Archivi tag: salva banche

billion€Ur

Legge di Stabilità, eliminata la tassa su yacht e imbarcazioni sopra i 14 metri di lunghezza”. Ora non ci prendono più per il sedere, ma direttamente per le na(u)tiche. (Flex)

Governo:”a decidere sul diritto al risarcimento saranno gli arbitrati”.
E i risparmiatori non potranno neanche invocare la moviola. (Flex)

Abbiamo cestinato la più evoluta legislazione bancaria del mondo (in termini di salvaguardia del risparmio) per arrivare ad accettare le norme UE previste dall’unione bancaria. Ciò porterà al rapido prosciugamento dei risparmi italiani (grande obiettivo delle elites finanziarie globali). E noi con chi ce la prendiamo? Con la Boschi? Mi ricorda tanto la svendita del patrimonio nazionale resa possibile dal fracasso mediatico su mani pulite!

(Simone Boemio)

99 per cento

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Bail in… la banca intorno a te!

“Pensionato si suicida per problemi con la banca”. Non avendo il figlio presidente del Consiglio. (Flex)

Bankitalia, Salva banche:”coinvolgimento dei risparmiatori imposto dall’U€”. Era nascosto tra la regolamentazione sulla produzione di cetrioli! (Flex)

UE:”Le 4 banche italiane vendevano prodotti inadatti ai clienti”. Secondo l’ultima indagine dell’OMS. (Flex)

Padoan:”non daremo rimborsi ma aiuti umanitari”. Bombarderanno durante funerali e matrimoni. (Flex)

Salva le banche, salva i mercati, salva le borse, uccidi pensionati e risparmiatori. Ce lo chiede l’€ur(OPA). (Flex)

Il Bail in e l’Unione Europea. In proposito bisogna ricordare che la decisione dei vertici italiani (luglio 2015) non arriva dal nulla. Due anni fa infatti l’Unione Europea ha approvato la nuova legislazione sul bail in. Il Sì definitivo al nuovo meccanismo è infatti arrivato nel giugno del 2013, dopo che, tra l’altro questo sistema era stato utilizzato nel corso del salvataggio di Cipro.

In quel frangente infatti si passò dal bail out, il sistema mediante il quale è lo Stato, in caso di falle, a farsi carico della copertura, al bail in, il meccanismo che invece coinvolge in prima battuta i privati (e i loro soldi).

Secondo la legislazione europea dunque: In caso di default di un istituto di credito i primi a pagare sono gli azionisti, seguiti dagli obbligazionisti meno assicurati (le obbligazioni subordinate verranno coinvolte nel pagamento) e dai depositi bancari superiori ai 100mila euro, mentre quelli inferiori rimangono garantiti. (fonte Sole 24 ore)

UE filo spinato