Archivi tag: mercati

Obtorto polli

€ur(OPA) e allevamenti a terra. “Dal 2012 le galline hanno 750 cm quadrati di spazio”. E potranno imparare anche il ballo dei qua qua. (Flex)

P.S. E questa è la più grande conquista sindacale degli ultimi anni. (Flex)

“New York Times diverse ricerche hanno evidenziato come i ricchi vivano più a lungo e con più welfare”. Anche l’acqua calda conferma la scoperta. (Flex)

“L’odierno ordinamento capitalistico è un enorme cosmo, in cui il singolo viene immerso nascendo, e che è a lui dato, per lo meno in quanto singolo, come un ambiente praticamente non mutabile, nel quale è costretto a vivere”. (Max Weber)

pollaio

FacebookTwitterGoogle+Condividi

l’uomo nomade

Venute meno le protezioni politiche i lavoratori non possono perseguire un’emancipazione attraverso istituzioni e apparati collettivi (la classe, il sindacato, il partito, infine lo Stato) ma soltanto accettando la competizione su scala globale e inseguendo la speranza di un successo personale magari in terra straniera ovunque i mercati richiedano la loro particolare abilità, senza mai disfare le valigie, senza attaccarsi a una casa di cui non si è proprietari ma inquilini temporanei, senza stringere rapporti affettivi troppo forti che sarebbe poi un problema sciogliere alla partenza successiva. (Matteo Volpe)

Per la volatilità dei capitali l’uomo si fa uccello mignattaio. (Flex)

RADICI

l’€ur(OPA) ci protegge

“Imprese, il 51% del made in Italy quotato è in mano estera”. Il made in Italy va di Moody’s. (Flex)

Piano Tronca:”Privatizzare gli asili nido”. E tutti a dargli “retta”. Anche i più piccini debbono contribuire al risanamento del paese. (Flex)

La nazione in sé non è un centro espansivo di universalismo, e non potrebbe neppure esserlo, ma è una precondizione indispensabile a che il dialogo mondiale non sia ridotto ad individui sradicati manipolabili a piacere dai centri finanziari multinazionali e transnazionali. Qui sta il nesso storico-filosofico fra nazioni ed universalismo“. (Costanzo Preve)

Eurolabirinto

‘li mercatacci loro!

Inps, Boeri: “I giovani avranno problemi con la pensione”. E partoriranno con dolore! (Flex)

Secondo l’INPS i 35enni di oggi andranno in pensione a 75 anni.
Secondo l’ISTAT la vita media degli italiani è di 79,8 anni. A li mercatacci loro. (Flex)

Le pensioni possono essere erogate da uno Stato a moneta sovrana semplicemente premendo un bottone su una tastiera di un computer alla Banca Centrale. Basta, nessun bisogno di aiuti esterni. NO ESTERNI, CAPITO?
Oppure le pensioni possono essere erogate da Istituti statali o privati che vi prendono i versamenti e li fanno fruttare sui MERCATI.
Io vi ho detto fin dal Cretaceo che la prima soluzione è la migliore, perché le altre soluzioni, quelle che Wall Street e la CGIL/PD oggi vi offrono, si reggono su quel luogo maledetto e micidiale che si chiama MERCATO.
Oggi Bloomberg ci dice che il fondo pensioni più grande del mondo che si basa sui maledetti e micidiali MERCATI, cioè il GPIF del Giappone, ha perso in POCHI MESI SESSANTAQUATTRO miliardi di dollari per colpa dei… dei… MERCATI. Sono 64 miliardi di dollari di pensioni andate in fumo in poche settimane. Ditelo a CGIL/PD.
Booo, non so quanti pensionati giapponesi ora sono lì che insaponano delle corde per domattina. Nessuno ve lo dirà, i media giapponesi su questo sono peggio dei media Sovietici nel 1965, nascondono TUTTO.
Vostro come sempre
. (Paolo Barnard)

Bar Eur(OPA)

Eurotower…
Flex:”Il pranzo è servito. A differenza dei turpi e vetero nazifascisti nell’eurozona moderna ci spennano e ci rendono plebe pelle o ossa con le posate”.

