Archivi tag: hyman minsky

voucherì

INPS: crollano le assunzioni a tempo indeterminato (-32,9%) ed aumentano i licenziamenti (+31%)”. Che sono tipici segnali di ripresa economica da jobs act; infatti i nostri camerieri vanno forte in America ora.

Renzi: “Differenziale lavoratore – imprenditore troppo basso”. Resta inalterato invece il differenziale elettore – facce da culo.

Poletti: “Per la riforma del lavoro serviva una spallata”. E un’inculata, una spallata ed un’inculata, una spallata ed un’inculata e così via fino al jobs act. (Flex)

il sistema finanziario è intrinsecamente instabile; le posizioni ultraspeculative di alcuni agenti economici, sostenute con costanti e elevate posizioni debitorie, porteranno sempre ad un apice di attività in quel settore che prima o poi arriverà sempre a causarne l’implosione. L’unico modo possibile per dare un pò di stabilità ad un sistema siffatto è concedere ampio intervento regolatorio e di politica economica allo Stato. Parte di tale intervento deve consistere in un piano di lavoro garantito che offra un impiego a chiunque sia disponibile accettarlo, e che porti perciò alla piena e buona occupazione in maniera permanente e non ciclica“. (Hyman Minsky)

download (1)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

(ab)Braccio di ferro

Braccio di ferro sul jobs act.
Flex:”Agli operai verranno offerti gli spinaci nelle mense della Caritas”.

Per il governo Renzi il jobs act rappresenta una rivoluzione copernicana.
Flex:”infatti le tutele crescenti ruotano intorno alle brache calanti dei lavoratori”.

L’obiettivo della creazione di lavoro é prendere le persone così come sono e generare lavori che siano adatti a loro. Non più mortificazione del lavoro dei non qualificati definendo le loro occupazioni come occupazioni senza via d’uscita“. (Hyman Minsky)

Pawel Kuczynski

Urbi et Lobby

Natale, Papa Francesco: “Il mondo ha bisogno di tenerezza”.
Flex:”Saranno senza lavoro un sacco di patatine e patatini”.

La questione in merito al pranzo gratis non è se esso venga offerto a qualcuno, cosa che potrebbe anche essere, ma come e da chi dovrà essere pagato il conto“. (Hyman Minsky)

Flex:”Buon Natale e buone feste a tutti, dai gufi eterodossi”.

10421422_10152975059372700_993606603845367865_n

Flex:”Quest’anno, come oramai da molti anni, nel presepe le pecore sono decimate, i pastori preoccupati e i francescani sospinti in default. Vincono i lupi.

Rendimento lento

Jobs Act, ipotesi di licenziamento per ‘scarso rendimento'”.
Flex:”…che si affiancherà allo ‘scarso interesse’ per il lavoratore”.

Napolitano:”I giovani fanno bene a prendere l’iniziativa”.
Flex:”In quel posto”.

Ci imbattiamo qui infatti in un principio “morale” della più grande importanza: le basi dell’etica capitalistica richiedono che “ti guadagnerai il pane col sudore della tua fronte” (a meno che tu non viva dei redditi del capitale)“.

(Michal Kalecki)

Ci sono forza potenti in una economia capitalistica che tendono a rendere il mantenimento del pieno impiego politicamente impopolare, improduttivo nel ridurre la povertà o, comunque, molto difficile? La risposta è che esistono“.

(Hyman Minsky)

Pawel Kuczynski

la Grande Abbuffata

Expo 2015: senza gara, appalti a Oscar Farinetti.
Flex:”Osteria numero 1″.

Non è importante “quanta” sia la produzione, è importante che questa sia al livello che consenta a tutti di lavorare, e quindi essere soddisfatti, avere del tempo da dedicare agli affetti, al tempo libero e alla cultura.

L’enfasi sull’investimento e sulla ‘crescita economica’, piuttosto che sulle politiche occupazionali, è un errore. Un’economia di pieno impiego è destinata ad espandersi, mentre un’economia che punti ad accelerare la crescita attraverso gli investimenti privati a elevata intensità di capitale non solo potrebbe non crescere, ma potrebbe essere sempre più iniqua nella distribuzione del reddito, inefficiente nella scelte delle tecniche, e instabile nel suo generale andamento“.

(H. Minsky)

Pawel Kuczynski