Archivi tag: movimento 5 stelle

ma il materaaasso….

Padoan: “La gente non capisce la finanza”. Che poi è anche il motivo per cui sono ancora al governo. (Flex)

“La fuffa Boschi: l’ennesima vittoria del Partito Unico, l’ennesima risurrezione del Nazareno, l’ennesimo flop del M5S. Ma la vittoria non è tanto nel voto, quanto nell’aver spostato l’attenzione mediatica sugli spicci, in una settimana cruciale in cui si doveva e si poteva parlare di:
– crisi e sofferenze bancarie frutto del sistema UE;
– BCE che spudoratamente dichiara il suo obiettivo, ovvero la distruzione dei salari;
– blindatura della Corte Costituzionale, ormai saldamente in mano a fanatici neoliberali nemici della Costituzione
Ma quelli continuano a riveder le stelle… e non si accorgono degli asteroidi!
P.S. E anche il 4° funerale di Renzi è andato lungo… complimenti ai fini analisti politici
“.

(Lorenzo D’Onofrio, ARS)

Un inciucio allunga la vita. Oggi è talmente desolante la miseria culturale della politica che gli inciuci diventano inciucci. (Flex)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

becchini

“Monti in Italia fu un colpo di Stato”. (Zapatero, marzo 2015)
Flex:”Landini, il Piddì e il M5stelle erano a festeggiare con caroselli spontanei e colpi di sonno”.

Presidente, se l’Italia verrà consegnata dal golpe finanziario in atto contro di noi, e da elettori sconsiderati e ignoranti, nelle mani del Partito Democratico, per noi sarà la fine. Sarà l’entrata trionfale a Roma dei carnefici del Neoliberismo più impietoso, sarà la calata della Shock Therapy su un popolo ignaro, cioè il saccheggio del bene comune più scientificamente organizzato di ogni tempo, quello che nell’Est europeo ha già mietuto più di 40 milioni di vite in due decadi, senza contare le sofferenze sociali inenarrabili che porta con sé. I volti di Mario Monti, di Massimo D’Alema, di Mario Draghi, di Romano Prodi, dell’infimo Bersani, sono le maschere funebri di questa nazione, veri criminali e falsari di portata storica. Il cerimoniere complice si chiama Giorgio Napolitano“. (Paolo Barnard, 8 nov. 2012)

‘O Saraceno…

M5S:”Attenti al grano saraceno, rovina il made in Italy”.
Flex:”viene qui e ci ruba il Mulino Bianco!
In passato la Lega contro il Miglio ed il PD da sempre contro il cum grano salis. Tutta farina del loro sacco. Movimenti e partiti che vivono di troppe segale mentali. All’Accademia della Crusca evidentemente non gli insegnano nulla riguardo ai trattati neoliberisti di libero scambio e sui processi di globalizzazione ultracapitalistica”.

Se terrorizzo milioni di pensionati, demonizzo milioni di pubblici dipendenti,  prometto il taglio di 200 miliardi della spesa pubblica, e lascio passare una posizione che sull’€uro è tra l’agnostico e il favorevole (“non è il vero problema”), la gente sceglie il male minore, non il “bizzarro” urlato.
Questa opposizione, insomma, avrà in definitiva svolto il ruolo di rendere accettabili – come compromessi limitativi del danno -, a masse mediaticamente condizionate da “debito-pubblico-castacorruzione-spesapubblica-improduttiva-brutto”, soluzioni di:
– ulteriore spending review pro-ciclica, 
– deflazione salariale reale, in primis nel pubblico impiego,
– persino tagli di tale personale, connessi alla destrutturazione indifferenziata di funzioni pubbliche e organizzazione, (sostenuta senza la minima contezza giuridico-economica delle conseguenze sulla qualità di vita dei cittadini): la famosa “burocrazia” causa principale della recessione, id est, del mancato investitore estero…;
– riduzione ulteriore di un sistema pensionistico che in realtà èfinanziariamente un “attivo” per il bilancio dello Stato ed uno dei più sostenibili in Europa;
– accettazione, implicita ma necessaria, della irreversibilità del PAREGGIO DI BILANCIO, accreditando l’idea che ogni “grande riforma”, tipo l’hayekiano reddito di cittadinanza, debba essere finanziata con pari tagli e tasse, aggiuntivi alla situazione di un’Italia stremata da una crisi valutario-commerciale e (come conseguenza) fiscale, che hanno prima compresso e poi distrutto la domanda interna. 

La potenza, condizionante e attrattiva di consenso, dello slogan-pernosuddetto (“debitopubblico..brutto”), impostoci mediaticamente come pensiero unico “edificante” (e addirittura coraggiosamente “impegnato”), ha determinato dunque un connubio-competizione “al rialzo” (su tale stesso perno) tra maggior partito di governo e maggior partito di opposizione“.

(Luciano Barra Caracciolo)

il Rosario a 5Stelle

Movimento 5 stelle: “Papa Francesco ci ha copiato il programma”.
Flex:”Santi Grillo e Casaleggio?
E pensare che qualche tempo fa Casaleggio elogiava Grillo paragonandolo a Gesù. Ed aveva ragione, in una cosa Grillo ha fatto il miracolo: ha moltiplicato le pecore”.

