Archivi tag: isis

Brussels businISIS

Siamo noi!” ha detto l’ISIS al citofono. (Flex)

Renzi:”L’Europa sconfiggerà il terrorismo come l’Italia ha fatto con la mafia”. Meglio noto come accordo “Stato-Islamico”. (Flex)

Più Europa è già stato detto…

È insopportabile la retorica europeista che accompagna le stragi che colpiscono le città europee, ultima Bruxelles. Il dolore per le persone uccise del terrorismo jihadista, la paura di esserne prima o poi vittime, vengono oramai stravolti e sottomessi al dominio ideologico della casa comune europea assediata.
Cento e più anni fa il nazionalismo era amministrato paese per paese, oggi viene diffuso in una dimensione continentale, ma con gli stessi scopi e non facendo meno danni.
Ricordate l’immagine della manifestazione dei governanti a Parigi, poco più di un anno fa dopo il massacro di Charlie Hebdo? Un clamoroso falso mediatico (dietro i capi di governo non c’era nessuno) che voleva mostrare che i governi europei uniti guidavano il corteo dei loro popoli.
Ma di quale Europa stiamo parlando? Di quella che ha fatto mercato dei migranti con la Turchia, organizzando la più grande deportazione di massa dalla fine della seconda guerra mondiale? Quale Europa, quella che con le politiche di austerità sta da anni colpendo le conquiste sociali dei suoi popoli? Quale Europa, quella che nelle periferie delle sue città più ricche accumula il rancore dei suoi cittadini figli di migranti, fascinati dal fanatismo assassino dei kamikaze?
Quale Europa, quella che da 25 anni viene trascinata in guerre sempre più vaste che hanno fatto milioni di morti, guerre promosse dai governi di Francia, Gran Bretagna, Germania e Stati Uniti, che non sono europei ma comandano? Abbiamo appreso che l’Italia ha soldati persino in Mali solo perché, nelle stesse ore di Bruxelles, sono sfuggiti ad un attentato. Quale Europa ha deciso di mandarceli?
La solidarietà verso le vittime del terrorismo è sentimento ben diverso da quello che la propaganda ci vuole imporre. C’è un potere che usa le stragi per convincere i popoli della bontà della costruzione europea e della necessità di difenderla con le armi. Così chi mette in discussione l’euro è anti patriottico, come lo è chi non vuole che si vada a bombardare, o a invadere, la Libia.
Bisogna fermare la guerra proprio nel nome delle vittime innocenti delle stragi che si susseguono. La guerra non è la soluzione, è il problema e dopo 25 anni di interventi militari che han solo provocato altri interventi militari e stragi, questo dovrebbe essere persino scontato. Invece non lo è , perché l’Europa è imprigionata nella spirale guerra-terrorismo e non riesce a muoversi dal vicolo cieco in cui l’hanno portata i suoi governi e il sistema di potere della sua Unione. E il vicolo cieco della guerra è lo stesso ove la barriera delle politiche di austerità fa dilagare l’ingiustizia sociale e la rottura delle solidarietà.
Bisogna uscire da questa costruzione europea e dalle sue guerre prima che sia troppo tardi per tutti i suoi popoli.
(Giorgio Cremaschi)

isis

FacebookTwitterGoogle+Condividi

…e renne va plùs

Ambo e terno se li ruba il governo
quaterna e cinquina alla cappella sistina
tombole e tombolini li daremo a gli strozzini
. (Flex)

La colpevolizzazione aristocratica-snobistica delle masse rappresenta una facile via di fuga per i cosiddetti “colti” , la cui cultura non gli permette però di capire che il consumismo non è un prodotto spontaneo che viene “dal basso” ma una forma di integrazione artificiale integralmente gestita dai dominanti sui dominati“. (Costanzo Preve)

L’ISIS: “Vedrete cosa faremo per Natale”. Filetti di baccallah. (Flex)

Buoni del Tesoro a tutti e… buone feste a km 0.

BUON NATALE

Gesù CrISIS

Giubileo, Papa apre la Porta Santa dopo 15 anni”. Serratura di merda. (Flex)

“Controlli serratissimi”. Ma niente, Dio non c’è. (Flex)

“Un uomo porta una croce di 18 chili”. Anche Gesù è grande. (Flex)

“Giubileo della misericordia”. Se foste davvero misericordiosi non ci avreste triturato i coglioni per oltre 2000 anni. (Flex)

chiave

RAQQApricci!

CIA: “Nuovi attacchi in cantiere”. Ma non vogliamo anticiparvi niente. (Flex)

Valls: “Non possiamo rispettare impegni di bilancio U€”.
Flex:”patto di instabilità guerrafondaio”.

La Francia ottiene aiuto militare U€. “Je suis Marò!” (Flex)

Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza, non merita né la libertà né la sicurezza“. (Benjamin Franklin)

“Di uno dei kamikaze è rimasto solo un dito che indicava dove fosse il passaporto”. (Flex)

ISIS

Renzi:”possiamo fidarci di Putin”.
Flex:”E’ di Renzi che non possiamo”.

La ninna nanna de la guerra

Ninna nanna, nanna ninna,
er pupetto vò la zinna:
dormi, dormi, cocco bello,
sennò chiamo Farfarello
Farfarello e Gujermone
che se mette a pecorone,
Gujermone e Ceccopeppe
che se regge co le zeppe,
co le zeppe d’un impero
mezzo giallo e mezzo nero.

