Archivi tag: sindacati

Love is in the air?

Air France, licenziamenti (2.900 esuberi): manager scappa a torso nudo.
Flex:”per aver lasciato i lavoratori in mutande…
Anche i manager italiani sono a torso nudo, ma su una spiaggia alle Maldive”.

Airfrance, i sindacati chiedono la ripresa delle trattative.
Flex:”Vestitevi comodi”.

il problema politico è creare una strategia di piena occupazione che non provochi instabilità, inflazione e sottoccupazione. lo strumento principale di tale strategia è la creazione di una domanda infinitamente elastica per la forza lavoro ad un salario minimo, che non dipenda dalle aspettative di profitto di lungo e breve periodo del business. Dato che i governi possono offrire occupazione a prescindere dalla profittabilità dei lavoratori assunti, questa domanda infinitamente elastica di forza lavoro deve essere creata dallo stato“. (HYMAN P. MINSKY, anno 1986)

Il pranzo domenicale e il debito pubblico spiegato ai miei genitori (ex dipendenti pubblici in pensione): “Guardatevi attorno, osservate questa casa, queste pareti, questo tavolo, queste posate, questi piatti e quello che c’è dentro: ECCO QUESTO E’ DEBITO PUBBLICO! Ora: vi sembra di aver vissuto al di sopra dei vostri mezzi?” (Lorenzo D’Onofrio, ARS)

Flex:”a mio padre l’ho convinto, lui ha capito perfettamente, poi però basta lasciarlo cinque giorni davanti alla TV e stiamo punto e daccapo… gli dirò che anche la TV è debito pubblico, così può darsi che sia la volta buona per spegnerla definitivamente”.

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Solidificazione

Renzi: “Mi piacerebbe un sindacato unico”.
Flex:”Il FCI, il Fascio Corporativo Italiano”.

Padoan:”Debito italiano è solido”.
Flex:”per questo non dà liquidità”.

Comunque le si valuti, le politiche neoliberiste compromettono istruzione, salute, aumentano le disuguaglianze e riducono le quote di reddito destinate ai lavoratori; di tali effetti non è possibile dubitare“. (Noam Chomsky)

pre-occupation

Disoccupazione, nuovo record (13.2% generale 43, 3% giovanile).
Flex:”Ancora uno sforzo e saremo maggioranza”.

Quando l’ideologia viene meno, viene pure meno la possibilità dei sindacati di ottenere dei risultati. Inoltre, i processi di contrattazione collettiva ordinata (la concertazione n.d.r), anche quando danno dei risultati, tendono a diventare così complessi e burocratici da produrre disaffezione….[]…più i sindacati e i partiti operai accettano procedure regolari, più s’indebolisce la loro capacità di mobilitare i propri seguaci e fare veramente pressione sul sistema. 

(Michel Crozier, The Crisis Of Democrazy, anno 1975)

La satira di Pawel Kuczynski

…e la diritta via fu smarrita

Dachau, rubata la targa “Il lavoro rende liberi”.
Flex:”Sarà sostituita dal testo del Jobs Act”.

Renzi ai sindacati:”Non sfruttare il dolore dei precari”.
Flex:”Che poi lavorano male”.

Prevedo la spoliticizzazione completa dell’Italia: diventeremo un gran corpo senza nervi, senza più riflessi. Lo so: i comitati di quartiere, la partecipazione dei genitori nelle scuole, la politica dal basso… Ma sono tutte iniziative pratiche, utilitaristiche, in definitiva non politiche. La strada maestra, fatta di qualunquismo e di alienante egoismo, è già tracciata. Resterà forse, come sempre è accaduto in passato, qualche sentiero: non so però chi lo percorrerà, e come“. (Pier Paolo Pasolini)

Flex:”Le vie del Signore sono a senso unico”.

La satira di Pawel Kuczynski

Dividi et compera

Riforma lavoro, il PD fintamente si divide…
Flex:”I disoccupati realmente si moltiplicano”.

Poletti:”Per investire le aziende hanno bisogno di un clima amico”.
Flex:”Ed alle Cayman si sta da Dio”.

Landini:”Pronti a occupare le fabbriche”. 
Flex:”…cominciando con il togliere le ragnatele”.

Al via i licenziamenti via sms…
Flex:”i sindacati contrariati propongono emoticons gioiosi ed un periodo di sospensione in bozze”.

Il governo giustifica il Jobs Act sostenendo che occorre rendere il mercato del lavoro italiano più flessibile, più equo e più simile a quello della Germania. In realtà i dati OCSE mostrano che le riforme Treu, Biagi e Fornero hanno determinato una caduta delle tutele dei lavoratori italiani che è stata addirittura tripla rispetto alla riduzione delle protezioni che nello stesso periodo si è registrata in Germania. Gli indici dell’OCSE mostrano che ormai i lavoratori a tempo indeterminato in Italia sono meno protetti che in Germania. Inoltre, quando si parla di “apartheid” del mercato del lavoro, cioè di un divario tra protetti e precari, bisognerebbe ricordare che in Germania quel divario è triplo rispetto all’Italia. Infine, bisognerebbe smetterla con questa litania secondo cui una maggiore precarizzazione del mercato del lavoro riduce la disoccupazione. Questa tesi è stata seccamente smentita da vent’anni di ricerche empiriche. Dunque il Jobs Act si fonda su tesi false e per questo andrebbe respinto al mittente. Quanto al Tfr in busta paga, è un’anticipazione che rischia solo di deteriorare ulteriormente i risparmi dei lavoratori e che avrà effetti sulla crescita risibili. E’ l’ennesima dimostrazione che quella di Renzi non è una politica definibile tradizionalmente di “centro”. In realtà il governo segue una linea demagogica e populista“.

