Archivi tag: alain parguez

bankst€in

“24 anni fa nasceva Maastricht”. Grazie alla fecondazione esterologa assistita. (Flex)

Sono ammessi festeggiamenti con dolci non superiori al 60% dell’apporto calorico giornaliero e comunque sotto al 3% del rapporto fra massa grassa e magra. Mario vi osserva. (Gli Eurocrati)

Il primo abbozzo, per così dire, del trattato di Maastricht, venne scritto da un economista francese, François Perroux, nel 1943, con il pieno supporto di un trattato fatto dal regime tedesco e dal regime francese pro-nazista di Vichy; il nuovo trattato, che è stato formulato e deciso dal presidente Sarkozy e dalla signora Merkel, è basato esattamente su quello scritto da François Perroux nel ’43. Queste persone erano contrarie allo standard aureo tradizionale poiché ritenevano che lo standard aureo non avesse permesso la totale abolizione del potere di spesa dello Stato; quindi praticamente bisognava creare uno standard aureo superiore. (Alain Parguez)

TRATTATO MAASTRICHT

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Festa dell’Unità

Lagarde (FMI)”Le istituzioni devono persuadere i cittadini che le assunzioni a tempo indeterminato non ci saranno più”
Filippo Taddei (resp. economico PD): “Dobbiamo abituare la gente che le assunzioni a tempo indeterminato saranno molte di meno, i tempi di lavoro più lunghi…”.
Flex:”Festa dell’Unità d’intenti con FMI e Confindustria”.

Lagarde (FMI):”Per uscire dalla crisi gli italiani devono cambiare mentalità…”.
Filippo Taddei (resp. economico PD):”L’intero mercato è destinato a cambiare e con esso anche gli italiani dovranno cambiare la mentalità…”.
Flex:”oltre che nazione. Non si fa il precario così, alla cazzo!
Sfondo Monetario al servizio di debitori flessibili a tempo indeterminato”.

L’Euro fu creato per imporre austerità, lo smantellamento degli Stati, il dominio della finanza. Esso è, come scrissi, un esperimento di laboratorio che ha una sua logica. La signora Merkel e il signor Hollande hanno chiaro che il signor Varoufakis è l’unico a credere che l’Euro sia stato costruito per il popolo. Il vostro Compagno“. (Alain Parguez, 13.02.2015)

C’era una volta l’Unità…
Unità gennaio 1928

FMI:”Ci vorranno almeno vent’anni per recuperare i livelli di occupazione precedenti al 2008″. (luglio 2015)
FMI:”La riprese è nell’aria”. (aprile 2013)
Flex:”Privatizziamola”.

n€Ufeudal

Europa, Boldrini: “bisogna fare l’ultimo miglio, bisogna cedere sovranità”.
Flex:”Il Miglio al Verde”.

Ora, non c’è altra via di uscita dall’ “Assurdistan” che non sia la distruzione della camicia di forza da inquisizione, o l’imposizione di una drammatica rivoluzione nelle menti Europee. L’unica strategia nel breve periodo sarebbe stata lanciare un avvertimento: noi siamo pronti a lasciare l’Euro e fare default. Sarebbe stato sufficiente a generare il panico tra governi Europei e mercati. Avrebbero potuto concedere qualsiasi cosa alla Grecia per prevenire il crollo del sistema. Implorare è pura stupidità!

(Alain Parguez, 13 febbraio 2015)

io ballo coi gufi

Stati Uniti d’Europa, gli spacciatori di illusioni e pensieri positivi di crescita sociale ed economica.
Flex:”Gli euroinomani”.