Se riflettiamo veramente sui cosiddetti concetti libertari, scopriamo che fondamentalmente si tratta di consegnare il processo decisionale ai potentati privati, così ognuno di noi sarà più libero… L’odio per la democrazia è così radicato nel sistema dottrinale che non si pensa che il governo è uno strumento nelle nostre mani. C’è voluto un grandissimo lavoro per far si che le persone arrivassero ad odiare a tal punto la democrazia“. (N. Chomsky)

Monti: “ho riflettuto molto, dobbiamo convincerci che c’è qualcosa di intrinsecamente inferiore nell’Italia e rassegnarci”.
Flex::”Che SStronzo!”.

11204402_10207751977421490_2320138913925427520_n

La società dei cravattari

BCE, asta Ltro sotto le aspettative legato a scarsa domanda di credito. (Sole 24 ore)

“Il Pentagono valuta gli scenari di rivolta in Europa”.
E la BCE è pronta con i bazooka finanziari. (Flex)

Fatece largo che passamo noi
speculatori co’ la Borsa a tracolla
semo bankieri titolati in doppio petto
e le democrazie stamo ‘a pignorà
e i poveracci stamo ad affamà

Ma che ce frega
ma che ce ‘mporta
se oltre al lavoro
mercificamo l’acqua
e noi gliè dimo, e noi gliè famo
“er Sub-Prime va remunerato!”
E perciò noi semo quelli
che ve “quotiamo in toto”
Portatece er vino a li castelli
politicanti semo in società.

Ce piacemo che so’ polli
che sò abbacchi e sò galline
perchè sò senza spine
com’è lesso un baccalà!

La società dè li cravattari
la società dello Spread in Bund!
A noi ce piace stà a Piazza Affari
E poi ce piace dè borseggià!

Asta!
Portace ‘n’artro derivato
che noi ve l’affibbiamo
e poi l’ariscuotemo
embè, embè, BCE!

E quanno er debito mbè
è parametrato dall’UE
l’euro ar gozzo mbè
ve fà da strozzo con la BCE
Per un titolo tossico e un BTP breve
miei Cari Allocchi dovete morì dè sete,
dè sete, dè sete. Olè!

(Fiore Ranauro, in arte Flex)

La società dei cravattari in video.

La Signora degli Spinelli

Barbara Spinelli: “L’euro ci protegge, prima eravamo completamente dipendenti del marco tedesco e dei Mercati”.

Flex:”L’€urocrazia nasce, difatti, per farci passare dalla fase di dipendenza alla fase di schiavitù”.

10 validi motivi per cui è conveniente abbandonare l’euro per la Nuova Lira.

1) Si potranno abbassare da subito le tasse. “ll dramma dell’euro risiede nel fatto che la sua adozione costringe a politiche pro-cicliche; significa che in un periodo di crisi il governo deve aumentare le tasse, peggiorando cosi la situazione della gente”;

2) si potrà migliorare la situazione ambientale del Paese. “Sarà in grado di adottare quelle politiche di cui beneficia l’ambiente, quindi noi. Lo Stato deve essere in grado di agire nelle aree dove il privato latita perché non vede nessun profitto immediato”;

3) si potranno pagare subito i debiti della pubblica amministrazione nei confronti delle aziende. “Sarà possibile pagarli immediatamente”;

4) si potrà ridurre il prezzo dei carburanti. “Con la lira le accise diverranno inutili poiché uno Stato a moneta sovrana non si finanzia con le tasse. I soldi non vengono dal tuo portafoglio poiché li crea autonomamente lo Stato. Con l’euro, lo Stato italiano deve prendere in prestito denaro presso le banche come se fosse un qualsiasi privato, e per questo non può essere l’àncora di salvezza nei periodi di crisi”;

5) per eliminare il rischio che l’UE preleverà presto parte dei nostri risparmi. “È questione di tempo. Ora ha eseguito un test a Cipro per valutare la fattibilità. Hanno visto che si può fare, i prossimi potremmo essere noi”;

6) si potranno adottare programmi di piena occupazione. “Verso chiunque sia disposto a lavorare, uomo, donna, disabile, a un reddito lievemente inferiore a quello previsto per la stessa mansione nel settore privato”;

7) si potrà dare il via a miglioramenti strutturali significativi. “In grado di incrementare il benessere di tutti: sistemi fognari e distribuzione idrica, strade, ponti, marciapiedi, inoltre, trasporto pubblico, insegnanti, dottorandi, aule scolastiche, lampioni a efficienza energetica, attrezzature sanitarie, pulizia, sicurezza pubblica, cancellerie dei tribunali, ecc”;

