Archivi tag: bill mitchell

il LOBBOtico

Flex:”Renzi in Giappone:”cazzata rotante!!!”

Renzi:”L’Italia è ripartita, lo dicono i dati”.
Flex:”…della rettoscopia”

Renzi ai sindaci: facciamo di più per le città.
Flex:”Lui, per esempio, si è dimesso”.

Torna a calare la produzione industriale a giugno sia rispetto al mese precedente dell’1,1%, sia rispetto allo scorso anno dello 0,3%.” (ansa.it)

Renzi a Tokio: “Porteremo riforme fino in fondo”.
Flex:”Tanto ormai non sentiamo più niente”.

Per ripetermi (per l’ennesima volta):una regola di base della macroeconomia è che la spesa è uguale al reddito, che incide sulla produzione e sull’occupazione. La spesa di qualcuno è il reddito di qualcun altro. Ci deve essere la crescita della spesa per far crescere il reddito e la produzione.
Se c’è disoccupazione significa che la spesa totale non è sufficiente a generare abbastanza produzione e quindi posti di lavoro per soddisfare la richiesta di lavoro dei disoccupati. La soluzione è sempre che il governo o aumenti direttamente la spesa per far salire le vendite nel settore privato e stimolare ulteriormente il reddito e/o abbassi le tasse, il che porterebbe ad una maggiore spesa privata…
“. (Bill Mitchell – economista)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

…s€rvativi

Grexit, la politica non fece niente…
Flex:”E fu così da Pilato in poi”.

Il pavido Tsipras chiama gli elettori a decidere su cose di cui la stragrande maggioranza delle persone (come è normale che sia) non sa niente. Non tutti sono tenuti a sapere che dentro la moneta unica l’austerità non è una scelta ma una necessità.
Ma lui e il suo ministro belloccio lo sanno benissimo, e da pochi mesi hanno ricevuto un mandato elettorale promettendo di abbandonare le politiche dei tagli e dell’inasprimento fiscale, quindi la conseguenza sarebbe stata logica. Dunque a cosa serve questo referendum? A far firmare al popolo greco stesso la sua condanna definitiva? Tanto di sicuro prevarrà il terrore delle carriole e delle cavallette; la paura di uscire dal “club”…
Io spero tanto di sbagliarmi, ma ci credo poco
“. (Cecilia Controriformista Clementi)

La Grecia ha una sola strada percorribile, l’uscita…
O il governo greco abbandona il suo mandato elettorale e capitola, diventando solo un altro governo ‘di sinistra’ che sovrintende all’austerity inflitta dagli ideologi neo-liberali, o deve dar prova della propria leadership e portare la nazione fuori dalla zona euro e perseguire il proprio percorso per una maggiore prosperità…
Ho sentito i politici di Syriza sostenere che lasciare l’unione sarebbe catastrofico, che non solo è falso, ma rafforza solamente la paura della popolazione per l’uscita…
” (B. Mitchell)

grexit

miscellanea

Renzi: «L’Italia non è il paese dei balocchi». 
Flex:”Da noi governano i burattini”.

Fassina:”Lascio il PD per un nuovo percorso”.
Flex:”si crede Tomtom”

Ignazio Marino:”La destra torni nelle fogne”. 
Flex:”che le carogne del PD si sentono soli”.

Se il deficit di bilancio non è sufficiente, allora il reddito nazionale cadrà e la piena occupazione sarà persa“.
(Bill Mitchell, by CSEPI)

Salvini:”Vorrei essere ungherese”.
Flex:”un salame”.

Salvini esiste solo grazie a Fassina, Civati, Cofferati, Landini, ilmanifesto, Tsipras e Ferrero… e poi mi parlano di sinistra… (Lorenzo D’Onofrio)

Tutto per profittweet

Non si ferma la corsa dei fallimenti d’impresa: +14% nel secondo trimestre.
Flex:”La doppia faccia del mercato: ci si svuota di imprenditori e ci si riempie di impresari e sigillatori”.

Anche 9 aziende su 10 sottratte alla mafia falliscono.
Flex:”Dal riciclaggio al naufragio, tutto fa inondazioni e sottrazioni di mercato. Sono cose che decapitano”.

Renzi:”Si potrà licenziare con un semplice tweet“.
Flex:”Non bastava il licenziamento a voce.’Fleeeex, a cuccia!’
Nel Job Act “@ilbenservitostaiserenoinunclick#” si riceverà nel re-tweet “confermativo” a caratteri crescenti.@Flex ti deFOLLOWING#!
Proteste dei sindacati che propongono il messaggio privato con sms”.

Squinzi:”Gli imprenditori non si divertono a licenziare”.
Flex:”Per quello attendono i pranzi di concertazione con la Camusso”.

Renzi: “Vado dove le imprese investono”.
Flex:”Pure i gelatai delocalizzano”.

Flex:”Renzi incontra i cervelli italiani della Silicon Valley:”Nell’arancio c’è la vitamina C, buongiorno.”

C’è una lotte di classe in corso, e i lavoratori non stanno vincendo“.
(Bill Mitchell, economista mmt)

Le nazioni europee dovrebbero essere guidate verso un superstato senza che le loro popolazioni si accorgano di quanto sta accadendo. Tale obiettivo potrà essere raggiunto attraverso passi successivi ognuno dei quali nascosto sotto una veste e una finalità meramente economica”.

(Jean Monnet, anno 1952)

Tango vultures

Flex:”Oltre ai falchi e alle colombe, gli avvoltoi e i corvi neoliberisti… tutti a voler limitare la lungimiramza dei Gufi“.

L’Argentina NON HA dichiarato default sul proprio debito denominato nella sua valuta (il peso). Ha dichiarato default su una tranche di obbligazioni DENOMINATE IN DOLLARI e detenute da alcuni fondi di investimento americani.
Il livello spesa pubblica NON HA ALCUN RUOLO in tutto ciò”.
Aggiungo io: se il debito è denominato nella valuta che lo Stato è in grado di stampare, la logica elementare vuole che uno stato sovrano è SEMPRE in grado di onorare i propri debiti
“.

(Giacomo Bracci, EPIC economista MMT)

Non c’è alcuna seria minaccia per l’Argentina e i suoi cittadini. NML Capital non è un esercito che può invaderla con la forza militare. In realtà, se analizziamo la decisione, è ovvio che NML Capital sia la parte sconfitta.Perché? Rispondere a questo interrogativo ci fornisce la strada per la soluzione dei problemi dell’Argentina.Il governo argentino ha una semplice manovra disponibile alla luce della decisione della Corte Suprema americana. Primo, riconoscere di non essere più in grado di onorare i pagamenti rimanenti attraverso il sistema bancario americano.Secondo, fare in modo che tutti i detentori di obbligazioni exchange lo sappiano. Terzo, se desiderano continuare a pagare gli obbligazionisti exchange, dovrebbero ridenominare tutte le passività correnti nella moneta nazionale sotto una speciale giurisdizione argentina, trasportando perciò tutte le questioni legali all’interno il sistema giuridico e bancario argentino.A quel punto, il sistema giuridico americano diverrebbe irrilevante e le decisioni della Corte Suprema sarebbero discutibili. NML Capital perde il 100% ed il governo argentino non solo risparmia milioni in spese legali, ma riafferma parimenti la propria sovranità monetaria“.

(Bill Mitchell, economista MMT)

Cash da morto!

Sono necessari aumenti dei disavanzi pubblici superiori alla norma e per un periodo prolungato al fine di sostenere la crescita del reddito e permettere al settore privato di salvare e ripristinare la redditività dei loro bilanci“.

(Bill Mitchell, economista mmter’s)

POS, scatta l’obbligo di POS (senza sanzioni, per ora!) per imprese, lavoratori autonomi, artigiani e professionisti per importi superiori ai 30 euro, altrimenti vale ancora il cash.
Flex:”Un piccolo assaggino di futuro, giusto per ribadire il principio neoliberista che i soldi son finiti!
‘Vorrei ma non POS‘, dice la classe delle attività produttive per il temporaneo scampato pericolo.
Nel frattempo i conti della classe elitaria off-shore se la de-cantano così: “So’ cash vostri!
Oh, bit on the bit sott’o POS ‘a moneta brucia, commissioni ancor più su, parapà parapà…

[…]C’è chi sostiene che con la moneta elettronica i cittadini finiscono per cedere alle banche una parte della ricchezza che virtualmente sarebbe in loro possesso. Secondo il movimento Contante libero, ad esempio “la moneta elettronica è assolutamente lecita ed assai utile e comoda ma deve rimanere una “libera scelta”, mentre eliminare o limitare il contante significa affidarsi a canali elettronici tenuti sotto controllo da poche entità che avrebbero in mano il monopolio dei mezzi di transazione finanziaria”.

In pratica, fa notare il movimento, “100 euro in contanti dopo 100 passaggi di mano sono sempre 100 euro. 100 euro elettronici dopo 100 passaggi sono diventati 45 euro, in virtù delle commissioni bancarie”. Ma a sostegno della critica si adducono anche ragioni di lesa privacy, perché “eliminando del tutto il contante saremmo totalmente esposti ad un controllo elettronico totale, in balia alle imprevedibili evoluzioni socio-politiche della Storia. Immaginate se un domani questo potere finisse in mano ad un novello Hitler o Stalin, o peggio, ad un banchiere!“.

(Fonte: Movimento Contante libero)