Archivi tag: samantha comizzoli

moSSadici

Oggi è la Giornata della Memoria.
Flex:”Undicesimo: Non avrai altro genocidio all’infuori dell’Olocausto”.

Merkel:”Abbiamo la responsabilità di comunicare quanto noto su quelle atrocità e di tenere viva la memoria”.
Flex:”Finchè non vi piegherete ancora alla “Grande Germania”

Renzi:”Uomini non sono numeri”.
Flex””E allora, forse, ho frainteso il Jobs Act Macht Frei”.

27 GENNAIO: GIORNATA DELLA MEMORIA (con un olocausto in corso… quello del popolo palestinese) “israele sei la vergogna dell’umanità, l’offesa più grande alle vittime dell’olocausto“. (Samantha Comizzoli)

E’ sempre il pessimo comportamento degli ebrei che provoca disastri agli ebrei. …Il Tribunale di Norimberga era finto, ce ne vorrebbe uno vero per Israele“. (Gilad Atzom, musicista ebreo)

Pawel Kuczynski
FacebookTwitterGoogle+Condividi

Gazosa City

Coca Cola aprirà una fabbrica nella Striscia di Gaza.
Flex:”Sarà gestita da coca-coloni…. contratto a “raid crescenti” per i Palestinesi”.

Buongiorno dalla Palestina occupata dal mostro nazista israeliano. Per iniziare oggi pubblico una notizia che vi faccia riflettere e capire che qui non c’è più nulla da perdere. E’ finita, si resiste, ma è finita. Ieri è stato divulgato che aprirà presto la fabbrica di Coca-Cola a Gaza. No, dico…… Gaza. La Gaza che non ha corrente elettrica ed acqua. Apre la fabbrica di coca-cola che va a corrente ed acqua. Apre la fabbrica di coca-cola che è da boicottare. Gaza non era “blindata” da Hamas? I soldi non fanno schifo a nessun partito politico, in qualsiasi angolo del mondo. E’ il mostro economico ragazzi……. La notizia è stata divulgata scrivendo “porterà posti di lavoro ai palestinesi”..ma davvero? E infatti anche il boia è un lavoro, anche i soldati israeliani stanno lavorando“. (Samantha Comizzoli, attivista diritti umani in Palestina)

“La libertà del mercato si rivela un comodo strumento per diffondere in modo indiscriminato il potere monopolistico aziendale e la Coca-Cola“. (David Harvey)

Pawel Kuczynski

il Sapientino

Rai, Benigni declama i 10 Comandamenti…
Flex:”Visto che della Costituzione è rimasto ben poco”.

Ho saputo che ieri sera Roberto Benigni era ad un programma della TV nazionale italiana pagato da voi un sacco di soldi e ha citato frasi del Talmud (libro sacro ebraico), che voi divulgate come sue, ma che non ha citato che nel Talmud si dice “che lo stato di israele non può nascere in nessun luogo sulla terra e che la Palestina non può essere occupata per tale scopo e che ciò viola la religione ebraica” vero????….. p.s.: nulla è per caso.

(Samantha Comizzoli, attivista diritti umani)

…e comunque i vari Benigni, buonisti radical chic del cazzo amici dei piddini, hanno fatto più danni, perché hanno creato quel substrato socio culturale che ha costituito terreno fertile per l’autorazzismo che ha portato a reclamare il “vincolo esterno”: senza i vari Benigni nulla di quello che stiamo vivendo sarebbe stato possibile. …autorazzismo e rassegnazione sono due facce della stessa medaglia e rappresentano la vittoria del liberismo.

(Lorenzo D’Onofrio, attivista ARS)

Pawel Kuczynski

Liberi come gli aquiloni

Cisgiordania, uccisi i tre ragazzi israeliani rapiti.
Flex:”Per pareggiare il conto il governo israeliano chiede la pulizia etnica del popolo palestinese”.

Netanyahu: “Sono stati rapiti ed uccisi da belve umane”.
Flex:”Ma l’esercito israeliano nega ogni coinvolgimento”,

Il portavoce della santa sede Lombardi:”la violenza chiama altra violenza”.
Flex:”Un po’ come l’ipocrisia”.

