Archivi tag: salvini

…partenogenesi

Guardiamo il lato positivo, il “nuovo” (si fa per dire) governo non potrà mai addossare le colpe al governo precedente!

I nuovi ministri hanno giurato sulla Costituzione. Dopo averci sputato sopra. Credibili come Gentiloni che giura sui suoi figli.

Salvini:”Gentiloni è il quarto premier non eletto da nessuno”. Chissà mai quale Costituzione ha difeso il 4 dicembre.

Commentando il “nuovo” (si fa per dire) governo Bersani cita Pascoli (pieni di mucche grasse). “E odo forte tra ululati d’odio / il mugghìo di vacca in corridoio“.

I grillini: “Lasciamo questo teatrino”. Vogliono mettersi in proprio.

Beppe Grillo scrive: “Governo fotocopia” E i grillini fanno ctrl c / ctrl v. (Flex)

risrgerò

FacebookTwitterGoogle+Condividi

In vino imbecillitas

“Renzi a Vinitaly”. Fischi per fiaschi. (Flex)

“Mattarella parla di vino e Salvini lo insulta sui migranti”. La diatriba nasce dal dubbi legati ad accertare se il Nero d’Avola sia o meno un immigrato irregolare. (Flex)

Renzi visita anche lo stabilimento di Calzedonia”. E tutti intimissimi a dirgli: Quando Sloggi? (Flex)

Là dove la solitudine finisce, comincia il mercato; e dove il mercato comincia, là comincia anche il fracasso dei grandi commedianti e il ronzio di mosche velenose. (Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1883/85)

i Soliti Idioti

Nasce in teatro Sinistra Italiana.
Flex:”Un futuro d’Attori”.

Fassina: “Pronti a sostenere un candidato Cinque Stelle”.
Flex:”Faranno le primarie su Trip Advisor”.

In realtà i governanti europei sapevano e sanno benissimo che le loro politiche di austerità stanno generando recessioni di lunga durata. Ma il compito che e stato affidato loro dalla classe dominante, di cui sono una frazione rappresentativa, non e certo quello di risanare l’economia. E piuttosto quello di proseguire con ogni mezzo la redistribuzione del reddito, della ricchezza e del potere politico dal basso verso l’alto in corso da oltre trent’anni”. (Luciano Gallino)

sinistra italiana

Nel frattempo Salvini ai suoi elettori:”Vi offro il mio cuore e la mia testa”.
Flex:”Del resto non si butta niente”.

miscellanea

Renzi: «L’Italia non è il paese dei balocchi». 
Flex:”Da noi governano i burattini”.

Fassina:”Lascio il PD per un nuovo percorso”.
Flex:”si crede Tomtom”

Ignazio Marino:”La destra torni nelle fogne”. 
Flex:”che le carogne del PD si sentono soli”.

Se il deficit di bilancio non è sufficiente, allora il reddito nazionale cadrà e la piena occupazione sarà persa“.
(Bill Mitchell, by CSEPI)

Salvini:”Vorrei essere ungherese”.
Flex:”un salame”.

Salvini esiste solo grazie a Fassina, Civati, Cofferati, Landini, ilmanifesto, Tsipras e Ferrero… e poi mi parlano di sinistra… (Lorenzo D’Onofrio)

25 aprile

11039050_10153314992051204_1802457344720435046_n

Mattarella ricorda che il 25 aprile è patrimonio di tutti gli italiani
Flex:”Salvo svendite sul mercato dell’eurozona”.

Laura Boldrini:”Il 25 aprile del 1945 l’Italia riconquistò la libertà e la democrazia”.
Flex:”Poi le mise all’asta su eBay”.

Renzi:”Abbiamo previsto diversi eventi per il 70′ anno della Liberazione.”
Flex:”Deve essere una sagra della retorica con i fiocchi. 

Salvini il 25 aprile lo festeggia in famiglia.
Flex:”Che Liberazione!”

Festeggiare la Liberazione il 25 aprile dovrebbe servire anzitutto come spunto per favorire un nuovo movimento di liberazione dai nuovi invasori: gli USA, che occupano attualmente il nostro territorio nazionale con oltre 110 basi militari; e l’Unione Europea, che sta quotidianamente violando lo spirito e la lettera della nostra amata Costituzione italiana. (Diego Fusaro, filosofo)