Porto costantemente il fardello di Cassandra: le mie peggiori aspettative consacrate. La prima volta che udii di Syriza e del suo demagogo leader supremo, fui convinto di colpo del fatto che un destino crudele sarebbe stato il futuro della Grecia. Entrambi erano assolutamente ignoranti riguardo i fondamenti economici. Entrambi sono stati scelti per salvare la dittatura dell’Euro, pareggiando il bilancio, ripagando l’intero debito fittizio; i banchieri internazionali, alti prelati della religione dell’austerity, avevano bisogno di un nuovo gruppo di servitori. Mr. Varoufakis, uno «specialista della teoria dei giochi» che ignora la MMT, proprio lui mi disse che la Banca Centrale doveva prendere in prestito la moneta (!). Un ex «protetto» di Mr Papandreu, con il più alto sostegno negli USA, un erede della pseudo-Aristocrazia dei rentier della Grecia, è esattamente una qualche forma di avatar di Jacques Attali. Lui ha consigliato al Primo Ministro, più ignorante di Francois Mitterrand, di usare la strategia di Mitterrand: menzogne, promesse, e in seguito la rinuncia per amore della stabilità. É veramente triste per i Greci che sono stati posseduti dai nuovi Euro «eroi». In qualche modo, è stata esattamente la strategia di Francois Hollande, l’arte della menzogna è quindi la radice del potere, la nuova «Via verso la schiavitù» (Hayek). (Alain Parguez, 12 febbraio 2015)

Flex:”Io ballo coi gufi. Smascherando le ombre dei governi neofeudali”.

Guarda caso dalla metà degli anni ’80, dalla nascita cioè dei poteri finanziari sovranazionali che sono quelli che lucrano oggi sulle nostre disgrazie, si iniziò a predicare agli Stati con moneta sovrana che un debito pubblico e un deficit erano la peste, e questo non è vero. Non lo sono mai se uno Stato ha moneta propria, perché “un governo non potrà mai fare bancarotta coi debiti emessi nella propria moneta sovrana”. Alan Greenspan è piuttosto attendibile, e furbo. E allora che scopo aveva quel mantra ossessivo sui (falsi) danni di deficit e debito pubblico che nessuno oggi osa più sfidare? Risposta: spingerci nella mani di una unione monetaria capestro con regole assurde di limiti del deficit e del debito, che ci avrebbe sottratto l’unica arma possibile (la sovranità monetaria) per gestire senza danni l’indebitamento. E questo per compiacere a chi? Risposta: al Tribunale Internazionale degli Investitori e Speculatori guidato appunto dagli Stati Uniti, che con la scusa del risanamento degli Stati indebitati ma non più sovrani (noi appunto) ci costringe a vendere a prezzi stracciati i nostri beni pubblici ai barracuda finanziari, a deprezzare il lavoro con la disoccupazione (tanta offerta di lavoratori = crollano i loro prezzi, come con le merci), rovinando così le vite di generazioni di esseri umani, le nostre vite… Popoli d’Europa, sollevatevi”. (Paolo Barnard)

Gufi io ballo coi gufi

LituANI per l’€ur(OPA)

La Lituania entra nell’€uro.
Flex:”solo fra un pò scopriranno che sarà stato il contrario. Li-TU-Ani per l’€ur(OPA),

La Lituania entra nell’€urozona…
Flex:”Una volta si diceva:”I tedeschi invadono la Lituania”.

Come scrisse Alain Parguez, la moneta, nell’Eurozona, viene tenuta scarsa in base a postulati teorici ortodossi nel campo dell’economia monetaria [Patinkin, Koopmans ed altri]. Ma tale scarsità imposta politicamente ha enormi effetti dal punto di vista di classe; concentra enormi ricchezze nelle mani di élite finanziarie e grandi industriali conferendogli, conseguentemente, un enorme potere politico che sovrasta quello dei singoli governi, modellandoli ai propri voleri. Dal punto di vista della classe lavoratrice, la scarsità della moneta si traduce in tagli drastici al Welfare State, alla spesa sociale e al lavoro pubblico (con rilevante impatto sul lavoro femminile), nonché all’incentivazione di processi di precarizzazione forzata (uno dei pilastri del nuovo Capitalismo post borghese)“.

10256591_10152629399331245_4987999889050886596_n

SinisTronti

Il Jobs Act passa al Senato.
Flex:”Scontri in piazza a Roma dopo l’approvazione del contratto a manganellate crescenti”.

Cremaschi: “La Cgil in Parlamento ha votato il jobs act”.
Flex:”Dal Tronti di Operai e Capitale, ai Tonti di Capitale e Genuflessi”.

Nel frattempo su mafia romana…
Renzi:”A Roma mancavano solo Jack lo Squartatore ed il mostro di Lochness”.
Flex:”Eravamo a Bruxelles”, precisano gli interpellati”.

