Archivi tag: randall wray

…e sti tassi!

Draghi a Berlino: «Noi obbediamo alle leggi, non ai politici». Che fanno le leggi per conto e sotto dettatura dei banchieri. (Flex)

Uno dei concetti più importanti da insegnare in economia è la nozione della “fallacia della composizione”: ovvero, quello che potrebbe essere vero per gli individui non è probabilmente vero per la società nel suo complesso. L’esempio più comune è il paradosso della parsimonia: mentre un individuo può risparmiare di più riducendo la spesa (a consumo), la società può risparmiare di più solo spendendo di più (ad esempio, attraverso gli investimenti). Un altro esempio utile di grande attualità riguarda il deficit di bilancio del governo federale. I politici e i media spesso sostengono che il governo debba mettere in pareggio i suoi conti proprio come una famiglia. Se una famiglia dovesse infatti spendere sempre di più rispetto al suo reddito, dovrebbe infine affrontare un’insolvenza; si è quindi affermato che il governo si trovi in un situazione simile. Tuttavia, un attento esame delle relazioni macroeconomiche mostrerà che questa analogia è errata, e che condurrebbe ad una politica di bilancio improprio. Questo esempio può correggere la fallacia della composizione.” (R. Wray, economista)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Espettorato del lavoro

Flex:”Con 316 voti licenziato il Jobs Act alla Camera”.

Articolo 41 Costituzione Italiana
“L’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.
La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali.

Flex:”Con il Job Act diventa:
Art. 41 Bis:”L’iniziativa economica privata è neoliberista. Può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. 
La legge determina i programmi ed i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata per fini speculativi ed affaristici”.

Ma, come una volta dichiarò Joan Robinson, l’unica cosa peggiore di lavorare come uno schiavo salariato è quella di essere disoccupati. Basta chiedere agli italiani, che hanno ora il tasso di disoccupazione più alto da quando hanno iniziato a “tenere i conti”. Grazie alla rettitudine fiscale dell’UEM e tedesca“.
(L.R. Wray, economista MMT)

Rapporto di Confindustria: il 2014 è a crescita zero, ma con Job Act cresce la Fiducia.
Flex:”…e le tutele crescenti per Confindustria”.

La satira di Pawel Kuczynski

Job Alt

Napolitano sul Job Act: “è un passo avanti, ma c’è ancora molto da fare”.
Flex:”Eliminare tutti i lavoratori richiede del tempo”.

Se ci sono persone disoccupate involontarie (dovremmo aggiungere e sottoccupate) significa che il disavanzo è troppo basso”. (Randall Wray, economista MMT)

Flex:”Se ci sono persone occupate (in)volontarie a disoccupare (e a sottoccupare) significa che il disavanzo di democrazia è troppo alto”.

Il primo principio della Teoria della Moneta Moderna è che, in un’economia dinamica capitalistica, la moneta è la condizione esistenziale del processo di produzione sequenziale.Essa è regolata dal principio di flusso/reflusso che vincola tutti gli agenti produttivi, sia le imprese che lo Stato.Nella prima fase del processo produttivo, le imprese e lo Stato,determinano il loro livello di spesa desiderato.In una seconda fase devono ottenere credito da parte delle banche, delle banche commerciali, e anche della Banca Centrale in qualità di banca dello Stato.In una terza fase possono spendere la somma di denaro che hanno ottenuto come contropartita del credito. Nel caso delle imprese, la moneta compare nella forma di conto di deposito presso le banche commerciali mentre, nel caso dello Stato, essa si presenta sotto forma di conto di deposito del Tesoro presso la Banca Centrale.Lo Stato deve quindi sempre avere un conto corrente presso la Banca Centrale. Le imprese non possono spendere gli incassi che non hanno ancora ricevuto, e lo Stato non può spendere le tasse che ancora non esistono.“. (Alain Parguez, anno 1998)

La satira di Pawel Kuczynski

Nel frattempp Renzi presiede la Conferenza UE sull’Occupazione.
Flex:”Abusiva di Palazzo Chigi”.

LoRenzi il Magnifico

La “rondine“, logo stilizzato del semestre italiano di presidenza UE
Flex:”Sarà, ma ad osservarla bene sembra un padulo!
La primavera intanto tarda ad arrivare…”

Renzi:”Semestre dei migranti
Flex:”a conferma dell’esodo in massa di paduli disoccupati”.

