Archivi tag: merkel

i 10 comandamenti (degli euroinomani)

Ama il prossimo tuo creditore come te stesso
La tua libertà finisce dove inzia quella degli speculatori

1. Non avrai altro Dio all’infuori dell’Eurozona
2. Non nominare il nome Troika invano
3. Ricordati di santificare l’Euro
4. Onora il debito pubblico
5. Non uccidere la fiducia dei mercati
6. Non commettere atti impuri di evasione
7. Non rubare il Quantitative Easing
8. Non dire falsari delle finanze
9. Non desiderare lo spread altrui
10. Non desiderare la Spesa Pubblica a Deficit

(Fiore Ranauro in arte Flex)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

… solo fumo sto toscano

Merkel: “Mi fa molto piacere che Renzi sia venuto”.
Flex:”È bastato un fischio”.

Renzi:”L’Italia è tornata a farsi sentire nelle organizzazioni internazionali”.
Flex:”Con i suoi coraggiosi e solenni “Obbedisco!”.

Il modo di produzione capitalistico è una totalità sociale basata strutturalmente sulla violenza, sia nei rapporti tra gli individui, sia nei rapporti tra gli stati. Questa violenza non è ovviamente sempre cinetica, cioè visibile, ma non per questo si può dire che non esista. Ad esempio, la mafia esiste anche quando vi sono accordi tra i grandi padrini mafiosi, e non vi sono guerre aperte tra bande, con massacri di S.Valentino e bombe esplosive per le strada che fanno saltare automobili parcheggiate. Una mafia statica è spesso molto più forte di una mafia cinetica, anche se quest’ultima si presta maggiormente ad ispirare film di gangster. Questo ovviamente avviene anche con l’imperialismo. Si tratta di una questione che non viene in generale intesa dai movimenti pacifisti, che per la loro stessa essenza debbono credere alla possibilità di rimuovere le cause della guerra senza rimuovere la riproduzione normale del modo di produzione capitalistico“. (Costanzo Preve)

alta quota

Precipita aereo tedesco…
Flex:”Portava aiuti alla Grecia”.

Al momento non ci sono prove che sia terrorismo.
Flex:”Sui sedili della seggiovia nemmeno una carta d’identità dimenticata”.

Alcune fonti parlano di attentato di matrice islsmica.
Flex:”Dopo Maometto, la Montagna”.

Si parla anche di un corpo che si muove sulla scena del disastro. 
Flex:”Cazzo, è Renzi che si fa un selfie”.

Nel frattempo calano le quotazioni Germanwings
Flex:”o meglio precipitano”.

Lo so, queste poche righe sono forse scontate, ma non posso stare zitto. Muoiono 150 esseri umani in un disastro aereo e Merkel, Hollande con Mariano Rajoy della Spagna s’incontreranno contriti con tanto di media mondiali sparati nel cosmo. Facce sconvolte, mano sul cuore. Ma quando per colpa della Merkel, DELLA MERKEL, decine di migliaia di anziani, donne, uomini e feti crepano, la Merkel e Hollande e Rajoy non fanno una piega, manco si mandano una cartolina.
Il Prof. David Stuckler – non un prof qualunque, ma il leader mondiale di Economia della Salute, docente a Cambridge e Oxford – scrive il libro “The Body Economic: Perché l’Austerità Uccide”… non vola una mosca. Eppure ha dichiarato che “le recessioni possono fare male, ma le Austerità uccidono”. Non vola una mosca, non si muove una foglia. E quando la CNN fa uno special nel 2003 dove già allora dava la cifra di 12.000 suicidi causati dalle Austerità della Merkel, più la mortalità infantile greca arrivata a livelli del Sudan ecc. ecc., non vola… non si muove…
Mi viene voglia di pensare con rabbia vibrante che Gesù dovrebbe esistere anche solo per portare Merkel, Hollande e Rajoy (e un bel po’ di altra gente) al destino degli ‘Ipocriti’
. (Paolo Barnard)

il senza fine giustifica i mezzi

159109_600

Berlino. incontro rispettoso Merkel Tsipras
Flex:”Non c’era neanche il muro”.

Merkel “Vogliamo che la Grecia cresca e diventi forte”.
Flex:”come per tutti i maiali prima di macellarli”.

Tsipras:”Il mio obiettivo non è chiedere soldi…”.
Flex:”ma almeno il biglietto di ritorno”.

I miti sono pericolosi proprio perché si basano più sulla memoria culturale e sui pregiudizi che sui fatti. Dietro l’attuale crisi tra Grecia e Unione Europea [UE] c’è una favola che ha a che fare solo in minima parte con le ragioni per cui Atene e un certo numero di altri paesi dell’UE [a 28 membri] si trovano in profonda difficoltà.Il racconto è una variazione della favola di Esopo sulla formica operosa e la cicala scansafatiche, amante del divertimento, con i “paesi nordici” [ovvero Germania, Paesi Bassi, Gran Bretagna e Finlandia] nella parte della formica, e con Grecia, Spagna, Portogallo e l’Irlanda in quella della cavalletta.Le formiche – guidate dalla frugale casalinga sveva, la Cancelliera tedesca Angela Merkel – sono sobrie e virtuose mentre le cicale sono spendaccione e corrotte. Si sono cacciate nei guai e ora è il pifferaio che deve pagare.Il problema è che questo mito non ha alcuna connessione con le radici reali della crisi e con le soluzioni che potrebbero essere trovate. Si perpetua, in questo modo, la favola che il debito è colpa dei singoli paesi, piuttosto che della grave crisi nel cuore dell’Unione Europea. (Conn Hallinan)

€uroglut!

1426953169-copertina-kmeb-u43070385361920wib

Flex:”Euroglut, e il lavoro già precario fa kaputt!”.

Ed eccoci all’Euroglut. Euro vuol dire euro. Glut vuol dire ‘sovrabbondanza’. Sappiate infatti, che al contrario di quanto affermato dalla Deutsche Bank, l’EUROGLUT ci porterà: A) ancor meno crescita. EUROGLUT viene in parte dal super export della UE, cioè un surplus di export. Ma la VERA economia e i bilanci settoriali ci insegnano che se da una parte esiste un surplus, per forza ci deve essere una perdita da un’altra parte (come in una partita a carte: se uno vince, qualcun altro deve perdere per forza). E chi sta pagando il surplus dell’export UE? In primo luogo le perdite dei Paesi esteri che ci comprano più cose di quante ce ne vendono.Ma ANCHE le perdite dei lavoratori europei e delle economie nazionali UE, che per poter esportare tanto devono essere COMPETITIVI, che si traduce in: tagli ai salari europei a tutto spiano (l’industriale deve far costare poco il suo prodotto), e depressione dei consumi (se consumiamo noi le nostre cose, non ce ne rimangono tante da esportare). Due siluri d’impoverimento europeo certo. Infatti lo vediamo, si chiama crisi. (Paolo Barnard)

Flex:”Io non sono economista ma…” quando la disoccupazione cresce il salario diminuisce e via discorrendo…. È il prezzo dello squilibrio (variabile e insito nel mercato liberale) tra la domanda e l’offerta di lavoro che potrebbe invece essere “sanato” da parlamento e governo attraverso fondi automatici connessi a programmi di lavoro garantito (nei settori pubblici e privati) per i disoccupati involontari. Il lavoro è un diritto umano, ma non ditelo al keynesiano Alberto Bagnai. Lui odia i neo-comunisti”.

Liquiditiè

Draghi fa partire il grande QE.
Flex:”Il consiglio è di continuare a stringere le chiappe. Parola di ANAListi ad alto QI”.

Varoufakis:”Senza si UE, si va al referendum sull’euro”,
Flex:”L’€urinarie greche”.

«Improvvisamente c’è stata una sorta di guerra, fra nord e sud, fra i greci e i tedeschi. Adesso nessuno dice di voler salvare qualcun altro, e nessuno dice di voler essere salvato e ovviamente in tutto questo i profitti delle banche non vengono mai presi in considerazione». (Marshall Auerback, mmter’s)

La BCE con suo QE (quello che i giornali dei fagiani d’Italia chiamano ‘il bazooka di Draghi’, io direi il pistolino di Draghi) comprerà il 140% dei titoli di Stato tedeschi lordi emessi da Berlino (fonte Bloomberg).Ricordo a tutti che io vi rivelai che la Germania stava PERDENDO compratori dei suoi titoli di Stato a man bassa (scrissi: “dopo aver comprato camionate di titoli tedeschi, gli interessi che i Mercatiguadagnano su quei titoli è crollato a ZERO. Oggi il Bund tedesco a 10 anni ti rende lo 0,74%, cioè meno che un investimento in banane, domani renderà sotto lo ZERO. Risultato?… Indovinate chi oggi non riesce a finanziarsi appieno sui Mercati? Cioè a vendere la quantità di titoli di Stato che gli serve per avere gli euro? MA LA GERMANIA!! Che è la DECIMA volta che non ce la fa a vendere tutti i titoli di cui ha bisogno… C’è qualcosa di un po’ drammatico che tocca, no?).Ok, la Germania PERDEVA compratori dei suoi titoli. Ora Draghi glieli comprerà al 140% col suo QE ‘bazooka/pistolino’. Ora capite per chi lavora Draghi?Baci baci e W la f.. (finisce per iga)“. (Paolo Barnard)

addestra(menti)

Mattarella incontra la Merkel:”Sintonia su tutti i fronti”.
Flex:”soprattutto sul fronte retro”.

Fassina (PD):”Con questa politica l’euro va a fondo”.
Flex:”a fondo monetario internazionale”.

Mattarella:”L’Europa cambi passo”.
Flex:”Avanti March, unò duè, unò duè”.

Il problema dell’economia moderna non è il fallimento della conoscenza dell’economia, è il fallimento della conoscenza della storia“. (J.K. Gailbraith)

Migrant€s

Il Sindaco di Lampedusa:”Non voglio essere il becchino dell’Europa”. 
Flex:”Per quello c’è già la Merkel”.

Dal canto suo, Perre Henry, direttore generale dell’ONG France Terre d’Asile si rammarica che il dibattito sulle questioni migratorie non sia affrontato nel suo insieme. “Tra quelli che si augurano di uscire da Schengen, quelli che vogliono punire gli Stati che non rispettano alcune regole, quelli che pensano che la nomina di un commissario europeo per l’immigrazione risolverebbe il problema e quelli che si accontentano di criticare senza proporre…
In realtà, non c’è un vero dibattito sulla questione migratoria”. La vendita della nazionalità è tenuta a debita distanza dalla piazza pubblica. […] Quelle e quelli che non dispongono dei visti “business class” ne pagano caro il prezzo: in 14 anni, 23 mila migranti sono morti alle porte dell’Europa
.

(Morgane Thimel)

moSSadici

Oggi è la Giornata della Memoria.
Flex:”Undicesimo: Non avrai altro genocidio all’infuori dell’Olocausto”.

Merkel:”Abbiamo la responsabilità di comunicare quanto noto su quelle atrocità e di tenere viva la memoria”.
Flex:”Finchè non vi piegherete ancora alla “Grande Germania”

Renzi:”Uomini non sono numeri”.
Flex””E allora, forse, ho frainteso il Jobs Act Macht Frei”.

27 GENNAIO: GIORNATA DELLA MEMORIA (con un olocausto in corso… quello del popolo palestinese) “israele sei la vergogna dell’umanità, l’offesa più grande alle vittime dell’olocausto“. (Samantha Comizzoli)

E’ sempre il pessimo comportamento degli ebrei che provoca disastri agli ebrei. …Il Tribunale di Norimberga era finto, ce ne vorrebbe uno vero per Israele“. (Gilad Atzom, musicista ebreo)

Pawel Kuczynski

D€pendance

La Merkel a Firenze…
Flex:”visita le Colonie. Uffizialmente incontro cordiale tra il capo del governo italiano e l’ex sindaco di Firenze..
La mi porti un culone a Firenze…

Merkel:”Ora gli imprenditori tedeschi mi dicono che si può investire in Italia”.
Flex:”E’ gratis”.

La prima funzione della disoccupazione (che è sempre esistita in forme aperte o nascoste) è quella di mantenere l’autorità del padrone sul lavoratore comune. Il padrone è normalmente in potere di dire:”Se non vuoi il lavoro, ci sono molti altri che lo vogliono“. (Joan Robinson, anno 1943)

Flex”La Venere di Botticella”.

by