Archivi tag: parguez

€urEvola

Flex:”Siamo all’Unione Europea, disse la frutta.
Il neo-nazismo finanziario è così infruttuoso che ha trovato nell’eurocrazia il suo habitat naturale”.

Con l’euro si avvera il sogno dei fan di Hitler. […] Il nuovo trattato che è stato formulato e deciso da Sarkozy e dalla Merkel, è esattamente basato da quanto scritto da Perroux nel 1943.Queste persone erano contrarie allo standard aureo tradizionale, perché temevano che questo non avesse permesso la totale abolizione del potere di spesa dello stato.Quindi bisognava creare un standard aureo superiore. (Alain Parguez)

“Qualche anno fa l’Italia era sull’orlo dell’abisso. Per fortuna da allora abbiamo fatto un decisivo passo avanti”.
(Anonimo)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Hasta il retweet siempre

Renzi:”Lo stato dimagrisce. Il nostro obiettivo è tagliare le tasse per 18 miliardi”.
Flex:”…ed i servizi per 25″.

Poi rivolto agli imprenditori:”… sono gli eroi del nostro tempo”,
Flex:”la pecunia (gestita unilateralmente dalla grande finanza) la loro eroina”. 

Renzi: “Il mio è un Governo rivoluzionario”.
Flex:”Hasta il retweet siempre”.

A rigor di logica, le tasse possono essere considerate riscossioni per il futuro, come il risultato finale delle spese iniziali delle imprese e dello stato, in cui tutti i soggetti privati avranno ricevuto il loro reddito lordo e / o speso…… Le tasse devono quindi essere concepite come componente della fase di drenaggio (riflusso) del circuito monetario, mentre le spese statali sono una componente necessaria della fase di emissione (flusso)“.

(Seccareccia & Parguez, economisti eterodossi)

La satira di Pawel Kuczynski

Ma i vivi di più

INAIL: calano i morti sul lavoro.
Flex:”Prevenire è meglio che curare. Quest’idea di non lavorare sta funzionando”.

Nel frattempo la Caritas e l’industria della carità…:
“I poveri sono raddoppiati negli ultimi 5 anni”.
Flex:”Gli affari vanno alla grande”.

Dato che, il nostro obiettivo è quello di ridurre il ruolo dello Stato a quello di strumento che imponga le leggi di mercato, occorre togliergli anche ogni tipo di controllo sulla moneta”.

E il cattolico della teoria liberista François Perroux, autore del suddetto articolo (che odiava talmente la Repubblica e la democrazia a tal punto da voler ricreare una società in cui avrebbe più o meno rimesso in sesto e risuscitato l’Ancien Regime) aggiungerà anche: “Grazie a questo progetto che realizzerà il futuro, il potere sarà esclusivamente nelle mani di un direttorato fatto di saggi e di tecnocrati e la democrazia verrà abolita per sempre”.

(Prof. Parguez al seminario del 12-13 maggio 2012)

Mi aspetto di vedere lo Stato in una posizione tale da poter calcolare il margine di efficienza dei beni capitale nel lungo termine e in base al vantaggio sociale generale, prendendosi sempre più responsabilità nell’organizzazione diretta degli investimenti“.

(John Maynard Keynes)

La mia Eutopia

Renzi:”Faremo di tutto per creare gli Stati Uniti d’Europa“.
Flex:”schiavo per schiavo comunista per comunista”.

Non sto ora a riscrivere ciò che ho già pubblicato ne Il Più Grande Crimine (2011), cioè come si evolse il piano dei ‘rentiers’ e del Vaticano. Ricordo solo i passaggi principali. L’idea era dunque di riportare le masse europee a uno stato di povertà e carenza di diritti tale da ridurle alla sottomissione, quell’ordine sociale perduto ormai da decenni. Bisognava trovare il modo di costringere intere nazioni alla “singola ideologia del sacrificio” (Parguez, 2010), a una deflazione dell’economia su scala gigantesca, là dove si sarebbero ricreati gli “eserciti di riserva dei disoccupati” (Marx), con la creazione di sacche di nuova povertà su scala inaudita, e dove il mondo ideale degli economisti Neoagrari avrebbe trionfato, quel mondo dove i governi sono cartoline di rappresentanza privi di ogni potere reale, e dove non esiste la moneta nelle mani dello Stato, perché tutto si regola magicamente negli equilibri dei mercati (Ricardo, Walras, Jevons, Menger). Ecco nascere la Politica della Carenza.

(Paolo Barnard)

Letture consigliate: ‘Per chi suona l’Unione Economica e Monetaria‘ di Alain Parguez

(s)Fracelli d’Ita(g)lia

Flex:”Pensavamo di aver toccato il fondo, invece è il Fondo Monetario che tocca noi. Il gioco si chiama “Bolla a Prigionieri”.

Sfracelli d’Ita(g)lia
L’Ita(g)lia s’è destra
Nel regno di Maastricht
s’è cinta la testa.

Dov’è la Sovranità
Le porgiam la Svendita
Chè Schiava dell’€uro
La UE si creò!

Stringiamoci a corte
Siam pronti alla morte
Siam pronti alla morte
L’UE chiamò.

Stringiamoci a corte
Siam pronti alla morte
Siam pronti alla morte
la Troikà chiamò.

(Fiore Ranauro, in arte Flex)

Performance dal vivo “Sfracelli d’Itaglia e La Società dei Cravattari”.

Il Deficit dell’UE
In questo nuovo ordine non ci saranno più stati sovrani. Lo stato deve svanire, per lo meno lo stato che trova radice nella democrazia, nel parlamento, nella repubblica. Nel nuovo ordine, il potere deve essere interamente trasferito a coloro che lo meritano, questo significa, a un’élite capitalista di tecnocrati, ai quali piace il controllo del potere assoluto“.

(Alain Parguez)