Archivi tag: migranti

airbag macht frei

Merkel chiede a case automobilistiche di assumere profughi.
Flex:”Airbag macht frei. La Mercedes serie SS ha come nuovo optional i sedili di pelle umana”.

Vitor Costancio (vice Bce):”fate entrare i migranti, abbiamo bisogno di lavoratori”.
Flex:”da sfruttare… pur di accrescere i profitti per rendite parassitarie e opportunismi imprenditoriali”.

Nell’eurozona il tasso di disoccupazione è pari all’11,4%. In questo dato non rientrano tutti coloro che pur essendo disoccupati svolgono “lavoretti” precari e flessibili, pari a 35 milioni europei, cinque milioni in più rispetto alla crisi del 2008. (Fonte OCSE)

Tenderei a dire che siamo di fronte alla creazione di una nuova antropologia che è quella del migrante. Dove in qualche modo la figura del migrante è il nostro futuro, dobbiamo diventare migranti anche noi, ce lo ripetono continuamente le ideologie dominanti. Gli stessi giovani europei sono sempre più ridotti a migranti che devono abbandonare il proprio Paese per andare a fare, magari come laureati, il lavapiatti a Sidney o a New York. L’elogio del migrante non ha nulla se non l’ennesima retorica del sistema economico che vuole fare dei giovani i nuovi migranti elogiando questa migrazione come fenomeno positivo. Ma qui non c’entra nulla la figura di Ulisse, quella del viaggiatore. Il migrante non è un viaggiatore! E’ un disperato che se potesse starebbe a casa tua ci starebbe”. (Diego Fusaro)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

refuggi

UE, accoglienza migranti, trovato l’accordo.
Flex:”Andranno tutti all’Inter”.

Il problema del mondo non è la disobbedienza civile, ma l’obbedienza civile. La Germania nazista diventò forte perché la gente obbediva ad Hitler“. (Matt Damon)

Flex:”E oggi obbedisce all’eurovina germanocentrica”.

“Il 90% dei migranti proviene da paesi che hanno fatto le “Riforme” del FMI“. (Walter Impellizzeri)

Flex:”costretti a competere nei mercati del lavoro (esteri) il cui costo del lavoro è maggiore di quello di provenienza (asimmetrie capitalistiche)… per questo i lavoratori italiani vanno in Germania, mentre i ‘prenditori partono con IVA in Romania… Và pensiero sulle ali del captale…”.