Archivi tag: george orwell

RIP(resa) al duemilaeSQUINZIci

Confindustria:”ripresa nel 2015″.
Flex:”ma la telecamera è cinese”.

Nel frattempo su job act la CGIL valuta ricorso in europa.
Flex:”che è un pò come chiedere a Manzoni di stroncare i Promessi Sposi.
La Camusso invoca la Carta di Nizza e Fichi”

Prese il libro di storia per i bambini e guardò il ritratto del Grande Fratello che campeggiava sul frontespizio. I suoi occhi lo fissarono, ipnotici. […] Un bel giorno il partito avrebbe proclamato che 2+2=5 e voi avreste dovuto crederci”.

(G. Orwell, 1984)

La satira di Pawel Kuczynski
FacebookTwitterGoogle+Condividi

Viva i gufi eterodossi

Ortodossia vuol dire non pensare, non aver bisogno di pensare. Ortodossia e inconsapevolezza sono la stessa cosa“. (G. Orwell, 1984)
Flex:”…e fu così che finiì tra gli indefessi ad osservar le cose attraverso gli occhi dei gufi eterodossi”.

L’economia è limitata dalle risorse reali e dalle capacità umane, non dal capitale“. 
(gufi eterodossi)

Abbasso gli Avvoltoi ortodossi…

La satira di Pawel Kuczynski

‘A livella

L’1% più ricco del mondo (128 mila persone) possiede metà degli asset globali. (ansa.it)
Flex:”E sostiene di aver lavorato duramente. Il restante 99% sguazzabuglia nel Patto di Stabilità.
E pur tuttavia devono morire anche loro”.

Noi controlliamo la vita a tutti i suoi livelli. Tu ti sei messo in testa che esista qualcosa come una natura umana che verrebbe talmente oltraggiata da ciò che noi stiamo facendo da ribellarsi contro di noi. Ma siamo noi a creare la natura umana. Gli uomini sono infinitamente manipolabili”. (G. Orwell, 1984)

La satira di Pawel Kuczynski

Business School

Ministro Giannini, riforma della scuola:
1) “Elimineremo i supplenti”
Flex:”Fisicamente”.

2) “per la scuola pubblica introdurremo forme di sponsorizzazione private”.
Flex:”Le lezioni, le istruzioni, l’elmetto ed il piccone sono gentilmente offerti da Leroy Merlin”.

3) “prevediamo detassazioni per le scuole private”.
Flex:”Oh Vaticano! Oh mio Vaticano! Cantava il ministro montando in cattedra”.

4) “più geografia nelle scuole”.
Flex:”sottotitolo: Dove emigrerò da grande”.

Flex:”Ero il primo della classe… entrando a sinistra”.

Renzi:”Tra 10 anni l’Italia sarà come la fanno oggi gli insegnanti”.
Flex:”Precaria”.

La scuola non deve mai dimenticare di avere a che fare con individui ancora immaturi, ai quali non è lecito negare il diritto di indugiare in determinate fasi, seppur sgradevoli, dello sviluppo. Essa non si deve assumere la prerogativa di inesorabilità propria della vita; non deve voler essere più che un gioco di vita. (Sigmund Freud, 1910)

Tenerli sotto controllo non era difficile. Perfino quando in mezzo a loro serpeggiava il malcontento (il che, talvolta, pure accadeva), questo scontento non aveva sbocchi perché privi com’erano di una visione generale dei fatti, finivano per convogliarlo su rivendicazioni assolutamente secondarie. Non riuscivano mai ad avere consapevolezza dei problemi più grandi”.

(G. Orwell, 1984)