Archivi tag: andrea terzi

QE, la fonte meravigliosa

safe_image

Draghi lancia il Quantitative Easing, per lo stimolo quantitativo all’economia. 
Flex:”L’€Uchessina”.

Che significa che la BCE stampa denaro? A metterla così sembra che la BCE innaffi l’Eurozona di banconote. Il che avverrebbe se la BCE finanziasse un programma fiscale per dare lavoro ai più volonterosi disoccupati europei chiamandoli a svolgere lavori di assistenza sociale, culturale ed ambientale (ad esempio). Ma la BCE si limita ad acquistare titoli dal mercato. Non fa circolare più denaro. Non crea alcun reddito. Ed anzi lo riduce. Perché così facendo diminuisce ulteriormente i redditi del settore privato, che si trova con meno titoli  (e rendimenti) in mano, in cambio di denaro che non rende nulla (ed anzi in questo momento è addirittura tassato dal rendimento negativo). (Andrea Terzi)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Stockfisso

Draghi:”La BCE è ‘tecnicamente pronta’ a portare i tassi di interesse sotto zero”. 
Flex:”Giusto per farci abituare al clima siberiano e alle bolle di neve speculative contro gli stoccafissi”.

Draghi lancia i “tassi negativi”. Di negativo, per l’appunto, mancavano solo quelli.

(Francesco Toscano, Il Moralista)

Un tasso di interesse negativo è solo un’altra tassa. Chi ritiene che a fronte di tassi negativi le banche si metterebbero a fare più prestiti sembra ignorare le considerazioni esposte sopra e trascura il fatto che le banche non prestano per alcuni buoni motivi che solo la fine dell’austerità potrebbe efficacemente contrastare: bilanci bancari troppo esposti, e clienti senza prospettive di crescita del fatturato.Il tasso negativo è dunque soltanto una tassa sul denaro delle banche, che rischia di aggravare la deflazione“.

(Andrea Terzi, economista)