Archivi tag: john berger

a rotta di colon

Van Rompuy:”L’UE finora ha protetto solo gli affarismi“.
Flex:”La password era ‘Celoimponeleuropa’”.

Poi prosegue:”…è essenziale e urgente che sia protettiva anche degli impiegati e dei lavoratori. Si cambi rotta”.
Flex:”La Nuova Armata Rotta.
La linea rotta mare a rotta di colon-izzazione”.

Se si esaminano i loro lineamenti, si ha l’impressione che non abbiano appetiti fisici pronunciati, e tanto meno eccessivi… a parte un’insaziabile brama di controllo. Tutt’altro che mostruosi, i loro volti, benché un po’ tesi, paiono quasi insipidi. Sulla fronte hanno numerose righe orizzontali. Non si tratta di solchi scavati dal pensiero, ma di linee che trasmettono informazioni non stop. Occhi piccoli, pronti, che esaminano tutto e non contemplano nulla. Orecchie capienti come banche dati, ma incapaci di ascoltare. Labbra che tremano di rado, e bocche che prendono implacabilmente decisioni. Mani gesticolanti, che dimostrano formule e non toccano l’esperienza. Capigliature meticolosamente ravviate come per un test di velocità aeronautica. L’assoluta fiducia in se stessi che traspare dai loro volti è pari alla loro ignoranza, che è anch’essa evidente“.

(John Berger, dal libro ‘Contro i tiranni’)

FacebookTwitterGoogle+Condividi