Penso che a Krugman piacerebbe davvero smettere di preoccuparsi del deficit, in modo da approcciarsi alla spesa pubblica con il motto “tanta quanta ne serve”. Il problema è che lui proprio non riesce a venire a capo rispetto alle operazioni monetarie che sono necessarie.

[…]Un governo che EMETTE la propria valuta NON è come una famiglia o un impresa , che UTILIZZANO quella valuta. Il governo sovrano non può diventare insolvente nella propria moneta; può sempre eseguire tutti i pagamenti denominati nella sua valuta.Infatti, se il governo emette valuta , chiaramente non ha bisogno di entrate fiscali prima di poter spendere. Inoltre, se i contribuenti pagano le tasse utilizzando una data valuta, allora il governo deve prima spendere e solo dopo le tasse possono essere pagate. 

[…]Un’altra sconvolgente verità è che un governo sovrano non ha bisogno di “prendere in prestito” la propria valuta al fine di spendere. Infatti, non può prendere in prestito moneta che non abbia già speso! Questo è perché la MMT vede la vendita di titoli di Stato ,come qualcosa di molto diverso dal bisogno di prestiti“.

(L. Randall Wray, economista)

Boldrin(i)

Laura Boldrini: “La precarietà sarà il nostro futuro stile di vita”.

Flex:”Un futuro con stile, senza vita… Ognuno secondo le sue competenze, a ognuno secondo i bisogni della flessibilità”.

La chiamano “flessibilità” questa morte lenta, come i nazisti chiamavano “fare doccia” lo Zyklon B. (Tomatis)

Messaggio di Renzi ad un precario: “Stai sereno” (Tomatis)

…Non si può, del resto, chiedere troppo a un partito come SEL: un partito che fa dell’antifascismo in completa assenza del fascismo l’alibi per accettare silenziosamente la contraddizione capitalistica e i rapporti di forza egemonici; che illude il suo elettorato che il massimo grado di emancipazione possibile sia il matrimonio gay e la libertà ‘transgender’; che pensa che il nemico oggi sia il comico Beppe Grillo e non la finanza internazionale che svuota la sovranità democratica degli Stati e produce genocidi finanziari come quello che si sta abbattendo sul popolo greco. Il primo compito di un comunista, diceva Louis Althusser, è quello di non raccontare e di non raccontarsi delle storie. Anche in questo, signora Boldrini, emerge nitidamente il vostro disinvolto transito, armi e bagagli, dalla lotta contro il capitale alla lotta per il capitale“.

(Diego Fusaro, filosofo)

L’alternativa alla precarietà, i programmi di PIENA OCCUPAZIONE con Finanza Funzionale pubblica.

Ma sociologi e scienziati politici evidenzierebbero anche questi altri elementi, che sono altrettanto preponderanti e che vengono praticamente sempre ignorati dagli economisti. Ok, li elencherò brevemente: povertà, emarginazione sociale, crimine, deterioramento sociale (perché la disoccupazione è solitamente concentrata a livello regionale e tutti gli americani sono consapevoli del fatto che si possono identificare zone del paese che soffrono, a causa della disoccupazione, in misura maggiore rispetto ad altre), questioni di sanità pubblica, disgregazione delle famiglie, abbandoni degli studi. Si insomma, tutto questo è parte integrante di tutta la letteratura al di fuori dell’economia ed incentiva violenza, ostilità etnica e persino terrorismo. Si è verificata la perdita di capitale umano, perché quando le persone sono disoccupate per un lungo periodo di tempo diventano inidonei al lavoro, in parte perché cambiano a livello comportamentale, ma anche a causa del modo in cui vengono percepiti dai potenziali datori di lavoro. Sei disoccupato da due anni, non me la sento di scommettere su di te. Quindi, che si tratti di una perdita di capitale umano effettiva o di una perdita di capitale solo percepita come tale, impedirà a queste persone di avere le stesse opportunità che avrebbero potuto avere se il nostro paese non si trovasse da due anni in questa fase delicata. Ok, isteresi: i disoccupati da lungo tempo diventano inidonei al lavoro per tutta la serie di cose che sto menzionando. Diventi senza tetto e questo avrà un impatto enorme sulla tua capacità lavorativa”.

(Randall Wray, economista MMT)