“Quando la crisi è iniziata era diffusa l’idea che questi limiti intrinseci avessero natura prettamente economica (…) Ma col tempo è divenuto chiaro che esistono anche limiti di natura politica. I sistemi politici dei paesi del sud, e in particolare le loro costituzioni, adottate in seguito alla caduta del fascismo, presentano una serie di caratteristiche che appaiono inadatte a favorire la maggiore integrazione dell’area europea”…“i sistemi politici della periferia meridionale sono stati instaurati in seguito alla caduta di dittature, e sono rimasti segnati da quell’esperienza. Le costituzioni mostrano una forte influenza delle idee socialiste, e in ciò riflettono la grande forza politica raggiunta dai partiti di sinistra dopo la sconfitta del fascismo”“I sistemi politici e costituzionali del sud presentano le seguenti caratteristiche: esecutivi deboli nei confronti dei parlamenti; governi centrali deboli nei confronti delle regioni; tutele costituzionali dei diritti dei lavoratori; tecniche di costruzione del consenso fondate sul clientelismo; e la licenza di protestare se sono proposte modifiche sgradite dello status quo. La crisi ha illustrato a quali conseguenze portino queste caratteristiche. I paesi della periferia hanno ottenuto successi solo parziali nel seguire percorsi di riforme economiche e fiscali, e abbiamo visto esecutivi limitati nella loro azione dalle costituzioni (Portogallo), dalle autorità locali (Spagna), e dalla crescita di partiti populisti (Italia e Grecia)”. (JP Morgan “The Euro Area Adjustment”, 28 Maggio 2013)

Via Terùn

“Basta con gli italiani, ci rubano il lavoro”. (Cameron, premier inglese)
Flex:”C’è sempre un nord che ha una Padania da difendere”.

Salvini:”Sul sud abbiamo sbagliato”.
Flex:”per rimediare dedicherà una strada a tutti i migranti del Sud: “Via Terùn”

Il viaggiare per profitto viene incoraggiato; il viaggiare per sopravvivenza viene condannato“. (Zygmunt Bauman)
Flex:”…o favorito per disciplinare il Lavoro, intimorirlo e asservirlo ad una pura logica di sfruttamento e profitto”.

Fondare un nuovo tipo di Stato. Per tornare ad imporre il primato della comunità di individui liberi ed uguali che si riconoscano nello spazio della sovranità nazionale. (Antonio Gramsci)

La satira di Pawel Kuczynski

Roba da Matteo

Grande risultato dei Matteo…
Flex:”…averci fatto passare la voglia di votare”.

Dagli Act degli Apostoli del Neoliberismo…

1) Matteo Renzi:”Avanti così”.
Flex:”E presto sarà tutto finito”.

2) Matteo Salvini: “Noi alternativa al Pd”.
Flex:”Giusto per far capire come siamo messi”.

Affluenza in Emilia, regione che ha sempre mantenuto livelli di partecipazione molto alti, è bassissima. Nessuno crede più nella democrazia rappresentativa. Il nazismo è alle porte… (Francesco Toscano, Il Moralista)
Flex:”Mi sale il nazismo” ha commentato l’europa osservando gli exit poll”.

Emilia Romagna
PD: regionali 2010 = voti 857.613
PD regionali 2014 = voti 535.109
Persi 322.504 voti (il 38%)

LEGA: regionali 2010 = 288.601 voti
LEGA: regionali 2014 = 233.439 voti
Persi 55.162 voti (il 20%)
(Lorenzo D’Onofrio, attivista ARS)

La satira di Pawel Kuczynski

Grana padana

Lega Nord, il nuovo simbolo per le europee conterrà la scritta:”Basta Euro”.

Flex:”ma solo per i tèrun e gli extracomunitari. I più acuti ci fanno sapere che la lega è eurocritica, ma non euroscettica. Il nuovo slogan pare serva per rinvigorire il moscio e obdoleto celodurismo, e per negoziare a pieno titolo la macro regione padana nella culonia tedesca. E come resto magre regioni divampano”.

“Macroregione alpina, macroregione ionico-adriatica e tante altre belle iniziative. Qualcuno coglierà la convenienza politica “localizzabile”: sganciarsi dalle aree più deboli di uno stesso Stato nazionale e navigare nella “flotta veloce” della competitività; illudendosi che il processo, basato sul liberismo della moneta unica, possa mai aver fine. Ed infatti, da lungo tempo, a Confindustria l’idea piace: e lo ribadiscono, con l’idea della Confindustria autonoma del Nord-est… nella macroregione europea… delle Alpi (oltre il Brennero). E, naturalmente, in chiave di “competitività” da recuperare, MA SENZA MAI RINUNCIARE ALL’EURO e senza mai menzionare come in concreto la macroregione dovrebbe recuperare i “20 punti”, Confindustria lo ribadisce anche oggi. Ma così, lanciando ciambelle di salvataggio selettive, fluide e ben collegate al settore privato, riusciranno a “spaccare” definitivamente la sovranità democratica delle Costituzioni nazionali. E a mandarle in soffitta con tutti i diritti fondamentali… non competitivi”. (Luciano Barra Caracciolo, blog)