Archivi tag: boldrini

la repubblica delle cose…

President reserve…

“Prodi tiene a farci sapere che la riforma non gli piace ma che voterà Sì”. Il bipolare perfetto… è in analisi da Cacciari.

Mattarella:”Sono un arbitro silente”. Punta tutto sullo sguardo delusissimo.
…poi rivolto ai detenuti di Poggioreale:”Cambiare vita è possibile”. Qui da voi, ad esempio, è facilissimo passare all’altra.

Napolitano: “In politica c’è bisogno di grande professionalità non basta un click”. Meglio quello delle manette.

Boldrini: “Smontare le bufale è un atto di resistenza civile”. Montarle ad arte è invece opera di grande professionalità.(Flex)

Ingannare chi inganna è un piacere doppio“. (Jean de La Fontaine, Favole, 1668/79)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

n€Ufeudal

Europa, Boldrini: “bisogna fare l’ultimo miglio, bisogna cedere sovranità”.
Flex:”Il Miglio al Verde”.

Ora, non c’è altra via di uscita dall’ “Assurdistan” che non sia la distruzione della camicia di forza da inquisizione, o l’imposizione di una drammatica rivoluzione nelle menti Europee. L’unica strategia nel breve periodo sarebbe stata lanciare un avvertimento: noi siamo pronti a lasciare l’Euro e fare default. Sarebbe stato sufficiente a generare il panico tra governi Europei e mercati. Avrebbero potuto concedere qualsiasi cosa alla Grecia per prevenire il crollo del sistema. Implorare è pura stupidità!

(Alain Parguez, 13 febbraio 2015)

25 aprile

11039050_10153314992051204_1802457344720435046_n

Mattarella ricorda che il 25 aprile è patrimonio di tutti gli italiani
Flex:”Salvo svendite sul mercato dell’eurozona”.

Laura Boldrini:”Il 25 aprile del 1945 l’Italia riconquistò la libertà e la democrazia”.
Flex:”Poi le mise all’asta su eBay”.

Renzi:”Abbiamo previsto diversi eventi per il 70′ anno della Liberazione.”
Flex:”Deve essere una sagra della retorica con i fiocchi. 

Salvini il 25 aprile lo festeggia in famiglia.
Flex:”Che Liberazione!”

Festeggiare la Liberazione il 25 aprile dovrebbe servire anzitutto come spunto per favorire un nuovo movimento di liberazione dai nuovi invasori: gli USA, che occupano attualmente il nostro territorio nazionale con oltre 110 basi militari; e l’Unione Europea, che sta quotidianamente violando lo spirito e la lettera della nostra amata Costituzione italiana. (Diego Fusaro, filosofo)

“Quando la crisi è iniziata era diffusa l’idea che questi limiti intrinseci avessero natura prettamente economica (…) Ma col tempo è divenuto chiaro che esistono anche limiti di natura politica. I sistemi politici dei paesi del sud, e in particolare le loro costituzioni, adottate in seguito alla caduta del fascismo, presentano una serie di caratteristiche che appaiono inadatte a favorire la maggiore integrazione dell’area europea”…“i sistemi politici della periferia meridionale sono stati instaurati in seguito alla caduta di dittature, e sono rimasti segnati da quell’esperienza. Le costituzioni mostrano una forte influenza delle idee socialiste, e in ciò riflettono la grande forza politica raggiunta dai partiti di sinistra dopo la sconfitta del fascismo”“I sistemi politici e costituzionali del sud presentano le seguenti caratteristiche: esecutivi deboli nei confronti dei parlamenti; governi centrali deboli nei confronti delle regioni; tutele costituzionali dei diritti dei lavoratori; tecniche di costruzione del consenso fondate sul clientelismo; e la licenza di protestare se sono proposte modifiche sgradite dello status quo. La crisi ha illustrato a quali conseguenze portino queste caratteristiche. I paesi della periferia hanno ottenuto successi solo parziali nel seguire percorsi di riforme economiche e fiscali, e abbiamo visto esecutivi limitati nella loro azione dalle costituzioni (Portogallo), dalle autorità locali (Spagna), e dalla crescita di partiti populisti (Italia e Grecia)”. (JP Morgan “The Euro Area Adjustment”, 28 Maggio 2013)

andare a puttani

Laura Boldrini: “Ruolo o incarichi delle donne vanno declinati al femminile, si deve dire la presidente, la ministra, la deputata, e così via”.
Flex:”E quindi, analogamente, si dovrà dire il geometro, il pediatro, il poeto, il commercialisto, l’infermiero, l’igienisto dentalo, il troione, lo zoccolo, il puttano, e così via… E Renzi come va chiamato? la Pippa o il Pippa?”.

Il reddito della Boldrini passa da 6mila a 115mila euro. 
Flex:”Alla faccia della cazza”.

