Archivi tag: marcello de cecco

generazione futures

“La Boschi presenzia la Winter School of Futuredem, la scuola di formazione dei giovani piddini”. Tutto quell’inglese è per educarli all’idea di parlare bene la voce dei padroni. (Flex)

Lapo Elkann: “Per essere leader bisogna essere positivi”. A volte basta anche essere coglioni e nascere nella famiglia giusta. (Flex)

L’economista Marcello De Cecco ha usato l’espressione di “keynesismo criminale”; ed effettivamente il sistema di tangenti e clientele induceva il ceto politico a finanziare opere pubbliche e infrastrutture e a ridurre la disoccupazione: una gestione cartalista della finanza pubblica permetteva a questa di espandersi pressoché illimitatamente senza contraccolpi.
Il Capitale ha tollerato un meccanismo del genere, seppure anti-deflattivo e ad alto tasso occupazionale, finché ha potuto, fino a quando, cioè, i profitti potevano espandersi, come spiega la teoria marxiana della caduta tendenziale del saggio del profitto. Esaurita questa spinta, per garantirsi gli stessi margini di profitto, doveva ridurre gli investimenti, i salari e l’occupazione. Ma per farlo bisognava spazzare via quel ceto politico che su questo sistema aveva prosperato, che aveva creato leggi a tutela del lavoro e che deteneva ancora il controllo di importanti settori industriali. E quale strumento migliore che l’accusa di corruzione?
(Matteo Volpe, L’Intellettuale Dissidente)

scuola formazione politica

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Exposto

Expo, il coro dei bambini cambia Mameli: “Siam pronti alla vita”.
Flex:”da precari”.

Mattarella: l’Italia ce la farà.
Flex:”La festa, intende”.

Mattarella: “Il lavoro sia per tutti, è la Costituzione che ce lo dice”.
Flex:”Se è per questo ci dava pure il diritto al voto.

Debito, Tesoro avvia ristrutturazione derivati. Padoan:”Comporterà dei costi”
Flex:”L’italia è in piena deriva(ti) autoritaria”.

… Il Paese è divenuto talmente aperto a tutte le correnti, che non può permettersi più alcuna politica indipendente, nessuna deviazione dal trend imposto dai mercati internazionali… il fatto del governo Berlusconi (1994, nda) è la prova più lampante di questa affermazione: la maggioranza che sorregge un governo che si mette anche brevemente in contrasto con i mercati internazionali si decompone e il governo cade“. (Marcello De Cecco, La Sapienza, Roma)