Archivi tag: immigrazione

la lista di Schengen

Buchenwald, la Merkel fa retromarcia sui profughi.
Flex:”troppa carne al fuoco”.

Viviamo l’epoca delle “passioni tristi” il cinismo, il pragmatismo, il positivismo, la rassegnazione, il disincantamento, l’irreversibilità dei sistema capitalistico imperfetto (e secondo l’ideologia dominante l’unico possibile), la fine delle utopie. E’ un groviglio di passioni tristi che si è impadronito dell’animo occidentale e che ha come obiettivo caratterizzante la fine del nobile ideale del perseguimento di visioni e futuri alternativi. Nel frattempo il potere “usurocratico” (che dall’alto sovraintende le visioni per tutta l’umanità) se la ride, se la canta e se la suona… del resto cinicamente il riso non è per tutti… non possiamo abbondare nel riso… è tristemente da stolti“. (by Flex)

P.S. il PD è pieno di passioni tristi, per questo è ben voluto da chi se la ride”.

FacebookTwitterGoogle+Condividi

ipocrisi(e)

Immigrazione, l’Ue prende delle misure.
Flex:”Come tutti i becchini”.

«Non credo che si tratti di un errore (dell’Europa) ma di una strategia molto precisa. Il capitalismo ha sempre bisogno dell’esercito industriale, ha bisogno di schiavi per fare lavori umili e sottopagati, a questo servono le ondate migratorie, certamente non per integrare i migranti ma per avere un esercito di schiavi. Per questo non ha senso fare l’elogio dell’immigrazione, così come non ha senso prendersela con i migranti che sono sfruttati in maniera vergognosa. Bisogna comprendere la logica capitalistica». (Diego Fusaro)

Flex:”Ci si commuove strumentalmente a sinistra, e ci si arrapa morbosamente a destra senza risvolti di pagina. Questa è la sostanza culturale di La Repubblica delle Speculazioni Affari e Finanza”.

republik
(foto by Patrizio Paolinelli)

fiocchi di cotone….

Alfano propone di far lavorare gratis i migranti.
Flex:”regolarizzando il Lavoro Nero”.

Nessun individuo potrà essere tenuto in stato di schiavitù o di servitù; la schiavitù e la tratta degli schiavi saranno proibite sotto qualsiasi forma. (Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, Articolo 4, anno 1948)

mediterraneo

Immigrazione, UE:”Cooperare anche con le dittature”.
Flex:”Dove assenti verranno istituite appositamente”.

Renzi: L’Europa non ha avuto una visione sulla Libia”.
Flex:”Il fumo lo avrebbe procurato lui”.

Intanto l’UE raddoppia i fondi per Triton.
Flex:”Triton e Ritriton”.

In alcune delle nostre province del Mezzogiorno specialmente, dove grande è la miseria e dove grandi sono le ingiustizie che opprimono ancora le classi più diseredate dalla fortuna, è una legge triste e fatale: o emigranti o briganti. (Francesco Saverio Nitti, L’emigrazione italiana e i suoi avversari, 1888)

come in mare, così in terra

Renzi:”Guerra agli scafisti schiavisti”.
Flex:”perchè anticipano in mare le soluzioni di terra previste nel jobs act”.

Giusto chiedere all’Europa una strategia comune sull’immigrazione. Giusto sarebbe anche ricordare che, se il Mediterraneo sta diventando un cimitero, anzi una fossa comune di uomini donne e bambini innocenti, è in gran parte responsabilità grave dell’Europa che ha voluto, insieme a quell’altro Nobel per la pace, abbattere il governo libico senza capire quali sarebbero state le conseguenze. O, nella peggiore delle ipotesi, fregandosene del tutto. Per questi morti, per quelli che ci sono stati prima e per quelli che purtroppo ci saranno in futuro ci sono dei colpevoli, e non sono solo gli scafisti. (Cecilia Controriformista Clementi)

Via Terùn

“Basta con gli italiani, ci rubano il lavoro”. (Cameron, premier inglese)
Flex:”C’è sempre un nord che ha una Padania da difendere”.

Salvini:”Sul sud abbiamo sbagliato”.
Flex:”per rimediare dedicherà una strada a tutti i migranti del Sud: “Via Terùn”

Il viaggiare per profitto viene incoraggiato; il viaggiare per sopravvivenza viene condannato“. (Zygmunt Bauman)
Flex:”…o favorito per disciplinare il Lavoro, intimorirlo e asservirlo ad una pura logica di sfruttamento e profitto”.

Fondare un nuovo tipo di Stato. Per tornare ad imporre il primato della comunità di individui liberi ed uguali che si riconoscano nello spazio della sovranità nazionale. (Antonio Gramsci)

La satira di Pawel Kuczynski