Ninna nanna, pija sonno
ché se dormi nun vedrai
tante infamie e tanti guai
che succedeno ner monno
fra le spade e li fucili
de li popoli civili

Ninna nanna, tu nun senti
li sospiri e li lamenti
de la gente che se scanna
per un matto che commanna;
che se scanna e che s’ammazza
a vantaggio de la razza
o a vantaggio d’una fede
per un Dio che nun se vede,
ma che serve da riparo
ar Sovrano macellaro.
Chè quer covo d’assassini
che c’insanguina la terra
sa benone che la guerra
è un gran giro de quatrini
che prepara le risorse
pe li ladri de le Borse.

Fa la ninna, cocco bello,
finchè dura sto macello:
fa la ninna, chè domani
rivedremo li sovrani
che se scambieno la stima
boni amichi come prima.
So cuggini e fra parenti
nun se fanno comprimenti:
torneranno più cordiali
li rapporti personali.
E riuniti fra de loro
senza l’ombra d’un rimorso,
ce faranno un ber discorso
su la Pace e sul Lavoro
pe quer popolo cojone
risparmiato dar cannone!

(Trilussa, anno 1914)

Flex:”ParISIS, ma nun è ISIS”:
TERRORIST MODERATE

ipocrisi(e)

Immigrazione, l’Ue prende delle misure.
Flex:”Come tutti i becchini”.

«Non credo che si tratti di un errore (dell’Europa) ma di una strategia molto precisa. Il capitalismo ha sempre bisogno dell’esercito industriale, ha bisogno di schiavi per fare lavori umili e sottopagati, a questo servono le ondate migratorie, certamente non per integrare i migranti ma per avere un esercito di schiavi. Per questo non ha senso fare l’elogio dell’immigrazione, così come non ha senso prendersela con i migranti che sono sfruttati in maniera vergognosa. Bisogna comprendere la logica capitalistica». (Diego Fusaro)

Flex:”Ci si commuove strumentalmente a sinistra, e ci si arrapa morbosamente a destra senza risvolti di pagina. Questa è la sostanza culturale di La Repubblica delle Speculazioni Affari e Finanza”.

republik
(foto by Patrizio Paolinelli)

col senno di poi…


L’Islanda rinuncia ad entrare nella UE.
Flex:”WOW! Ma perchè si può scegliere?”.

Intanto l’Isis:”Faremo esplodere Casa Bianca, Big Ben e Tour Eiffel”.
Flex:”E già che ci siete, per l’Eurotower si può fare niente?”.

L’Europa ha acquisito una tale velocità, pazza e disordinata, che sfugge oggi a qualunque guidatore, a qualunque ragione e va in vertigine spaventosa verso abissi da cui è meglio allontanarsi il più rapidamente possibile“.
(Frantz Fanon, I dannati della terra, 1961)

droni e neuroni

Cosa possiamo fare praticamente per mettere fine al terrorismo?
Flex:”Spegnere la televisione”.

Il mondo in effetti è cambiato dopo il 2001, dall’11/9.  Quel fatto ha dato la scusa all’America per passare alla mano militare onde continuare a dominare il mondo, non potendolo più fare con la supremazia economica. In più gli Stati Uniti hanno colto l’occasione per fare un colpo di stato silente in casa, a partire dal Patriot Act, e continuando in maniera strisciante a mutare la loro democrazia in uno stato autoritario “di Sicurezza” nonchè cominciare a distruggere, senza alcuna opposizione da parte del popolo spaventatissimo, interi pezzi del pianeta, paese scomodo dopo paese scomodo. Un altro modo di condurre la 3a GM senza che nessuno tranne le vittime se ne accorga. […] La Libia costituisce la prova migliore della logica imperiale americana. Dopo i bombardamenti massicci e il martirio truculento del vecchio Capo, ecco il caos totale. Arrivano allora i “terroristi”a spazzare bene tutto il territorio. C’è ancora qualcuno che sia in possesso dei suoi neuroni che ancora crede che sti terroristi siano i nemici dell’impero?
Chi è che non ha ancora realizzato che sti “terroristi” siano l’equivalente delle truppe d’infiltrazione (einsatzbgruppen) delle SS Hitleriane?
“.

(Luciana Bohne, counterpounch.org)

Nel frattempo continua il piano privatizzazioni. Pardòn “privazioni”.
ENEL, azioni in vendita (la quota pubblica è solo il 25%).Trenitalia, comparto Frecciarossa venduto ad Hitachi.
Flex:”strategicamente ora conviene svendere anche il comparto sicurezza, visti i pessimi risultati delle intelligence occidentali e nonostante i grandi investimenti in nuove tecnologie militari. LaDRONI e pelanDRONI. L’ISIS si propone come un ottimo acquirente”.

Golpevoli

Flex:”Terrorismi USA e getta.
Take it ISIS”.

“Finalmente ora la Libia è uno stato libero”. (Giorgio Napolitano, 2011)
Flex:”Golpevole”.

«Vorrei sperare anche, non c’è bisogno di dirlo, in una migliore percezione dell’illusione di potere alla quale tanti sono soggetti e, come ho appena detto, della debolezza nel trattare con le grandi concentrazioni di potere che nasce dalla tendenza moderna alla dispersione del contropotere. Dobbiamo riconoscere, laddove si esercita il potere delle grandi imprese o quello dei militari, che un effettivo consolidarsi del contropotere, e non la dispersione e la competizione fra molte organizzazioni opposte, è una necessità primaria, anzi assoluta». (J.K. Gailbraith – ‘Anatomia del potere’, 1983)

10906412_791437410943838_5612286352957650065_n