche investitore multinazionale”.

I difetti di spicco della società economica in cui viviamo sono la sua incapacità di prevedere la piena occupazione e la distribuzione arbitraria e iniqua della ricchezza e dei redditi“.

(J.M. Keynes)

10456202_10205529543907319_3346949571708970671_n

Jobs Act, la riforma che crea milioni di posti…
Flex:”di licenziamento”.

la pace dei Censis

Rapporto Censis: “L’Italia è un Paese ripiegato su se stesso”.
Flex:”90 gradi esatti”.

“Il 60% degli italiani teme di poter diventare povero da un momento all’altro”.
Flex:”il governo è invece in ritardo di produzione rispetto a quanto ci chiede l’europa”.

“Gli immigrati sembrano affrontare la crisi meglio degli italiani”.
Flex:”Loro erano già abituati a saltare i pasti”.

“L’Italia umilia i giovani. Aumentano i NEET”.
Flex:”ma è già pronto il progetto europeo ‘Garanzia Giovani‘: serve loro ad imparare a raccattare le palline da tennis nei club esclusivi, senza essere di disturbo a chi gioca. Neet!”.

Forse ai nostri giorni l’obiettivo non è quello di scoprire che cosa siamo, ma di rifiutare quello che siamo. Dobbiamo immaginare e costruire quello che potremmo essere“.

(Michel Foucault)

Disuguaglianze

Caput Immundi

Marino: “La città non è marcia, ma ci sono alcune mele marce“.
Flex:”Quelle arrivate dalla campagna. Elettorale”.

Marino:”I dirigenti ruoteranno tutti”.
Flex:”per le foto segnaletiche”.

La chiamano fasciomafia ma dentro c’è anche tutta la monnezza della sinistra italica, cioè della merda che da 60 anni rovina il paese“. (Walter Impellizzeri, attivista mmt)

La corruzione non è un fenomeno legato al pubblico né al privato, ma all’uomo. Speriamo che non si faccia leva su questi episodi per favorire ulteriori cessioni di sovranità ad un’Europa amica di nessuno, ma punitrice di tutti“. (Tammaro Terracciano)

Ora i nuovi rappresentanti del potere sono e saranno meno infangati con la criminalità comune, meno “brutti sporchi e cattivi” in apparenza. Ma certamente più forti nel perseguire il disegno di formazione dello Stato prima Europeista e poi Mondialista, di standardizzazione delle coscienze e di controllo sempre più centralizzato della gente comune. Naturalmente il Sindaco di Roma continuerà ad essere al servizio del Papa, gesuita questa volta… Roma e l’Italia continueranno ad essere pesantemente influenzate dal Vaticano… ma in modo meno evidente e sfacciato. Più nella sostanza che nella forma. “. (Francesco Carotenuto)

La satira di Pawel Kuczynski

Marino fuori dai giri (Gad Lerner)
Flex:”In effetti batte altre piste ri-ciclabili”.

morire di FAO

FAO: “La fame del mondo si dimezzerà nel 2015″.
Flex:”… a causa della sete”.

“La terra può nutrire tutti”.
Flex:”E’ gradita la prenotazione”.

MAI PIU’ AVVOLTOI E BAMBINI COSI’. COSA E COME FARE.
In estrema sintesi:
A) Mobilitazione delle opinioni pubbliche per…

B) la totale cancellazione del Debito Estero del Terzo Mondo, spesso accumulato da ex dittatori, e che la legge internazionale definisce come “Debito Odioso”, quindi già legalmente cancellabile.

C) cancellazione e moratoria per 100 anni degli accordi bilaterali, multilaterali fra Paesi del Terzo Mondo e Organizzazione Mondiale del Commercio/Paesi Occidentali sulle tariffe e il protezionismo, ove si permetta alle nazioni povere di usare il protezionismo contro le merci estere (da nazioni ricche) e a favore delle proprie merci. Le eventuali perdite dei produttori occidentali causate da questa politica saranno ripagate da un semplice aumento del deficit di bilancio dei loro Stati che li sosterranno, o da programmi di lavoro garantito nel caso in cui l’occidentale debba chiudere l’attività. Di fatto indennizzi di Stato.

