che mangino I-phone

Fassina:”Volontari in musei e parchi per valorizzare i tesori della cultura”. E per svalutare la plebaglia dei disoccupati e dei lavoratori. (Flex)

Se non hanno pane, che mangino I-phone. (Flex)

Vi é però una sempre più grande zona grigia, rappresentata dalle associazioni non profit che svolgono attività produttive, spesso su commissione di enti pubblici. Per farlo nella maggior parte dei casi partecipano a bandi, ricevendo finanziamenti per realizzare determinati servizi. Ma per vincere i bandi queste associazioni il più delle volte tirano al massimo risparmio (così peraltro è richiesto dalle nuove regole sui bandi pubblici): il che, tradotto, si trasforma in abuso di stage e contratti parasubordinati, e sempre più spesso nell’impiego di volontari per mansioni specifiche. (La Repubblica degli Stagisti)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *