Archivi tag: michal kalecki

Rendimento lento

Jobs Act, ipotesi di licenziamento per ‘scarso rendimento'”.
Flex:”…che si affiancherà allo ‘scarso interesse’ per il lavoratore”.

Napolitano:”I giovani fanno bene a prendere l’iniziativa”.
Flex:”In quel posto”.

Ci imbattiamo qui infatti in un principio “morale” della più grande importanza: le basi dell’etica capitalistica richiedono che “ti guadagnerai il pane col sudore della tua fronte” (a meno che tu non viva dei redditi del capitale)“.

(Michal Kalecki)

Ci sono forza potenti in una economia capitalistica che tendono a rendere il mantenimento del pieno impiego politicamente impopolare, improduttivo nel ridurre la povertà o, comunque, molto difficile? La risposta è che esistono“.

(Hyman Minsky)

Pawel Kuczynski
FacebookTwitterGoogle+Condividi

Arancia metalmeccanica

Job Act, “colpi gratuiti a lavoratori in sciopero”. 
Flex:”Menarmeccanico. È il nuovo stato sociale renziano”.

Nell’ambito di un sistema di laissez-faire il livello occupazionale dipende in larga misura dal cosiddetto “stato di fiducia”. Se questo si deteriora, gli investimenti privati calano, che si traduce in un calo della produzione e dell’occupazione (sia direttamente che tramite l’effetto secondario della caduta dei redditi su consumi e sugli investimenti). Questo dà ai capitalisti un potente controllo indiretto sulla politica del governo: tutto ciò che può scuotere lo “stato di fiducia” deve essere accuratamente evitato perché causerebbe una crisi economica. Ma una volta che il governo scopre il trucco di aumentare l’occupazione con i propri acquisti, il dispositivo di controllo potente perde la sua efficacia. Da questo discende che i deficit di bilancio necessari per portare a termine l’intervento del governo devono essere considerati come pericolosi. La funzione sociale della dottrina della “sana gestione finanziaria” è quella di rendere il livello del lavoro dipendente dallo stato di fiducia“.

(Michał Kalecki)