il buon ladro di famiglia…

“Il Governo vota la Legge di Stabilità nella notte di sabato e domenica”. Che è l’ora esatta del principio neoliberale del buon ladro di famiglia. (Flex)

“Nella legge di stabilità carta famiglia e casa in leasing”. Rotoloni doppio velo e culo in comodato d’uso per le finanziarie. (Flex)

Delrio:”Proteggeremo gli investitori”. Con un bel cappotto di legno. (Flex)

Si chiacchiera a reti unificate delle responsabilità di singoli individui e politici nella tragica vicenda delle banche salvate dallo Stato derubando i risparmiatori, i cittadini e i lavoratori. E, così facendo, si personalizza il problema. Vent’anni di berlusconismo e di antiberlusconismo dovrebbero pur averci insegnato qualcosa. Se si personalizza il problema, esso cessa di essere inteso come sistemico.
Morale? La contraddizione cessa di essere il sistema finanz-capitalistico, come lo chiamava il compianto Luciano Gallino, e diventa il cavalier Berlusconi prima e la signora Boschi dopo. Con l’ovvia conseguenza che il sistema è assolto. Si finisce per credere – diciamolo nel modo più semplice – che il problema siano i singoli personaggi (più o meno piccoli, più o meno ridicoli a seconda dei casi) e non il sistema finanz-capitalistico, basato sul classismo, sul folle principio della crescita infinita e sull’alienazione come stile di vita
. (Diego Fusaro)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *