Archivi tag: la repubblica

ipocrisi(e)

Immigrazione, l’Ue prende delle misure.
Flex:”Come tutti i becchini”.

«Non credo che si tratti di un errore (dell’Europa) ma di una strategia molto precisa. Il capitalismo ha sempre bisogno dell’esercito industriale, ha bisogno di schiavi per fare lavori umili e sottopagati, a questo servono le ondate migratorie, certamente non per integrare i migranti ma per avere un esercito di schiavi. Per questo non ha senso fare l’elogio dell’immigrazione, così come non ha senso prendersela con i migranti che sono sfruttati in maniera vergognosa. Bisogna comprendere la logica capitalistica». (Diego Fusaro)

Flex:”Ci si commuove strumentalmente a sinistra, e ci si arrapa morbosamente a destra senza risvolti di pagina. Questa è la sostanza culturale di La Repubblica delle Speculazioni Affari e Finanza”.

republik
(foto by Patrizio Paolinelli)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

EUgenio

Scalfari:”Cessioni di sovranità urgono, economiche e politiche”.
Flex:”Va bene, prendetevi Emanuele Filiberto!
La Repubblica che si svende, La Repubblica dei Falò”.

La competitività non è un problema se è un divertimento innocuo, tipo sfidarsi in un gioco. Ma non vedo perché ciascuno debba coltivare il principio di fare meglio di un altro”. (Noam Chomsky, 1 settembre 2012)

La realtà non è un solido cristallo” diceva Marx, è un organismo suscettibile di trasformazione. Il compito della filosofia non è allora quello di rispecchiare la mistica della necessità dominante, ma semmai il produrre il senso della possibilità, come fondamento stesso della realtà, la possibilità di essere altrimenti rispetto al destinabile esistente. In altro modo è il mostrare in stile idealistico che l’essere in quanto esito di un porre è perciò stesso trasformabile“. (Diego Fusaro)

Scalfari