(Emiliano Brancaccio, Università del Sannio)

jobacta!

Job Act, al Senato per 4 volte è mancato il numero legale.
Flex:”Si sentiva fuori luogo”.

TFR in busta paga…
Flex:”Ti Frego Remunerandoti (con i tuoi denari)”.

Flex:”Il nuovo contratto sarà a tempo indeterminato perché potrà finire in qualsiasi momento.

I bersaniani fanno sapere che non faranno mancare la fiducia al governo, ma proseguiranno la battaglia nella Camera.
Flex:”Smacchieranno lenzuola!
Dopo la fiducia sfiduciata di Civati, arriva la fiducia critica di Damiani”.

Renzi:”Con i sindacati molti punti d’incontro”.
Flex:”O meglio di raccolta”.

L’Europa non ama più la vita, questo è il suo segreto”. (A. Camus, “L’uomo in rivolta“)

Flex:”Eu de Cacagarel, il profumo di ricino oggi è europeista”.

Job Acthung!

Job Act
Flex:”Oltre la flessibilità, la genuflessione”.

Riforma del lavoro, “tutele crescenti in base all’anzianità”.
Flex:”Doveroso garantire un posto fisso a chi è morto”.

Renzi:”Stiamo lavorando moltissimo”,
Flex:”Sennò li licenziano”.

Intanto è spaccatura nel PD tra coloro che difendono il Governo e quelli che difendono il sindacato.
Flex:”Non pervenuta la corrente che difende i lavoratori”.

I leader sindacali chiedono al governo di “ascoltare le parti sociali”.
Flex:”O almeno che faccia finta”.

Renzi:””Sul lavoro vogliamo cittadini tutti uguali”. 
Flex:”Tipo Auschwitz”.

Di fatto, l’unico effetto plausibile dei contratti precari è che essi riducono il potere rivendicativo dei lavoratori e quindi consentono di ridurre i salari. Ma l’idea che abbattendo i salari si esca dalla crisi è anch’essa smentita dai fatti. Lo dimostra la Grecia, che nonostante un vero e proprio crollo delle retribuzioni continua a registrare crescita della disoccupazione e aumenti del debito“. 

(Emiliano Brancaccio – Università del Sannio)

Uniti si finge

Autunno, via agli scioperi. I sindacati sfilano separati.
Flex:”Finalmente qualcosa di sinistra. Uniti contro gli scioperi degli altri”.

In agitazione anche i sindacati di Polizia.
Flex:”In uno sciopero di 6 ore fanno i turni. Nelle prime 3 ore danno manganellate, nelle successive 3 ore le ricevono dai colleghi. Proibito è l’uso del casco!”.

Gli eroi come Gramsci e Gentile, morti per le loro idee, sono oggi stati sostituiti dai pavidi duplicatori dell’esistente, che cavalcano le onde del successo mediatico, sempre riconfermando l’ordine simbolico dominante“.

(Diego Fusaro, “Il futuro è nostro”)

Fai Circolare

Madia (PD) firma circolare PA.
Flex:”PA, Privato Assegno. Circolare, prego”.

I sindacati giudicano “Inaccettabile” e “inammissibile” l’ipotesi del governo di prolungare per altri due anni il congelamento degli stipendi degli statali.
Flex:”Che verrà quindi approvata. Le docce fredde invernali sanno di congelamento. Quelle estive educative e disciplinanti”.

Riforma Pa, Madia:“I cittadini ci chiedono di andare avanti”.
Flex:”Oltre il confine possibilmente”.

Per l’imperialismo è più importante dominarci culturalmente che militarmente. La dominazione culturale è la più flessibile, la più efficace, la meno costosa. Il nostro compito consiste nel decolonizzare la nostra mentalità“.

(Thomas Sankara)

La finanza comanda i governi, compreso il nostro“. (Gustavo Zagrebelsky, Pres. Corte Costituzionale)

N.B. Lettera della BCE all’Italia (agosto 2014)

W la FCA

Fusione, nasce FCA
Flex:”E già perde i pezzi. Manca la I di International”.

Marchionne:”Nessun lavoratore italiano andrà a casa”.
Flex:”Col nuovo turno da 24 ore”.

L’accordo, si fa per dire, firmato dai sindacati del sì in Fiat prevede che ai lavoratori sia elargita una “una tantum” annuale di 260 euro. Per quest’anno un dipendente dell’azienda si vedrà aumentare la paga di quello che Marchionne guadagna mediamente in meno di 7 minuti. Quando si sottoscrive una tale sproporzione di valori, neppure riconducibile a misure medioevali, si definisce la propria dannosa inutilità per i lavoratori, che sicuramente avrebbero tutto da guadagnare se sindacati così servili non esistessero.

(Giorgio Cremaschi)