Archivi tag: lettera bce

Avanzi o popolo!

Serracchiani (PD): “Il PD è una squadra che porta avanti un lavoro di gruppo”.
Flex:”di BCE e Confindustria”.

Serracchiani su jobs act:”Ora il mercato del lavoro è più moderno”.
Flex:”Quanto me lo fa un operaio al kg?”

Renzi:”In caso di licenziamento nessuno verrà lasciato solo”.
Flex:”La Caritas li accoglierà sempre a braccia aperte”,

Dopo il Jobs Act, il PD renziota punta alla riforma della scuola.
Flex:”Si potrà bocciare anche senza giusta causa. D’Istruzione di massa”.

Flex:”Non ci sono più i comunisti di una volta. I democristiani si”.

Il PIL salirà…
Flex:”A 90 gradi”.

Le sfide principali sono l’aumento della concorrenza, particolarmente nei servizi, il miglioramento della qualità dei servizi pubblici e il ridisegno di sistemi regolatori e fiscali che siano più adatti a sostenere la competitività delle imprese e l’efficienza del mercato del lavoro.
a) E’ necessaria una complessiva, radicale e credibile strategia di riforme, inclusa la piena liberalizzazione dei servizi pubblici locali e dei servizi professionali. Questo dovrebbe applicarsi in particolare alla fornitura di servizi locali attraverso privatizzazioni su larga scala.
b) C’é anche l’esigenza di riformare ulteriormente il sistema di contrattazione salariale collettiva, permettendo accordi al livello d’impresa in modo da ritagliare i salari e le condizioni di lavoro alle esigenze specifiche delle aziende e rendendo questi accordi più rilevanti rispetto ad altri livelli di negoziazione. L’accordo del 28 Giugno tra le principali sigle sindacali e le associazioni industriali si muove in questa direzione.
(Sole 24 ore, Lettera BCE all’Italia, settembre 2011)

FacebookTwitterGoogle+Condividi