… allo stadio 5Stelle la fede è messianica.
Domanda: perché il M5S è l’unico fenomeno di questo tipo al mondo? Risposta: perché l’Italia è il Paese al mondo con la massima concentrazione di Clero e calcio. Vaticano e Serie A. E quando un popolo è cresciuto per un secolo almeno fra chiesa e calcio, il primo politico che gli propone una setta messianica con le modalità della curva ultras stravince. Eccovi il M5S, masse di fideisti ciechi cui è impossibile dimostrare che 2+2 non fa 5, affascinati anche dalla seconda religione 5S, il tifo cieco.Non c’è nulla fa fare con sta gente, avranno i loro anni di successo e poi finiranno. Ma inutile parlargli, con una religione calcistica non puoi dialogare.

Grillo scrive: “Chi avesse acquistato dei titoli italiani con il capitale rimborsato in lire, se la lira scendeva del 15%, il valore del suoi titoli diminuiva dello stesso valore. L’euro senza Eurobond è una camicia di forza, euro e titoli vanno equiparati e l’emissione di Eurobond è la soluzione.”

Tutto questo è sbagliato, perché la perdita di valore di un titolo di Stato la cui moneta (la Lira) si svaluta è una perdita certamente significativa se il possessore del titolo lo vuole convertire in un’altra moneta che sia più forte. Ma non è affatto detto che la svalutazione della moneta (la Lira) abbia effetti negativi sull’economia interna del Paese e quindi sul valore del titolo dentro il Paese.

In pratica: se io avevo comprato 100 Lire di titoli di Stato e la Lira si svaluta ma il mercato interno non ne risente nella ricchezza generale (per svariati motivi), i miei 100 soldi rimangono validi. L’esempio degli USA è lampante. Il dollaro nel 2013 si è svalutato di continuo. In Giappone uguale: lo Yen svaluta da mesi. Ma né i risparmiatori americani né quelli giapponesi stanno perdendo niente del valore del capitale investito, anche perché le loro Banche Centrali comprano quei titoli facendoli rimanere di buon valore. Se fosse come ha detto Beppe Grillo, gli americani e i giapponesi avrebbero già svenduto in massa i titoli dei rispettivi Paesi, portando a tassi d’interesse alle stelle. Invece non è successo, anzi, è successo il contrario. E notate che la svalutazione di quelle due monete non ha neppure portato ad aumenti di inflazione, che anzi, si ostina a rimanere bassa sia a Washington che a Tokyo.

(Paolo Barnard)

Il Vespaio è frinito

Grillo a Porta a Porta.
Flex:”il mercato online dei dvd è veramente in crisi.
Cosi si frinisce col solito piglio… il piglio per il culo.

Vespa punge:”Voi del 5Stelle non avete i numeri”.
Flex:”Ma l’importante è darli”.

Grillo replica:”Arriveremo al 96%”.
Flex:”…ancora piu inclinati. Non gli basta il 90 cui siamo ridotti”.

Il Vespaio punge e frinisce. Presi due piccioni con un vaffanculo! Ed il nuovo motto sarà:”Uno vale l’altro”.

Pugni sul tavolo €…

Il M5s ha il suo inno per le europee: “E sbatterò i miei pugni su quel tavolo…”

Flex:”… e dirò SCOPONE!

…e vedrò le 5stelle, poi mi metterò a piangere, perchè è “scientifico” che ‘alzare il pugno’ è molto più dignitoso”.

Tra video che incitano a sbattere i pugni sul tavolo, intellettualodi salottiere cazzare come la Spinelli, spot elettorali RAI che descrivono l’esperimento dell’euro (e noi siamo le cavie) come futuro e progresso mando cortesemente a quel paese tutti i fognatori, gli euristi, quelli che vogliono abrogare il fiscal Compact ma vogliono gli eurobond, i falsi noeuro che appoggiano i secessionisti, i falsi noeuro che non rinnegano Maastricht e tutta la carovana di piddini terrorizzati dalla Cina. Morte all’Ue, viva la Costituzione Repubblicana, viva la sovranità popolare“.

(Walter Impellizzeri, attivista ARS)

A cavallo di Troika

Flex:”Defunta l’epoca del cavaliere ‘chiomato’ divenuto fantino SS, siamo a cavallo con l’internazionalista euristico PdSS, il pentastellato eterodiretto 5SS, il secessionista tanko SS, il nazionalista fratelloitaliota SS. Mi illudo di volere una Società Socialista! Cavolo, viene fuori ugualmente SS! Meglio, molto meglio allora, Socialista nella MMT“.

Appartengo a una generazione disgraziata a cavallo fra i vecchi tempi ed i nuovi, e che si trova a disagio in tutti e due. Per di più, come lei non avrà potuto fare a meno di accorgersi, sono privo d’illusioni.” (Tomasi di Lampedusa, Il Gattopardo)