D) l’abolizione di ogni forma di ‘aiuti’ al Terzo Mondo, sia quelli di macrofinanza come i prestiti del Fondo Monetario Internazionale e dei governi ricchi, sia le beneficienze dei cittadini del Nord del mondo. VA COMPRESO ASSOLUTAMENTE che questi aiuti nascondono la nuova schiavitù/dipendenza dei poveri dall’elemosina del Nord, lavano le coscienze degli occidentali, ma soprattutto nascondono il fatto che la soluzione alla povertà del mondo DEVE ESSERE STRUTTURALE e non elemosine. Strutturale significa i punti che state leggendo, mai più elemosine del Nord ricco che li incatenano a noi di nuovo.

E) l’abolizione del Mercato delle Commodities (sono le materie prime, risorse materiali come grano, minerali ecc.) su tutti i prodotti strategici (di maggior valore nazionale) del Terzo Mondo. Va capito che il prezzo di una materia prima strategica come il cotone o il cacao prodotti in Africa, viene oggi deciso da questi Mercati delle Commodities a Chicago o a Londra, e se gli speculatori decidono variazioni di prezzi, questo istantaneamente può affamare 100 milioni di esseri umani (contadini, piccoli produttori) in Africa, Centro America, o Asia. Questo meccanismo perverso ha ucciso cento volte più dell’Olocausto, e da esso vanno appunto esentate le materie prime di maggior valore nazionale prodotte dal Terzo Mondo, così che siano i poveri a deciderne i prezzi (almeno in parte).

F) investimenti colossali, un vero Piano Marshall, a fondo perduto da parte dell’Occidente in… ISTRUZIONE, SCUOLE, UNIVERSITA’, FORMAZIONE nel Terzo Mondo. E’ ormai stabilito oltre ogni dubbio socio-macroeconomico che la PRIMA CAUSA di povertà, sfruttamento, arretratezza delle nazioni povere è L’IGNORANZA. Essa condanna centinaia di milioni di persone a non poter fare nulla per migliorarsi e a dover dipendere dal ‘know how’ dei bianchi del Nord in tutto. Questa di nuovo è una forma di moderna schiavitù del Sud.

G) l’esclusione totale del Terzo Mondo dal rispetto dei brevetti occidentali sui farmaci, sulle tecnologie salva vita, sulle biotecnologie (ed es. semi che resistono alle siccità) e sulle infrastrutture essenziali. Poi l’obbligo per qualsiasi entità commerciale dell’Occidente di vendere ai governi del Terzo Mondo farmaci e strumenti salva vita/sanitari al solo prezzo di produzione, attraverso eventuali accordi (delle aziende occidentali) coi governi ricchi per rimborsi sotto forma di detrazioni fiscali.

H) il boicottaggio occidentale dei governi del Terzo Mondo dimostratamente criminosi, corrotti, irresponsabili nei confronti dei propri cittadini. La cosiddetta governance dei leaders del Terzo Mondo è pessima, spesso di una crudeltà e barbarie nei confronti dei propri connazionali che ha pochi paragoni nella Storia. Boicottaggio significa di fatto solo una cosa: totale divieto in Occidente di vendergli armi e tecnologia a doppio uso (cioè che potrebbe essere usata in applicazioni civili ma anche militari). Questa regola già c’è da noi, ma è totalmente ignorata. Va pretesa la sua applicazione ferrea.

I) applicazione da parte dei governi del Terzo Mondo di politiche economiche Keynesiane interamente mirate all’Interesse Pubblico e alla Piena Occupazione, in particolare della Mosler Economics che oggi sa come proteggere qualsiasi governo sovrano nella moneta dagli attacchi dei Mercati e degli speculatori. QUESTO E’ VITALE PER I PAESI DEL TERZO MONDO, che i Mercati e gli speculatori tornerebbero a distruggere in un attimo.

L) la disponibilità del pubblico occidentale, cittadini e aziende, di ACCETTARE I PREZZI in termine di minor opulenza/benessere dovuti al riequilibrio fra ricchi e poveri del mondo, che peraltro non sarebbero stratosferici.

Paolo Barnard

Female-Starving-Sudanese-Toddler-and-Vulture-by-Kevin-Carter