Archivi tag: cremaschi

com’è bello passeggiar con Merkel…

Angela Merkel visita l’Expo con Matteo Renzi
Flex:”il motto è nutrire la Germania… con gli avanzi primari”.

Tutto è tremendo ma non ancora irrimediabile”. (Franco Fortini)

Merkel Renzi

Non è dunque vero che l’Europa politica non esista e che bisognerebbe costruirla per contrastare lo strapotere dei mercati. L’Europa politica esiste, è quella che ha schiacciato la Grecia e che le ha imposto un governo coloniale. L’Europa politica esiste: è un protettorato della Germania che adotta le politiche di austerità prima di tutto perché esse servono all’interno del paese guida. I salari dei lavoratori tedeschi sono compressi da anni, se c’è un paese dove ingiustizie sociali e corruzione son cresciuti a dismisura questo è proprio la Germania. Le classi dirigenti tedesche han bisogno come il pane dell’austerità, prima di tutto per controllare il proprio popolo e per questo devono poi imporla a tutta l’Europa. Le istituzioni, i trattati, la gestione concreta del potere europeo sono la costituzionalizzazione delle politiche liberiste di austerità in tutto il continente“. (Giorgio Cremaschi)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

€XPOsto precario

Expo 2015 dà lavoro precario e sottopagato.
Flex:”€xpo della precarietà, mentre i sindacati si erano accordati per 18.500 lavori volontari”

Il rapper Frankie HI-NRG rifiuta di esser ambasciatore dell’Expo.
Flex:”Indignazione di ‘Quelli che ben pensano‘”.

“Inac­cet­ta­bile che migliaia di ragazzi ven­gano fatti lavo­rare gra­tui­ta­mente a fronte del muro di miliardi che l’operazione genera”. (Frankie HI-NRG)
Flex:”Veryggiushto”.

Sono […] vicino alla dottrina …. che ogni cosa é prodotta dal lavoro, coadiuvato […. dalla] tecnica, dalle risorse naturali… e dai risultati del lavoro passato incorporati in beni [capitali …. ]. E’ preferibile considerare il lavoro… come l’unico fattore di produzione. […] Ciò spiega in parte perché siamo stati in grado di assumere l’unità di lavoro come l’unica unità fisica di cui abbiamo bisogno nel nostro sistema, oltre all’unità di moneta e di tempo“.

(J.M. Keynes)

1513793_10153125389324669_256590124741688950_n

Speed Job

Agro Pontino: anfetamine agli immigrati per lavorare di più.
Flex:”Speed Capitalism, si avviCina il traguardo delle 24 ore su 24 di raccolti per terra. Col cucchiaino”.

Per la raccolta delle zucchine stiamo piegati tutto il giorno in ginocchio. Troppo lavoro, troppo dolore alle mani. Prendiamo una piccola sostanza per non sentire dolore”. (K. Singh)

Il confronto sulla produttività tra governo e parti sociali, che entra nel vivo in questi giorni, è un imbroglio a partire dal suo nome. Non molto tempo fa il Cnel ha annunciato una ricerca che proprio per i suoi risultati sorprendenti è stata subito rimossa. Sulla base di essa il decennio più produttivo degli ultimi quaranta anni è stato quello tra il 1970 e il 79. Sì proprio il decennio delle conquiste sindacali, sociali, civili, della scala mobile, del posto fisso, degli orari e dei contratti rigidi, dello stato sociale e della grande industria pubblica, proprio quel decennio ha visto il nostro paese raggiungere il tasso di produttività più alto di tutto l’occidente industriale. Da allora quel tasso è progressivamente diminuito, con un andamento parallelo alla regressione delle condizioni del mondo del lavoro. Fino agli anni duemila, che con l’Euro e le privatizzazioni hanno visto un vero e proprio tracollo sia del salario sia della produttività. Onestà vorrebbe che un governo fatto di tecnici partisse dai dati raccolti nella realtà e non dalla ideologia e dagli interessi dominanti. Che ci si domandasse se questi risultati clamorosi non dimostrano che tutte le politiche economiche liberiste di questi decenni hanno sì fatto star peggio i lavoratori, ma hanno anche colpito la produttività“.

(Giorgio Cremaschi)

Le élite europee stanno realizzando tutti gli scopi individuati. Soltanto che gli scopi perseguiti per davvero nel buio sono l’esatto contrario di quelli declamati per finta alla luce. Il modello di sviluppo inclusivo impostosi nel dopoguerra, sintetizzabile nella formula “produzione di massa per consumo di massa” (Bruno Amoroso, cit.), è ora nel mirino dei nazisti tecnocratici che controllano l’Europa. Fino a quando non avranno ricreato le stesse condizioni sociali tipiche del capitalismo ottocentesco descritto da Hugo ne “I Miserabili” non si fermeranno“.

(Francesco Maria Toscano, Il Moralista)