Archivi tag: politica economica

Opportunismi di bilancio

Fassina (maggioranza PD):”Abbiamo introdotto il pareggio di bilancio in Costituzione, nonostante sappiamo che sul piano economico è una cosa sbagliata”. (dic. 2012)
Fassina (minoranza PD):”Abbiamo proposto un emendamento al ddl sulle riforme per togliere il pareggio di bilancio dalla Costituzione”. (sett. 2014)
Flex:”Speranza (PD) dice che ‘Amare la Costituzione significa cambiarla’. In peggio quando si è maggioranza, in meglio quando non si conta più un cazzo. PD, Partito Demenziale: come realizzare cose sbagliate nel momento giusto e come fingere di fare cose giuste nel momento sbagliato”.

Pareggio di bilancio in Costituzione? Non si parli di cose che non esistono in nessun posto al mondo. Mica intendiamo nei secoli castrarci di ogni possibile politica economica”. (Bersani, agosto 2011)

Certo, pareggio di bilancio la cura per l’anemia è l’emorragia“. (Paolo Barnard, anno 2011)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

The Illusionist

Renzi:”Lavoriamo per una ripresa col botto a settembre”.
Flex:”E ti credo, con tutti questi venti di guerra che soffiano!”.

Hollande:”La ripresa c’è ma non si vede”.
Flex:”Come la nebbia a Milano.

Ripresa coi botti, anche la Merkel mangia fagioli… Guida la ripresa la produzione di disoccupati“.

L’enfasi sull’investimento e sulla ‘crescita economica’, piuttosto che sulle politiche occupazionali, è un errore. Un’economia di pieno impiego è destinata ad espandersi, mentre un’economia che punti ad accelerare la crescita attraverso gli investimenti privati a elevata intensità di capitale non solo potrebbe non crescere, ma potrebbe essere sempre più iniqua nella distribuzione del reddito, inefficiente nella scelte delle tecniche, e instabile nel suo generale andamento”.

(Himan Minsky)

Pillocchio

Renzi:”Che la crescita sia 0,4 o 0,8 o 1,5% non cambia niente dal punto di vista della vita quotidiana delle persone”.
Flex:”110 e Collodi in economia”.

Poiché viviamo in un’economia monetaria, per domandare beni sul mercato è necessario possedere moneta. Si tratta allora di stabilire in quali modi si viene in possesso di moneta. Un primo modo per venire in possesso è ovviamente quello stesso considerato dai neoclassici, e cioè di vendere beni e servizi. Ma a rifletterci bene , questo non è un modo molto significativo di acquisire moneta. Infatti se qualcuno è riuscito a vendere beni, vuol dire che qualchedun altro era riuscito preventivamente ad a procurarsi moneta. Quindi chi dispone di moneta in seguito ad una vendita, non fa che disporre di moneta precedentemente acquisita da altri ; la moneta ha cambiato mano , ma nessuno si è procurato nuova moneta. Quindi non resta che un modo solo per procurarsi moneta senza sottrarla ad altri ; ed è quello di acquisire liquidità direttamente dalle fonti di produzione di moneta, e cioè dal SISTEMA BANCARIO O DAL SETTORE PUBBLICO. SENZA QUESTA ACQUISIZIONE ORIGINARIA NESSUNA DOMANDA PUO’ ESSERE CREATA NEL MERCATO E I SOGGETTI NON POSSONO FARE ALTRO CHE FAR CIRCOLARE MONETA GIA’ INTRODOTTA, PERPETUANDO LA DOMANDA GIA’ ESISTENTE“.

(A. Graziani, economista italiano 1933-2014)

Un grazie speciale a Fabio Di Lenola (Alza il Pugno) per il suo prezioso contributo e dai cui post Flex raccoglie molti degli aforismi e delle frasi illuminanti riguardanti i miti dell’economia eterodossa.