Archivi del mese: aprile 2016

italianostaisereno

“Cala l’aspettativa di vita in Italia”. E’ tutto un mortorio.

“Ultimi in UE in spesa per prevenzione”. Ma primi per “floreali” avanzi primari. (Flex)

Il Rapporto Observasalute boccia l’Italia in prevenzione, con una spesa per la salute in fondo alla classifica europea. “Anche quest’anno – avverte Walter Ricciardi, presidente dell’Iss e direttore dell’Osservatorio – le analisi contenute nel Rapporto Osservasalute segnalano numerosi elementi di criticità, in quanto confermano il trend in diminuzione delle risorse pubbliche a disposizione per la sanità, le esigue risorse destinate alla prevenzione e le persistenti iniquità”. La spesa sanitaria pubblica è passata dai 112,5 miliardi di euro del 2010 ai 110,5 del 2014, si legge, e la contrazione ha coinciso con una lenta ma costante riduzione dei deficit regionali, conseguita però in gran parte tramite il blocco o la riduzione del personale sanitario e il contenimento dei consumi, misure che, sottolineao gli esperti, difficilmente potranno funzionare ancora nel futuro.

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Obtorto polli

€ur(OPA) e allevamenti a terra. “Dal 2012 le galline hanno 750 cm quadrati di spazio”. E potranno imparare anche il ballo dei qua qua. (Flex)

P.S. E questa è la più grande conquista sindacale degli ultimi anni. (Flex)

“New York Times diverse ricerche hanno evidenziato come i ricchi vivano più a lungo e con più welfare”. Anche l’acqua calda conferma la scoperta. (Flex)

“L’odierno ordinamento capitalistico è un enorme cosmo, in cui il singolo viene immerso nascendo, e che è a lui dato, per lo meno in quanto singolo, come un ambiente praticamente non mutabile, nel quale è costretto a vivere”. (Max Weber)

pollaio

…e sti tassi!

Draghi a Berlino: «Noi obbediamo alle leggi, non ai politici». Che fanno le leggi per conto e sotto dettatura dei banchieri. (Flex)

Uno dei concetti più importanti da insegnare in economia è la nozione della “fallacia della composizione”: ovvero, quello che potrebbe essere vero per gli individui non è probabilmente vero per la società nel suo complesso. L’esempio più comune è il paradosso della parsimonia: mentre un individuo può risparmiare di più riducendo la spesa (a consumo), la società può risparmiare di più solo spendendo di più (ad esempio, attraverso gli investimenti). Un altro esempio utile di grande attualità riguarda il deficit di bilancio del governo federale. I politici e i media spesso sostengono che il governo debba mettere in pareggio i suoi conti proprio come una famiglia. Se una famiglia dovesse infatti spendere sempre di più rispetto al suo reddito, dovrebbe infine affrontare un’insolvenza; si è quindi affermato che il governo si trovi in un situazione simile. Tuttavia, un attento esame delle relazioni macroeconomiche mostrerà che questa analogia è errata, e che condurrebbe ad una politica di bilancio improprio. Questo esempio può correggere la fallacia della composizione.” (R. Wray, economista)

accadueoh!

Bargero (PD):“l’acqua pubblica non è un bene pubblico”. Logico: dopotutto il “Partito Democratico non è democratico”. (Flex)

Lasciati a secco da un governo che fa acqua da tutte le parti. (Flex)

Gran parte delle strategie politiche europee sono incentrate sull’appropriazione privata di ciò che è “produzione pubblica” dei servizi sociali, dei beni comuni tangibili (terra, acqua) e «artificiali» (l’energia, la conoscenza ecc.) facendo leva sulla privatizzazione del welfare state o attraverso le norme dominanti sulla proprietà intellettuale. Gli strumenti privilegiati per raggiungere tale obiettivo sono: l’«occupazione» del paese da parte dello stesso capitale privato e la limitazione della sovranità nazionale attraverso tecnocrazie sovranazionali. (David Harvey)

privatizzazione acqua

…e voi non siete un quorum

Renzi: “Coi soldi spesi potevamo comprare 250 vagoni ai pendolari”. E poi mandarli ad €Uschwitz. (Flex)

Renzi:”La demagogia non paga”. La Total si. (Flex)

Renzi:”Hanno vinto i lavoratori”. “Grazie alla Confindustria dei Petrolieri”. (Flex)

Prima di essere una società dominata dalla riproduzione di vincoli economici ben precisi, il capitalismo è un processo storico sociale caratterizzato da una specifica dialettica. Si tratta della dialettica della illimitatezza, caratterizzata dalla impossibilità di rispettare un limite definito in via religiosa, filosofica e politica“. (Costanzo Preve)

spartiti

l’uomo nomade

Venute meno le protezioni politiche i lavoratori non possono perseguire un’emancipazione attraverso istituzioni e apparati collettivi (la classe, il sindacato, il partito, infine lo Stato) ma soltanto accettando la competizione su scala globale e inseguendo la speranza di un successo personale magari in terra straniera ovunque i mercati richiedano la loro particolare abilità, senza mai disfare le valigie, senza attaccarsi a una casa di cui non si è proprietari ma inquilini temporanei, senza stringere rapporti affettivi troppo forti che sarebbe poi un problema sciogliere alla partenza successiva. (Matteo Volpe)

Per la volatilità dei capitali l’uomo si fa uccello mignattaio. (Flex)

RADICI

In vino imbecillitas

“Renzi a Vinitaly”. Fischi per fiaschi. (Flex)

“Mattarella parla di vino e Salvini lo insulta sui migranti”. La diatriba nasce dal dubbi legati ad accertare se il Nero d’Avola sia o meno un immigrato irregolare. (Flex)

Renzi visita anche lo stabilimento di Calzedonia”. E tutti intimissimi a dirgli: Quando Sloggi? (Flex)

Là dove la solitudine finisce, comincia il mercato; e dove il mercato comincia, là comincia anche il fracasso dei grandi commedianti e il ronzio di mosche velenose. (Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1883/85)

ed ora siamo nel vento…

Draghi:”Eurozona vulnerabile a nuovi shock”.
Per gli shock eurofilattici serve il Grande Maestro Vulnerabile. (Flex)

Ci troviamo, molto semplicemente, nella peggiore crisi dopo l’Unità d’Italia: peggiore di quella del 1866, e peggiore di quella del 1929. (Rapporto CER 4/2015)

L’Europa porta “rigore”. E anche rigor mortis. (Flex)

concorso-vignette-UE-2014