Archivi tag: fondo monetario internazionale

Job Acthung!

Job Act
Flex:”Oltre la flessibilità, la genuflessione”.

Riforma del lavoro, “tutele crescenti in base all’anzianità”.
Flex:”Doveroso garantire un posto fisso a chi è morto”.

Renzi:”Stiamo lavorando moltissimo”,
Flex:”Sennò li licenziano”.

Intanto è spaccatura nel PD tra coloro che difendono il Governo e quelli che difendono il sindacato.
Flex:”Non pervenuta la corrente che difende i lavoratori”.

I leader sindacali chiedono al governo di “ascoltare le parti sociali”.
Flex:”O almeno che faccia finta”.

Renzi:””Sul lavoro vogliamo cittadini tutti uguali”. 
Flex:”Tipo Auschwitz”.

Di fatto, l’unico effetto plausibile dei contratti precari è che essi riducono il potere rivendicativo dei lavoratori e quindi consentono di ridurre i salari. Ma l’idea che abbattendo i salari si esca dalla crisi è anch’essa smentita dai fatti. Lo dimostra la Grecia, che nonostante un vero e proprio crollo delle retribuzioni continua a registrare crescita della disoccupazione e aumenti del debito“. 

(Emiliano Brancaccio – Università del Sannio)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

FMI, pensaci TAU!

FMI: “la ripresa non è né robusta né abbastanza solida”.
Flex:”Anche i Lagarde mangiano fagioli!”

“Giù le stime per lavoro e crescita”…
Flex:”Si andrà verso il razionamento delle pezze da culo”.
Gli inchini non finiscono mai”.

La ricetta è sempre la stessa: fanno indebitare gli stati in moneta estera, in modo che il debito non possa essere mai ripagato, impongono, per ristrutturare tale debito, delle riforme strutturali (sempre quelle: taglio della spesa pubblica, maggiore flessibilità del lavoro, taglio dei salari per aumentare la competitività), così facendo strozzano ancora di più l’economia, poi segue l’accaparramento a prezzi stracciati delle risorse nazionali da parte delle multinazionali ed il gioco è fatto.
Killer: Banca Mondiale, FMI e BCE. Mandanti: multinazionali e banche di investimento speculatrici
“.

(Simone Bernacchia, attivista mmt)