Archivi tag: civati

orizzonti possibili…

Civati:”‘Possibile’ sarà orizzontale”.
Flex:”così i mercati potranno usarlo come zerbino”.

Nessun partito oggi si chiama fascista o partito anti-lavoratori: si chiamano tutti socialdemocrazia“. (Michael Hudson, 1° Summit di Rimini, febbraio 2012)

Flex:”Lobby and Word, il Lobbitomizzato”.
Renzi Lobbotomizzato

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Italy CUM

Mattarella ha firmato l’Italicum. 
Flex:”Però per andare al Quirinale ha preso l’autobus”.

Civati lascia il PD.
Flex:”ma resteranno ottimi amici”.

Mattarella: “Il lavoro sia per tutti, è la Costituzione che ce lo dice”. 
Flex:”Se è per questo ci dava pure il diritto al voto”.

Oggi, voi del Governo e della maggioranza state facendo la «vostra» Costituzione. L’avete preparata e la volete approvare voi, da soli, pensando soltanto alle vostre esigenze, alle vostre opinioni e ai rapporti interni alla vostra maggioranza. Il Governo e la maggioranza hanno cercato accordi soltanto al loro interno, nella vicenda che ha accompagnato il formarsi di questa modifica, profonda e radicale, della Costituzione. Il Governo e la maggioranza – ripeto – hanno cercatoaccordi al loro interno e, ogni volta che hanno modificato il testo e trovato l’accordo tra di loro, hanno blindato tale accordo. Avete sistematicamente escluso ogni disponibilità ad esaminare le proposte dell’opposizione o anche soltanto a discutere con l’opposizione. Ciò perché non volevate rischiare di modificare gli accordi al vostro interno, i vostri difficili accordi interni.Il modo di procedere di questo Governo e di questa maggioranza è stato il contrario di quello seguito in quest’aula, nell’Assemblea costituente, dal Governo, dalla maggioranza e dall’opposizione di allora. Siete andati avanti, con questa dissennata riforma, al contrario rispetto all’esempio della Costituente, soltanto per non far cadere il Governo. Ancora una volta, in questa occasione emerge la concezione che è propria di questo Governo e di questa maggioranza, secondo la quale chi vince le elezioni possiede le istituzioni, ne è il proprietario. Questo è un errore. È una concezione profondamente sbagliata. Le istituzioni sono di tutti, di chi è al Governo e di chi è all’opposizione. La cosa grave è che, questa volta, vittima di questa vostra concezione è la nostra Costituzione”. (Sergio Mattarella, anno 2005)

images-1

jobacta!

Job Act, al Senato per 4 volte è mancato il numero legale.
Flex:”Si sentiva fuori luogo”.

TFR in busta paga…
Flex:”Ti Frego Remunerandoti (con i tuoi denari)”.

Flex:”Il nuovo contratto sarà a tempo indeterminato perché potrà finire in qualsiasi momento.

I bersaniani fanno sapere che non faranno mancare la fiducia al governo, ma proseguiranno la battaglia nella Camera.
Flex:”Smacchieranno lenzuola!
Dopo la fiducia sfiduciata di Civati, arriva la fiducia critica di Damiani”.

Renzi:”Con i sindacati molti punti d’incontro”.
Flex:”O meglio di raccolta”.

L’Europa non ama più la vita, questo è il suo segreto”. (A. Camus, “L’uomo in rivolta“)

Flex:”Eu de Cacagarel, il profumo di ricino oggi è europeista”.

Vieni avanti Fassina!

Fassina, Cuperlo, Civati: «Via il Pareggio di Bilancio dalla Costituzione»
Flex:”Disturbi di personalità“.

Prima li chiacchierano, e poi dicono che sono chiacchierati”.
(Leonardo Sciascia)

Invero, l’intero processo della tassazione e della spesa deve, per una questione di logica, essere iniziato in primo luogo con la creazione (e la spesa) di nuova moneta governativa. Dopotutto, come potrebbe una popolazione estinguere le proprie passività fiscali utilizzando la moneta del governo prima che il governo abbia reso disponibile tale moneta?

(Stephanie Kelton, economista MMT)