Ogni anno a Burin, Nablus, c’è il festival degli aquiloni. Sono fatti artigianalmente, nella maggior parte dei casi con sacchi della spazzatura. Lo sapete, in Palestina i bambini fanno volare gli aquiloni per dimostrare che sono liberi….Burin è uno dei villaggi assediato dall’insediamento illegale di Yhitzar, il più pericoloso. Burin è anche un villaggio bellissimo fra le colline, con tanto vento.Oggi una collina di Burin è piena di persone, non perchè ci sono gli scontri con i coloni armati o con i soldati, ma perchè i bambini faranno volare i loro aquiloni tutti assieme.Alcuni aquiloni hanno la bandiera palestinese, altri delle scritte, c’è un aquilone con una kheffia, il simbolo dei prigionieri in sciopero della fame e il disegno delle tre dita. Peccato che con tutta sta roba sopra non ce la faccia a volare“.

(Samantha Comizzoli, attivista per i diritti umani)

Porgi l’altro rating

Lo spread torna a salire…
Flex:”Ad altezza chiappe”.

Sogno che domenica prossima in Italia, anzichè andare alle urne si andasse sui monti, per sedersi in gruppo, guardarsi negli occhi e dirsi “siamo pronti”. Sogno….
(Samantha Comizzoli)

Dico da mesi che votare per il Parlamento Europeo è non solo un atto inutile, ma è pericoloso per l’Italia.

Tutto il problema, letteralmente TUTTO IL PROBLEMA di quest’Italia massacrata dalla UE è che oggi l’Italia dipende dai MERCATI per avere i soldi con cui nutrirsi. E’ la sciagurata condizione in cui ci ha ficcati l’entrata in Eurozona. Prima no, prima Roma aveva la sua moneta sovrana, se la creava dal sola, si finanziava da sola.

Ma sentite cosa dicono gli speranzosi anti euro italiani che sono corsi come oche a bere a candidarsi per le europee: “Andremo in Parlamento a Strasburgo e daremo un segnale! Grrrrr!”. E mostrano i dentini.

Cazzata detta da questi speranzosi come l’orsacchiotto della Cattolica o la Barbie di due metri, gente che non ha la più pallida idea del fatto che il MERCATO è 300 anni avanti a loro sia come strategia che come potere.

Infatti il MERCATO sta già vendendo a camionate i titoli di Stato proprio dei Paesi con una forte presenza di candidati anti euro, come l’Italia. E cosa succede quando il MERCATO vende i nostri titoli? Che si alza lo spread, che si alza l’interesse che Roma paga per finanziarsi dal MERCATO presso cui E’ COSTRETTA A FINANZIARSI a causa dell’adozione dell’euro, che questo affossa l’economia italiana ancor più, che la UE ci impone altre tasse e tagli ai salari, e che alla fine fottono sempre noi, la gente.

Così l’orsacchiotto e la Barbie saranno a Strasburgo a fare Grrrrrr… coi dentini di fuori, mente tu sarai a Piacenza o a Bari con le mani nei capelli perché il MERCATO ci sta svendendo i titoli di Stato, come detto. Allora, gente, è semplice, ma TANTO SEMPLICE:

L’UNICA COSA CHE HA SENSO FARE NON E’ DI MANDARE ORSACCHIOTTI E BARBIE ANTI EURO AL PARLAMENTO UE, MA…

E’ DI ASSEDIARE LA POLITICA ITALIANA AFFINCHE’ CI PORTI FUORI DALLA DIPENDENZA TOTALE DAL MERCATO

Perché il MERCATO ci fotte sempre, sempre e sempre. Fuori dal MERCATO come? Semplice:

A) voto delle Camere per stracciare i Trattati costituenti l’Eurozona, perché se smolliamo l’Eurozona smolliamo i MERCATI

B) ripresa della nostra sovranità monetaria, così non sarà più Roma a chiedere soldi al MERCATO e a DIPENDERE TOTALMENTE DAI SUOI DIKTAT, ma sarà il MERCATO a chiedere titoli a Roma, e con un bel per favore (come oggi fanno con gli USA O GB).

Tutto il problema, letteralmente TUTTO IL PROBLEMA di quest’Italia massacrata dalla UE è che oggi l’Italia dipende dai MERCATI per avere i soldi con cui nutrirsi. Se li smolliamo, dopo tutto il resto diventa rumore di fondo. E staremo al balcone sereni a fare pernacchie a Strasburgo o a Bruxelles, ma soprattutto ai MERCATI. Fidatevi (parola di Mosler Economics MMT, un secolo di economia per l’Interesse Pubblico).”

(Paolo Barnard)