Archivi tag: cgil

Solidificazione

Renzi: “Mi piacerebbe un sindacato unico”.
Flex:”Il FCI, il Fascio Corporativo Italiano”.

Padoan:”Debito italiano è solido”.
Flex:”per questo non dà liquidità”.

Comunque le si valuti, le politiche neoliberiste compromettono istruzione, salute, aumentano le disuguaglianze e riducono le quote di reddito destinate ai lavoratori; di tali effetti non è possibile dubitare“. (Noam Chomsky)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

becchini

“Monti in Italia fu un colpo di Stato”. (Zapatero, marzo 2015)
Flex:”Landini, il Piddì e il M5stelle erano a festeggiare con caroselli spontanei e colpi di sonno”.

Presidente, se l’Italia verrà consegnata dal golpe finanziario in atto contro di noi, e da elettori sconsiderati e ignoranti, nelle mani del Partito Democratico, per noi sarà la fine. Sarà l’entrata trionfale a Roma dei carnefici del Neoliberismo più impietoso, sarà la calata della Shock Therapy su un popolo ignaro, cioè il saccheggio del bene comune più scientificamente organizzato di ogni tempo, quello che nell’Est europeo ha già mietuto più di 40 milioni di vite in due decadi, senza contare le sofferenze sociali inenarrabili che porta con sé. I volti di Mario Monti, di Massimo D’Alema, di Mario Draghi, di Romano Prodi, dell’infimo Bersani, sono le maschere funebri di questa nazione, veri criminali e falsari di portata storica. Il cerimoniere complice si chiama Giorgio Napolitano“. (Paolo Barnard, 8 nov. 2012)

Luna PA(rking)

Scivolo per gli statali. A casa con lo stipendio ridotto.
Flex:”Piu che scivolo sembra un calcioinculo.
Anche agli esodati dissero “uscite con uno scivolo”. Li costrinsero a sedersi e al posto dello scivolo li obbligarono alle rapide. La politica non frena la giostra. “Questo è il luna park neoliberale”, dicono, “non c’e alternativa. Il giro, l’uomo medio anche fantozziano, lo paga sempre a caro prezzo”.

Tra il 2007 e il 2011 si sono persi 150.000 posti di lavoro ma è probabile che entro il 2014, anche grazie alla spending review, i travet in meno siano 400.000. A regime le retribuzioni, secondo Gentile (CGIL), perderanno in termini reali (a causa del mancato adeguamento rispetto all’inflazione in questi anni) circa 200 euro mensili.
Tra il 2010 e il 2012 le retribuzioni dei travet non hanno recuperato l’8,1% di aumento dei prezzi che si è registrato nel periodo (insiesme allo scarto tra inflazione programmata e reale che c’e’ stato nel biennio precedente).
La stima per il costo del lavoro tra il 2011 e il 2014 è di un calo di sette miliardi con il passaggio da 169 a 162 miliardi. Ma i dipendenti pubblici non hanno affrontato solo un sacrificio in termine di buste paga reali più leggere. Nel periodo i travet hanno fatto i conti anche con il blocco del turn over (fino a fine 2014 si può assumere solo nel limite del 20% dei lavoratori usciti) e quindi con il calo del personale. Tra il 2007 e il 2011, secondo i dati del Conto annuale della Ragioneria generale dello Stato i dipendenti pubblici sono diminuiti di 150.000 unità (da 3,43 milioni a 3,28 milioni) con un -4,3% ma la diminuzione dovrebbe essere ancora più consistente negli anni successivi con una stima della Cgil di 400.000 lavoratori pubblici in meno tra il 2007 e il 2014. Resta irrisolto inoltre il problema del precariato con circa 200.000, sempre secondo la Cgil, tra contratti a termine, lsu, interinali e collaborazioni nel complesso delle amministrazioni
“.

Volere il rispetto della nostra Costituzione e volere il rispetto per l’UE è come volere la botte imbriaca e la moglie piena (oltre che impossibile è assurdo).I trattati europei violano apertamente la Costituzione italiana, vanno in direzione diametralmente opposta: per la nostra Carta, «scritta da persone che avevano fatto la Resistenza e preso atto dell’anti-socialità di un certo capitalismo», la spesa sociale (deficit) è il “mestiere” dello Stato“.

(Luciano Barra Caracciolo)