Archivi tag: prodi

la repubblica delle cose…

President reserve…

“Prodi tiene a farci sapere che la riforma non gli piace ma che voterà Sì”. Il bipolare perfetto… è in analisi da Cacciari.

Mattarella:”Sono un arbitro silente”. Punta tutto sullo sguardo delusissimo.
…poi rivolto ai detenuti di Poggioreale:”Cambiare vita è possibile”. Qui da voi, ad esempio, è facilissimo passare all’altra.

Napolitano: “In politica c’è bisogno di grande professionalità non basta un click”. Meglio quello delle manette.

Boldrini: “Smontare le bufale è un atto di resistenza civile”. Montarle ad arte è invece opera di grande professionalità.(Flex)

Ingannare chi inganna è un piacere doppio“. (Jean de La Fontaine, Favole, 1668/79)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

regione eur(opa)

Prodi:”La Germania non rispetta le regole che impone agli altri”. (anno 2015)
“…perchè la Germania è di gran lunga il paese più potente e più forte in europa grazie all’euro”. (Prodi, anno 2011)
Flex:”fatti una domanda, datti una risposta”.

La democrazia esiste dove non c’è nessuno così ricco da comprare un altro e nessuno così povero da vendersi. (Jean Jacques Rousseau)
Flex:”La democrazia esiste dove l’elettore consapevole ha il potere di eleggere un parlamento pienamente sovrano, altrimenti è sindrome di strasburgo”.

DEMOCRAZIA

Mortazza vostra!

Romano Prodi:”Siamo eterodiretti, siamo assolutamente eterodiretti.., Anche Kohl mi diceva sempre di fare i compiti a casa, no? Però poi sul come fare i compiti si lavorava assieme, era un lavoro quasi di gruppo quello che si faceva… Ora questo invece non c’è più”.

Flex:”In effetti l’articolo 1 della Costituzione dice che la sovranità italiana appartiene agli eterodiretti che assicuri un lavoro di gruppo fisso alle lobby e uno precario, mobile ed eterodiretto ai cittadini.
Immediata la replica di Vendola:”Rispettare gli omodiretti”.

Flex:”Prodi fiscale: rigore c’è quando Merkato fischia”.

Non esiste la comunità internazionale di cui parlano americani ed europei. In gioco ci sono soltanto coalizioni estemporanee, dettate da interessi particolari“. (Zygmunt Bauman)

La satira di Pawell Kuczynski