Il modo in cui oggi il capitalismo affronta la questione femminile è fondato su una mescolanza di maschilismo e femminismo. Lungi dall’essere opposte, queste determinazioni sono del tutto complementari. Il profilo “maschi­lista” prevale nel processo di accesso del sesso femminile a tutti i ruoli possibili all’interno della produzione capitalistica. Questo profilo semplicemente inserisce nei tradizio­nali ruoli maschili esseri androgini di entrambi i sessi. Il profilo “femminista”, che nulla ha a che fare con il vecchio e nobile processo di emancipazione femminile del perio­do eroico borghese e socialista, tende ad un vero e proprio obiettivo strategico della produzione capitalistica, la guer­ra fra i sessi e la correlata diminuzione della solidarietà fra maschi e femmine. Per questa ragione, sono veramente illusi coloro (penso a Immanuel Wallerstein) che inserisco­no il femminismo nel novero dei cosiddetti movimenti “antisistemici” e anticapitalistici. Al contrario, il femmini­smo rappresenta una delle correnti meno comunitarie e più organiche al capitalismo che esistano. Questa tesi può sembrare scandalosa e perciò occorre dilungarsi un po’ per motivarla. A questo scopo, bisogna risalire ab ovo, cioè agli inizi del processo storico (a mio avviso innegabile) di subordinazione del sesso femminile all’ordine maschile della società. (Costanzo Preve)

Sòle cantorum

La nuova scuola di Renzi punterà molto su arte e musica. 
Flex:”Quando finisci in mezzo a una strada possono tornarti utili”.

Renzi:” Finalmente una nuova scuola”. 
Flex:”Si comincia dal tetto. Alle iscrizioni”.

Boldrini: “No a uomo solo al comando”.
Flex:”ed anche alla donna sòla… finquando le sòle reggono lo Stivale non è mai un problema di genere”.

L’approvazione del Jobs act dimostra come il valore della costituzione sia piuttosto risibile. Contano solo i rapporti di forza (tra classi), non i pezzi di carta.

Fabio Di Lenola (attivista mmter’s)

Boldrin(i)

Laura Boldrini: “La precarietà sarà il nostro futuro stile di vita”.

Flex:”Un futuro con stile, senza vita… Ognuno secondo le sue competenze, a ognuno secondo i bisogni della flessibilità”.

La chiamano “flessibilità” questa morte lenta, come i nazisti chiamavano “fare doccia” lo Zyklon B. (Tomatis)

Messaggio di Renzi ad un precario: “Stai sereno” (Tomatis)

…Non si può, del resto, chiedere troppo a un partito come SEL: un partito che fa dell’antifascismo in completa assenza del fascismo l’alibi per accettare silenziosamente la contraddizione capitalistica e i rapporti di forza egemonici; che illude il suo elettorato che il massimo grado di emancipazione possibile sia il matrimonio gay e la libertà ‘transgender’; che pensa che il nemico oggi sia il comico Beppe Grillo e non la finanza internazionale che svuota la sovranità democratica degli Stati e produce genocidi finanziari come quello che si sta abbattendo sul popolo greco. Il primo compito di un comunista, diceva Louis Althusser, è quello di non raccontare e di non raccontarsi delle storie. Anche in questo, signora Boldrini, emerge nitidamente il vostro disinvolto transito, armi e bagagli, dalla lotta contro il capitale alla lotta per il capitale“.

(Diego Fusaro, filosofo)

L’alternativa alla precarietà, i programmi di PIENA OCCUPAZIONE con Finanza Funzionale pubblica.

Ma sociologi e scienziati politici evidenzierebbero anche questi altri elementi, che sono altrettanto preponderanti e che vengono praticamente sempre ignorati dagli economisti. Ok, li elencherò brevemente: povertà, emarginazione sociale, crimine, deterioramento sociale (perché la disoccupazione è solitamente concentrata a livello regionale e tutti gli americani sono consapevoli del fatto che si possono identificare zone del paese che soffrono, a causa della disoccupazione, in misura maggiore rispetto ad altre), questioni di sanità pubblica, disgregazione delle famiglie, abbandoni degli studi. Si insomma, tutto questo è parte integrante di tutta la letteratura al di fuori dell’economia ed incentiva violenza, ostilità etnica e persino terrorismo. Si è verificata la perdita di capitale umano, perché quando le persone sono disoccupate per un lungo periodo di tempo diventano inidonei al lavoro, in parte perché cambiano a livello comportamentale, ma anche a causa del modo in cui vengono percepiti dai potenziali datori di lavoro. Sei disoccupato da due anni, non me la sento di scommettere su di te. Quindi, che si tratti di una perdita di capitale umano effettiva o di una perdita di capitale solo percepita come tale, impedirà a queste persone di avere le stesse opportunità che avrebbero potuto avere se il nostro paese non si trovasse da due anni in questa fase delicata. Ok, isteresi: i disoccupati da lungo tempo diventano inidonei al lavoro per tutta la serie di cose che sto menzionando. Diventi senza tetto e questo avrà un impatto enorme sulla tua capacità lavorativa”.

(Randall Wray, economista MMT)