Archivi tag: bauman

Via Terùn

“Basta con gli italiani, ci rubano il lavoro”. (Cameron, premier inglese)
Flex:”C’è sempre un nord che ha una Padania da difendere”.

Salvini:”Sul sud abbiamo sbagliato”.
Flex:”per rimediare dedicherà una strada a tutti i migranti del Sud: “Via Terùn”

Il viaggiare per profitto viene incoraggiato; il viaggiare per sopravvivenza viene condannato“. (Zygmunt Bauman)
Flex:”…o favorito per disciplinare il Lavoro, intimorirlo e asservirlo ad una pura logica di sfruttamento e profitto”.

Fondare un nuovo tipo di Stato. Per tornare ad imporre il primato della comunità di individui liberi ed uguali che si riconoscano nello spazio della sovranità nazionale. (Antonio Gramsci)

La satira di Pawel Kuczynski
FacebookTwitterGoogle+Condividi

Mortazza vostra!

Romano Prodi:”Siamo eterodiretti, siamo assolutamente eterodiretti.., Anche Kohl mi diceva sempre di fare i compiti a casa, no? Però poi sul come fare i compiti si lavorava assieme, era un lavoro quasi di gruppo quello che si faceva… Ora questo invece non c’è più”.

Flex:”In effetti l’articolo 1 della Costituzione dice che la sovranità italiana appartiene agli eterodiretti che assicuri un lavoro di gruppo fisso alle lobby e uno precario, mobile ed eterodiretto ai cittadini.
Immediata la replica di Vendola:”Rispettare gli omodiretti”.

Flex:”Prodi fiscale: rigore c’è quando Merkato fischia”.

Non esiste la comunità internazionale di cui parlano americani ed europei. In gioco ci sono soltanto coalizioni estemporanee, dettate da interessi particolari“. (Zygmunt Bauman)

La satira di Pawell Kuczynski

Dal Vangelo secondo Matteo

Renzi: “Nessuno può pensare di trattare sulla legge di Stabilità”. 
Flex:”E che siamo, in democrazia?!
P.S. Anche perché se tratta cade”.

Poi ai sindacati:”Se vogliono fare le leggi si facciano eleggere”.
Flex:”Come ha fatto lui”. 

Le ricette di Renzi…
Flex:”Vaselina quanto basta”.

“Dimostreremo che non è vero che l’Italia e l’Europa sono state distrutte dal liberismo, ma che al contrario il liberismo è un concetto di sinistra, e che le idee degli Zingales, degli Ichino e dei Blair non possono essere dei tratti marginali dell’identità del nostro partito, ma ne devono essere il cuore”. (Matteo Renzi)

Non siamo mai stati così liberi. Non ci siamo mai sentiti così impotenti”. (Z. Bauman)

Oggi ad esempio, molti cittadini, succubi dell’ideologia funzionale alle lobby, se la prendono quasi esclusivamente con la classe politica, rivendicando drastiche riduzioni del loro potere e dei loro benefici. Così facendo, però, non pongono mente al fatto che il grosso del potere e del denaro non è tanto in mano alla classe politica, ma alle grandi lobby, che trattano i politici quasi come loro dipendenti. Più il disagio sociale viene riversato sui politici, più la cittadinanza fatica a scorgere che i veri privilegiati sono altri, che però agiscono dietro le quinte“. (Colin Crouch, “Postdemocrazia, 2003”)