Archivi tag: camusso

punteruolo rosso

10408884_914091051975318_6757335360166276799_n

Renzi: “Chi parla di deriva autoritaria è pigro”. 
Flex:”Gli tocca fare tutto a lui”.

“Boom di contratti a tempo indeterminato”.
Flex:”A li mortai vostri!”

Landini: “La politica non è una proprietà privata“. 
Flex:”Ma privata di proprietà!”

Intanto ritorna l’ora legale…. 
Flex:”Non ricordo mai se sticazzi in avanti o sticazzi indietro. Comunque ricordatevi di sistemare il vostro rolex”.

… ed è la Domenica Delle Palme.
Flex:”infestata da punteruoli rossi… ma senza spargimenti di sangue o di detersivo”

La presenza della Camusso nella manifestazione di ieri toglie qualsiasi credibilità progressista all’iniziativa di Landini (sempre attaccato alla sua mammella quando serve). La Camusso è complice di Monti di Letta e di Renzi nelle scelte di nazismo sociale dalla legge Fornero al Jobs Act. Non c’è niente da sperare da coloro che facendo finta di opporsi con una pantomina grottesca ed esponendosi soltanto a qualche rarissima giornata di sciopero (a cose già fatte e al fine di far ‘risparmiare’ quanto richiesto dalle classi dominanti) hanno consentito al governo ed alla destra economica di fare i loro porci comodi. Anche la Fiom non si è strappata i capelli per il Jobs Act o per la Fornero. Ha fatto il minimo indispensabile per non esporsi troppo alla critica dei lavoratori. Lottare contro l’Italicum dopo avere accettato la Fornero ed il Jobs Act non ha senso e non può interessare lavoratori che non hanno più diritti nè tutele costituzionali. Non c’è salvezza per la democrazia politica quando la democrazia sociale viene cancellata nei luoghi di lavoro.

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Capitalesimo 2

Renzi:”Prevista la riforma degli armortizzatori”.
Flex:”Li produrrà la FIAT”.

Camusso: “Si sta affermando la supremazia delle imprese sui lavoratori”.
Flex:”Ma il merito va anche ai segretari precedenti”.

La vicenda dell’art. 18 e dei luridi servi del capitale che l’hanno abolito è istruttiva. Ci insegna almeno una cosa: la nuova frontiera del capitale, dopo il contratto a tempo determinato, sarà il contratto a tempo indeterminato con possibilità di licenziamento senza se e senza ma in qualsiasi momento e con retribuzione insindacabilmente decisa dal datore di lavoro. Monsieur Le Capital non smette di celebrare le sue orge: il modello recente della Grecia, con licenziamento libero e indiscriminato di dipendenti pubblici, è alle porte. E la complicità del Pd in tutto ciò è sotto gli occhi di tutti: o, meglio, di quelli che alla posa dell’osservatore critico non preferiscono quella dello struzzo.

(Diego Fusaro)

Flex:”I vertici di Cgil, Cisl e Uil si riuniscono per capire se ci siano margini per ricondurre le diverse posizioni ad una azione unitaria: “Pizza?”