Archivi tag: eurogruppo

kelemata

La Grecia è il Paese con più ore di lavoro di tutta Europa.
Flex:”Per lo più impiegate nelle piantagioni di cotone tedesche sparse un pò ovunque”.

L’Europa pagherà a rate il “salvataggio” della Grecia. (La Stampa)
Flex:”E ai primi 10 un’isola in omaggio!”.

Atene s’impegna a presentare la nota “lista di riforme chiare”.
Flex:”Tsipras ha chiesto la consulenza di Renzi (e anche di D’Alema) su come poter continuare a dare in pegno lavoratori, diritti e quel che rimane dell’agorà costituzionale, senza creare allarme sociale”.

Rilevando la presenza di “due nazioni” nel corpo di ogni nazione borghese, noi non vogliamo negare affatto la realtà della nazione in quanto comunità di persone che si è storicamente formata. E questo perché porsi su di un’altra via significherebbe scivolare verso un cosmopolitismo senza patria oggi predicato da molti politici, sociologi e lacché borghesi al servizio dell’imperialismo americano“. (V. Lenin)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

… non ci Syritza

(Come volevasi dimostrare) la Grecia ha patteggiato…
Flex:”4 mesi con la condizionale”.

“I nuovi prestiti della Troika saranno concessi in base alla qualità delle riforme”.
Flex:”Dopo la condizionale l’€rgastolo”.

Tsipras:”L’austerità è finita, ora lotta a evasione e corruzione”.
Flex:”Tutto il suo maestro Renzi”.

Renzi: “Con la Grecia abbiamo svolto un lavoro di cerniera”.
Flex:”Poi hanno usato la vaselina”.

Ecco cosa voleva dire il Ministro delle Finanze tedesco Schauble quando ha detto ‘Non sarà facile per il governo greco spiegare ai loro elettori questo accordo’. Rimanendo sotto il totale potere della Troika di approvare o meno, il governo Tsipras deve ora rinnegare praticamente tutte le promesse fatte al suo popolo, cioè circa 20 miliardi di euro che voleva spendere per loro, altrimenti la Troika gli fotte l’accordo da sotto il sedere e li cacciano dall’Eurozona. E tutto ciò è il motivo per cui Schauble era in brodo di giuggiole alla fine dell’accordo, cioè la Germania ha dato al governo greco abbastanza corda con cui impiccarsi…”

Poi Tsipras ha ottenuto in cambio 4 miserabili mesi di estensione di debiti da pagare con altri debiti, da ripagare con altri debiti per i debiti precedenti… Pur di stare con l’euro. Sono anni che lo dico, ANNI CHE LO DICO!, il Vero Potere ha pensato a tutto 70 anni prima di noi, i Trattati europei sono delle belve giuridiche da cui si esce solo STRACCIANDOLI. NON NEGOZIANDO. (Paolo Barnard)

€uro ponteggi

Tsipras insiste: “vogliamo il prestito ponte”. (Sole24ore)
Flex:”che anche in Grecia i dentisti hanno prezzi altissimi”.

Cambiamo l’Europa da dentro… 
il commissario europeo agli affari economici ha rincarato la dose: “Non ci sono alternative alla richiesta dell’estensione del programma di aiuti da parte della Grecia”. (Fabio Di Lenola, attivista mmter’s)

Il premier greco, Alexis Tsipras, quando parla in Grecia usa toni incendiari e barricaderi ma quando va all’estero usa un linguaggio più soft e diplomatico. E anche ieri a Vienna il neo premier non ha mancato di adeguarsi a questa regola aurea.

(fonte Sole24ore)

Conti senza oste

Padoan:”Priorità crescita e occupazione”.
Flex:”e su questo è stato ‘tassativo’. Padoan, si sa, farà un ottimo brodo! Poi ha aggiunto: ‘tutti i cretesi sono bugiardi, io sono cretese’.

“I conti italiani tra i più sostenibili”.
Flex:”perchè garantiti dai conti correnti di lavoratori e disoccupati.
E dalla svendita di quote Enel, Eni, En, E, …!
Ops,
giro la ruota e compro una vocale!
Oltre ai conti pretendono sostenibilità anche i savoia, i baroni, i principi, neoagrari, i rentiers e speculatori finanziari”.

Affinché aumenti la domanda aggregata in termini reali è necessario che la somma delle spese pianificate in tutti i settori superi i redditi correnti ricevuti“.

(Himam Minsky, anno 1963)

Intanto in Germania cala l’indice della produzione industriale (-1,8% a maggio)
Flex:”In compenso si alza il dito medio sulle concessioni“.