8) potremo abbandonare la strategia neomercantilista dell’export. “Il guadagno reale è dato da tutto ciò che produciamo noi (fino alla piena occupazione) più quello che producono molto meglio soggetti esteri”;

9) lo Stato tornerà a garantire la sicurezza del futuro ai cittadini. “Deve rappresentare la base per eliminare quell’ansia per cui domani potrebbe caderci il mondo addosso”;

10) infine, per tornare all’Italia. “Perché l’Europa e nessun altro continente merita questo scempio. L’Unione Europea non ce lo permetterà mai“.

Fonte: Forexinfo.it

€ur(OPA)

Flex:”€ur(OPA), Operazione Privata di Acquisto (delle Nazioni)”.

Le 11 tesi sull’€uropa e sull’€uro.

1) L’Europa, o meglio l’odierna eurocrazia e l’euro, è il compimento del capitalismo assoluto liberato di ogni vincolo, dei lacci e lacciuoli, e in cui tutto si riduce a mercificazione, in tutto è contraddistinto dal primato assoluto dei mercati finanziari;

2) l’euro non è una moneta “neutra”, ma un preciso metodo di governo che segna il trionfo assoluto del capitalismo finanziario;

3)l’euro è il modo in cui nell’odierna Europa post 1989 si attua la restaurazione dei principi che vedono il ritorno del dominio assoluto delle politiche neoliberali;

4) l’euro e l’eurocrazia riproducono in forma puramente economica quelle forme di asimmetria e di asservimento dei popoli che nel ‘900 si era tentato di imporre in forma politica, militare e giuridica (nell’odierna eurocrazia il rapporto fra i popoli è un rapporto di subalternità e asimmetria, in forza del quale i Greci stanno ai tedeschi, come gli schiavi stanno ai padroni; non c’è più il fucile o il carro armato ma c’è il debito pubblico, lo spread, l’ultimatum dei mercati e della Troika);

5) l’euro serve a rimuovere le conquiste sociali ed il Welfare State che erano stati conquistati sul campo in 150 anni di conflitti e di lotte di classe (il progetto di questa europa è la rimozione dei diritti sociali che contrastano con la forma di mercificazione assoluta e con il principio sfrenato della concorrenza e della competizione mercatistica);

6) l’euro non è funzionale a servire i popoli, bensì ad asservirli, cioè a produrre delle vere e proprie forme di violenza economica immanente;

7) l’odierna Europa è un pervertimento del nobile progetto europeo di Kant e Spinelli, vale a dire di un’Europa confederata di Stati liberi, fratelli e democratici, in quanto l’eurocrazia nasconde un potere dominante e assoluto della finanza, ragion per cui chi è per l’Europa di Kant e Spinelli deve essere contro quest’europa dell’euro;

8) l’eurocrazia, così come si è venuta a costituire nei decenni, è una forma di golpe finanziario in nome del quale si è innescato un vero e proprio “Cesarismo” della Finanza volto a rimuovere la sovranità di istituti “democratici” e trasferendola ad istituti anti-democratici, cioè ad entità “sensibilmente sovrasensibili” avrebbe detto Marx;

9) l’euro e l’europa odierni segnano il passaggio alla “spoliticizzazione” dell’economia, in cui l’economia è assolutizzata ed automizzata e non più disciplinata dalla forza residua del politico (oggi è l’economia stessa che si fa politica, la politica non decide più nulla, sovrano è l’assolutismo del capitalismo finanziario);

10) l’euro implica il compimento di un capitalismo che non distrugge solo le classi subalterne, ma getta nel baratro i popoli, popoli interi sacrificati a le monsieur le capital;

11) l’euro e l’eurocrazia non devono, come si è fatto finora, essere soltanto interpretati, ma radicalmente trasformati, re-imponendo un primato della politica, re-imponendo la sovranità del popolo democratico sulla propria scelta di esistenza, quindi rimuovendo il primato assoluto dei mercati, ragion per cui occorre uscire dall’euro e da questa europa della finanza, tornare alla sovranità nazionale e da lì perseguire la via di un’altra Europa dei popoli liberi, fratelli, democratici e sovrani.

(Diego Fusaro, filosofo)