Archivi tag: governo

…sfaccettature

Governo Gentiloni, Avanzi popolo!

Di origini nobiliari, prescelto per rappresentare tutti gli italiani che non hanno bisogno di lavorare per vivere. Studia dai preti e fa il chierichetto, ma da ragazzotto subisce il fascino comunista come tutti i figli dei ricchi, gettando così le basi per la propaganda di Meloni, Grillo e Salvini. E a quei tempi finisce per fare le marachelle con Mario Capanna. Divenuto democristiano fu tra i fondatori de La Margherita, uno dei partiti più florealmente rinsecchiti della storia d’Italia. Fa poi ritorno a sinistra solo dopo essersi assicurato che la sinistra è diventata destra, moderata nell’apparenza, ma nell’animo figlia di Troika (Ulivo, PD).

E’ stato portavoce di Rutelli. Ahò.

Nel 2014 viene scelto come Ministro degli Esteri per la sua capacità innata di annunciare bombardamenti a cazzo mantenendo il suo faccione di simpatico moderato.

Come Ministro degli Esteri ha affrontato molti casi drammatici occorsi ad italiani all’estero: la detenzione dei marò, il rapimento di Greta e Vanessa, l’omicidio Regeni e il tour ucraino di Pupo.
Ecologista militante per conservare l’Eco-sistema, pronto all’utilizzo della base di Sigonella per gli attacchi in Libia con i droni.

È stato ministro delle Telecomunicazioni dell’ultimo governo Prodi. Scelto poi da Renzi per la dimestichezza con i segnali di fumo.

E’ stato anche candidato a sindaco di Roma. Non lo hanno votato nemmeno i frigoriferi.
Pare sia vivo e che abbia accettato l’incarico di fare un governo fotocopia che non faccia assolutamente niente, a parte far rimpiangere Renzi agli elettori pidioti.

Secondo molti, infatti, Gentiloni è manovrato da Renzi. È stato già visto toccare il sedere alla Boschi.

P.S. Se facessero il referendum domani, il No salirebbe alll’80%.

(Flex)

cq5dam.web.738.462

Il PD ha talmente tante correnti alternate che gli serviva un trasformatore. (Flex)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

zerbean

Renzi:”Questo è il mio ultimo incarico pubblico”. Avendo privatizzato il Governo del paese. (Flex)

“Green Economy. Le imprese italiane sono le più verdi d’Europa”. Nel mentre i dipendenti dormono nei parchi. (Flex)

Il pensiero unico delle oligarchie finanziarie transnazionali che dominano il pianeta non è di destra né di sinistra, e non è neppure di centro. Se si vuole provvisoriamente mantenere questa obsoleta e fuorviante metafora spaziale, esso è di destra in economia (potere del denaro), di centro in politica (potere del consenso) e di sinistra in cultura (potere dell’innovazione del costume). Lo smantellamento (di sinistra) delle vecchie forme conservatrici delle forme di vita tradizionali borghesi e proletarie, fatto in nome della modernizzazione nichilisticamente permanente, è funzionale ad un allargamento globale del mercato e del connesso potere del denaro che questo comporta (di destra). Questo è il punto essenziale da capire“. (C. Preve)

l’aria che tira…

C’è troppo smog nell’aria, ma non c’è da preoccuparsi. E’ l’Italia che si rimette in moto. (Flex)

polveri sottili… polverone politico. (Flex)

Parlare di democrazia pura, di democrazia in generale, di uguaglianza, libertà, universalità, mentre gli operai e tutti i lavoratori vengono affamati, spogliati, condotti alla rovina e all’esaurimento non solo dalla schiavitù salariata capitalistica, ma anche da quattro anni di una guerra di rapina, mentre i capitalisti e gli speculatori continuano a detenere la “proprietà” estorta e l’apparato “già pronto” del potere statale, significa prendersi gioco dei lavoratori e degli sfruttati“. (V. Lenin)

il buon ladro di famiglia…

“Il Governo vota la Legge di Stabilità nella notte di sabato e domenica”. Che è l’ora esatta del principio neoliberale del buon ladro di famiglia. (Flex)

“Nella legge di stabilità carta famiglia e casa in leasing”. Rotoloni doppio velo e culo in comodato d’uso per le finanziarie. (Flex)

Delrio:”Proteggeremo gli investitori”. Con un bel cappotto di legno. (Flex)

Si chiacchiera a reti unificate delle responsabilità di singoli individui e politici nella tragica vicenda delle banche salvate dallo Stato derubando i risparmiatori, i cittadini e i lavoratori. E, così facendo, si personalizza il problema. Vent’anni di berlusconismo e di antiberlusconismo dovrebbero pur averci insegnato qualcosa. Se si personalizza il problema, esso cessa di essere inteso come sistemico.
Morale? La contraddizione cessa di essere il sistema finanz-capitalistico, come lo chiamava il compianto Luciano Gallino, e diventa il cavalier Berlusconi prima e la signora Boschi dopo. Con l’ovvia conseguenza che il sistema è assolto. Si finisce per credere – diciamolo nel modo più semplice – che il problema siano i singoli personaggi (più o meno piccoli, più o meno ridicoli a seconda dei casi) e non il sistema finanz-capitalistico, basato sul classismo, sul folle principio della crescita infinita e sull’alienazione come stile di vita
. (Diego Fusaro)

come tassa il tempo…

Il governo Renzi compie un anno.
Flex:”Mamma mia come tassa il tempo”.

Renzi: “Ha smesso di piovere e si vede l’arcobaleno”.
Flex:”Ma il governo è ladro lo stesso”.

Negli ultimi 10 anni i furti negli appartamenti sono raddoppiati. 
Flex:”Basta guardare le bollette e le tasse”.

Ladri informatici rubano un miliardo dalle banche.
Flex:”Fonderanno il Monte Dei Passamontagna”.

Intanto a Firenze il morigerato Mattarella prende il tram.
Flex:”Per raggiungere il Paese al capolinea”.

La libertà economica è la condizione necessaria della libertà politica. (Luigi Einaudi)