Non esiste alcun mercato del lavoro, perché se i lavoratori rifiutano il reddito proposto loro dalle aziende, muiono“.
(Alain Parguez, 2012)

La satira di Pawel Kuczynski

alla fiera dell’€ur

Draghi:”Chi ha troppi debiti perde la propria sovranità”.
Flex:”in favore degli €Usurai.
€ur(OPA), Operazione Privata di Acquisto (delle Nazioni).
Alla fiera dell’€ur per due soldi…

« La scarsità nell’economia neoclassica ha un ruolo simile a quello dell’austerità nella religione, dove l’austerità è “la suprema virtù di rinunciare piaceri della vita mondana per raggiungere la gioia della vita dopo la morte” ». (Alain Parguez)

La satira di Pawel Kuczynski

ANO

Nasce l’Agenzia Nazionale per l’Occupazione (ANO).
Flex:”In caso di supposta disoccupazione, inviare curriCULUM”.

“In un’economia monetaria positiva, non può esistere una curva di offerta del lavoro, perché guadagnare un salario è un vincolo e non una scelta“.

(Alain Parguez Professor of Economics at the University of Franche-Comte, Besancon (France), Associated with the Economics Department at the University of Ottawa)

Le tasse non possono essere riscosse a meno che ci sia già denaro preesistente in circolazione; (2) il deficit di bilancio governativo è una nozione ex post, che è per sua natura già finanziata“.

(Parguez, Seccareccia, 2002)

1510991_305826346232676_1422348205_n

“Il comunismo è il luogo sociale della libera individualità”. (K. Marx)
Flex:”Il neoliberismo è il luogo mercato della libera corporazione capitalistica”.

tendenti al verde

Arriva la nuova banconota da 10 euro
Flex:”Si chiama Pietro”.

Dall’altro lato del mercato monetario si pone l’offerta di moneta. E’ stato provato che l’offerta di moneta dovrebbe essere completamente esogena rispetto alla domanda di moneta e a maggior ragione rispetto alle richieste di circolazione. Essendo sotto il controllo assoluto della BCE impegnata all’inflazione zero, la quantità di Euro deve essere perfettamente scarsa. L’Euro sarà la più scarsa risorsa al mondo. I Trattati Europei stanno avallando la visione che in definitiva il valore di una materia prima dipenda dalla sua scarsità. Il denaro è la più scarsa di tutte le risorse perché la sua offerta può essere fissata a qualsiasi livello coerente con il principio di inflazione attesa uguale a zero“.

(Alain Parguez, anno 1998)

Non sempre dal letame nascono fiori

Commissione Europea, Juncker nomina la squadra di governo.
Flex:”Le guardie della finanza, i membri delle speculazioni unite. Con contorno di punizioni naziste.
Va pensiero sulle Albe Dorate“.

Nella squadra indicata da Juncker anche la belga Thyssen al lavoro.
Flex:”Per i lavoratori si preannuncia un autunno bollente”.

Vedete, vorrei che vi fosse chiaro un assioma, e lo chiamo tale non per nulla. L’economia è tutto, perché semplicemente fornisce i mezzi agli umani per vivere, curarsi, amarsi, proliferare, proteggersi, acculturarsi, morire decentemente. È tutto. Chi è scettico provi a pensare come si può amare i propri figli o una moglie se si lavora da schiavo 12 ore al giorno, emigrato, e magari a 50 si muore di asbestosi perché i tuoi superiori ti costringevano a non tutelarti. Estremizzo? No, no. Migliaia di italiani solo cinquant’anni fa fecero questa fine. Senza parlare del Terzo Mondo. Se l’economia sbaglia – o se viene fatta sbagliare per profitto di un nugulo di speculatori – accadono disastri umani indicibili a milioni di persone vere, sofferenze vere, morti veri. Fate una salto in Grecia in queste settimane. Ma anche nelle case di tante famiglie italiane, o in quelle dove un piccolo imprenditore si è impiccato dietro al suo capannone dopo il centesimo no di una banca. Pensate al destino di milioni di bambini la cui vita sarà storpiata in partenza dall’impossibilità di avere mezzi culturali e finanziari, che altrimenti ci sarebbero stati“.

(Alain Parguez, “Dallo Stato Sociale allo Stato Predatore“)