Archivi tag: primo maggio

chiacchiere e distintivi

Varoufakis:“Intendiamo rispettare tutti gli obblighi nei confronti dei creditori, ad infinitum“.
Flex:”Ogni promessa è debito. I consapevoli invece intendono rispettare un solo impegno: quello di spernacchiare tutti i servitori dei criminali e gli assassini della globorazzìa. Ad infinitum”.

Intanto COOP Adriatica investe comprando 60.000 libri di Landini.
Flex:”bruciando il Capitale”.

Il debito è un’ingiustizia sociale. E l’obbligo di rimborsarlo è un falso “dovere morale“, creato da retaggi ereditati dal passato e storture tutte moderne“. (David Graeber)

«Quello che prima era solo un ristretto insieme di mercati isolati si trasformò in un sistema autoregolato di mercati. Il passo cruciale fu che il lavoro e la terra furono trasformati in merci; ossia cominciarono a essere trattati come se fossero stati prodotti per essere venduti. Naturalmente, non erano davvero merci, visto che o non erano per nulla prodotti (come la terra) o, se lo erano, non erano in vendita (come il lavoro). Eppure mai fu ideata finzione più efficace» (Il sofisma economicistico, intorno a Karl Polanyi – Caillé Alain, Laville Jean-Louis, Maucourant Jérome, Polanyi Karl – Jaca Book 2011)

Chi ha un debito ha un ladro per casa“. (proverbio)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Fave e a pecorina!

Flex:”Primo Maggio, secondo il sindacato, ultimi disoccupati, precari, sovraoccupati, studenti, pensionati e lavoratori.
Anche quest’anno Festa dei Lavoratori organizzata dai Sindacati. Il prossimo anno toccherà al WWF.
Festa senza giusta causa, festa per pochi intimi e festa senza il festeggiato!
È stato anche il giorno della memoria, i nonni hanno raccontato il Lavoro ai nipoti meravigliati:

Ai miei tempi il lavoro era per tutta la vita’.

‘Ma il pesce non era di aprile?’ replicano increduli i futuri sovraoccupati, deflazionati, senza salario e senza più pensione del nonno.

Così nel mentre il governo si fa in quattro per i giovani (non vede l’ora di farli competere al ribasso tra loro ed in conflitto con i loro stessi nonni pensionati e con gli ultimi occupati salariati a tempo indeterminato), i giovani si faranno in quattro osse di volontariato alla Caritas, ad Emergency, al WWF di cui sopra e ONG varie ed eventuali.

Nel frattempo qualcuno lotta per il reddito di cittadinanza a termine: lo si perde se si rifiuta, per tre volte, un tirocinio a 36 ore per 400 euro al mese.

Il tirocinio non è un lavoro‘, ci dicono gli esperti.
Meno male altrimenti mi sarei sentito sfruttato e, forse, avrei trovato molto più conveniente un lavoro nero a 500 euro al mese!

E sticazzi la sicurezza, replicano i soliti ‘mprenditori che cercano ovunque di massimizzare i profitti con banche ed Equitalia alle calcagna!
Il governo viene loro incontro promuovendo i licenziamenti facili in entrata ed in uscita. Il contratto a tempo determinato potrà essere replicato 5 o più volte. Altro che Viagra!

Altri esperti ci tengono a precisare che vi è la proposta del salario minimo ferma in Parlamento, ma smossa ogniqualvolta ci sono elezioni nelle vicinanze. Salario minimo che sarà sempre da ricercare, anche in tempi di magra senza consolazione! Arbeith Macht Frei 2.0 è in ripartenza.

Ma è stato Primo Maggio e come in ogni festa che non si rispetta non sono mancati gli scontri a telecamere accese. Nella manifestazione di Torino contestato Fassino. Non è stato facile riconoscerlo tra tutti quei manganelli alzati. Sette feriti anche tra le forze dell’ordine ricoverati tra gli applausi“.

Il mio personalissimo primo maggio, degustando fave e a pecorina, l’ho rivoluzionato rileggendo il grande Alain Parguez.

In un’economia monetaria positiva non può esistere una curva di offerta del lavoro, perché guadagnare un salario é un vincolo e non una scelta“. In epoca neofeudale il mercato del lavoro non esiste… (Alain Parguez, economista circuitista)

Canta che ti passa

Primo Maggio. Festa del Lavoro

Flex:”Ei fu, siccome mobile…

1) […] La salma del Primo Maggio. La stanno cercando disperatamente 30 milioni di disoccupati/sottoccupati europei, e il 42% dei vostri figli senza lavoro e senza speranza di trovarne uno. La salma del Primo Maggio fu tumulata nel 1975, nell’oceano Atlantico, dopo che la Commissione Trilaterale lo assassinò. Il sicario prescelto dalle elite di Stati Uniti, Europa e Giappone fu Samuel P. Huntington, nel suo trattato “The Crisis of Democracy”. Huntington scrisse:“Quando il radicalismo di sinistra perde forza, diminuisce il potere dei sindacati di ottenere risultati”…

“la concertazione produce disaffezione da parte dei lavoratori, che non si riconoscono in quel processo burocratico e tendono a distanziarsene, e questo significa che più i sindacati accettano la concertazione più diventano deboli e meno capaci di mobilitare i lavoratori, e di metter pressione sui governi”.

Parole, queste, che preconizzarono con estrema lucidità una delle epoche più infami dei rapporti fra Vero Potere e sindacati, quella che nel giro di pochi decenni li porterà dalla loro storica tradizione di lotta per ottenere sempre maggiori diritti, alla miserevole condizione odierna, dove essi ormai possono solo contrattate sul grado di abolizione dei diritti. Quella che porterà politica e cittadini ad accettare “l’inimmaginabile reso plausibile”, dove il lavoro, equiparabile ai globuli bianchi del corpo perché senza lavoro si muore, è stato privatizzato, precarizzato, flessibilizzato, reso noleggiabile, e un privilegio se lo si ha, come se avessero reso i globuli bianchi del tuo bambino privati, precari, flessibili, noleggiabili, e un privilegio averli.

Hanno reso plausibile l’inimmaginabile.

…in un mondo sano, dovrebbe scoppiare una guerra civile in Europa.

2) Io vivo lavorando in bar e pubs di notte. Guardo tutti sti 20enni che bevono e ridono. Davanti a loro nulla, anzi, servitù della gleba…… Penso ai loro genitori, ma peggio, ai loro nonni, che hanno lavorato abbastanza per mantenere 10 generazioni. Eppure nulla è rimasto per questi ragazzi…… Sto parlando della più colossale rapina di ricchezza dal basso verso l’alto di tutta la storia d’Europa, milioni…… di braccia e teste italiane che hanno dato tutto fino alla morte per questi ragazzi, e a loro non rimane nulla. Tutto è stato…… risucchiato dal Vero Potere, depredato, rapinato, e col permesso di UNA SOLA FORZA POLITICA: LA SINISTRA PDS, DS, PD. E dei sindacati…… Io ho già denunciato da anni tutta questa oscena rapina, ho fornito nomi e prove, e ora non ho più le forze di continuare. Li guardo questi bimbi…… e li saluto nella mia anima con una tristezza che uccide. Non hanno speranza, smetteranno di sorridere fra pochi anni, e pensare…… che sono così belli questi ragazzi, così meravigliosamente belli, innocenti…… Che i loro nonni non siano più qui a vedere questo abominio è…… l’unica pietà concessagli. Dal Vero Potere? No, da qualcosa di molto più compassionevole: la Morte.”

(Paolo Rossi Barnard)