Archivi tag: giannini

squola itagliani

Scuola, Giannini: “Finalmente si attua l’autonomia”. 
Flex:”…nell’assumere chi dicono loro, a chiamata diretta”.

Renzi ha mandato una lettera ai professori. 
Flex:”Anche l’affrancatura è a carico del destinatario”.

Anche la CEI su crisi Scuola:”Non serve il muro contro muro”.
Flex:”ma semplici aperture favorevoli alle scuole private”.

I partiti comunisti, che godono di una struttura, dove gerarchia e disciplina non sono in discussione, come nelle altre strutture politiche o religiose; titolari inoltre di autorevolezza sui lavoratori, potrebbero venir utili nei momenti più acuti di crisi e di tendenza al disordine, dal momento che in buona sostanza quella rivoluzionaria è diventata una maschera di mera facciata“. (J. Croizier, anno 1974)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Buona Squola

La scuola che cambia

Il ministro Giannini: “Vogliamo portare la scuola dal ‘900 al terzo millennio”.
Flex:”Avanti Cristo”.

Salta il decreto “Buona squola”, ma Renzi assicura che le assunzioni dei precari non slitteranno.
Flex:”Il contratto prevede l’obbligo di catene”.

Renzi:”Ora lanciamo la palla al Parlamento”.
Flex:”Secondo il gioco delle finestre rotte”

Intanto Il boss Raffaele Cutolo:”Se apro bocca, crolla il Parlamento”.
Flex:”Signor Cutolo, forse lei è un pò indietro con i tempi… il parlamento è in demolizione/rottamazione da più di quarant’anni”.

Flex:”Con quel che costa la scuola pubblica neoliberal conviene comprarsi privatamente diploma e laurea”.

La riforma della coscienza consiste solo nel far sì che il mondo si renda conto della sua stessa coscienza, nel risvegliarlo dal sogno che sogna su sé stesso, nello spiegargli le sue proprie azioni. (Karl Marx, Lettera a Ruge, 1843)

Business School

Ministro Giannini, riforma della scuola:
1) “Elimineremo i supplenti”
Flex:”Fisicamente”.

2) “per la scuola pubblica introdurremo forme di sponsorizzazione private”.
Flex:”Le lezioni, le istruzioni, l’elmetto ed il piccone sono gentilmente offerti da Leroy Merlin”.

3) “prevediamo detassazioni per le scuole private”.
Flex:”Oh Vaticano! Oh mio Vaticano! Cantava il ministro montando in cattedra”.

4) “più geografia nelle scuole”.
Flex:”sottotitolo: Dove emigrerò da grande”.

Flex:”Ero il primo della classe… entrando a sinistra”.

Renzi:”Tra 10 anni l’Italia sarà come la fanno oggi gli insegnanti”.
Flex:”Precaria”.

La scuola non deve mai dimenticare di avere a che fare con individui ancora immaturi, ai quali non è lecito negare il diritto di indugiare in determinate fasi, seppur sgradevoli, dello sviluppo. Essa non si deve assumere la prerogativa di inesorabilità propria della vita; non deve voler essere più che un gioco di vita. (Sigmund Freud, 1910)

Tenerli sotto controllo non era difficile. Perfino quando in mezzo a loro serpeggiava il malcontento (il che, talvolta, pure accadeva), questo scontento non aveva sbocchi perché privi com’erano di una visione generale dei fatti, finivano per convogliarlo su rivendicazioni assolutamente secondarie. Non riuscivano mai ad avere consapevolezza dei problemi più grandi”.

(G. Orwell, 1984)