Archivi tag: fernando pessoa

Feste biscottate

Renzi:”Il Jobs Act è una rivoluzione copernicana”.
Flex:”Non sarà la supposta azienda a girare intorno al culo del lavoratore, ma il culo a girare intorno alla supposta”.

Fassina (PD):”Jobs Act, Renzi segue la Troika”.
Flex:”Fassina, tipico esempio di riciclaggio di politico sporco”.

Nel frattempo l’Annuario Istat: “Italiani sempre più vecchi e meno colti…”.
Flex:”… con la tendenza accentuata nel voler fare di tutta l’erba un fascio”.

“In un uomo di stato, la cosiddetta “cultura” è in fin dei conti un lusso inutile”.
(Benito Mussolini, su Il Popolo d’Italia, 1919)

La cultura non si eredita, si conquista“. (André Malraux, Omaggio alla Grecia, 1959 – “Discorso ad Atene”)

Cultura non è leggere molto, né sapere molto: è conoscere molto“. (Fernando Pessoa, La divina irrealtà delle cose, 2003)

Per amare la cultura occorre una forte vitalità. Perché la cultura – in senso specifico o, meglio, classista – è un possesso: e niente necessita di una più accanita e matta energia che il desiderio di possesso“. (Pier Paolo Pasolini, Lettere luterane, 1976)

Pawel Kuczynski
FacebookTwitterGoogle+Condividi

CIArotterkaiser

Riprende l’attività di spionaggio della CIA in Germania.
Flex:”Dopo un periodo di STASI”.

Così Berlino, espelle il capo della CIA al soldo degli USA.
Flex:”spiava la Merkel definita ‘Culonia così così’.
Lo 00 Panzer si difende e rassicura: “Anghela lo ciuro, mai afere io ascoltaten fostre telefonaten. Suo mariten molto fetele”.

Immediata la replica della Merkel:”Spiare gli alleati è uno spreco di energie”.
Flex:”ma con Silvio era divertentissimo”.

Il mondo visibile continua regolarmente alla luce del sole. Il mondo sconosciuto ci spia dall’ombra.

(Fernando Pessoa, Il libro dell’inquietudine, 1982 (postumo)