Archivi tag: striscia di gaza

David et Impera

Israele: “Prematuro riconoscere lo Stato di Palestina”. 
Flex:”Non hanno ancora finito di intonacare il muro”. 

L’industria dell’Olocausto: Lo sfruttamento della sofferenza degli ebrei è un libro pubblicato nel 2000 daNorman G. Finkelstein, che tratta dell’asserito sfruttamento da parte degli ebrei statunitensi della memoria dell’Olocausto nazista a fini di vantaggio economico e politico, curando al contempo gli interessi dello Stato d’Israele. Secondo Finkelstein, questa “industria dell’Olocausto” avrebbe corrotto la cultura ebraica, come pure l’autentica memoria dell’Olocausto.

I genitori di Finkelstein sono entrambi sopravvissuti all’epopea del ghetto di Varsavia e al campo di sterminio di Auschwitz.

safe_image

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Gazosa City

Coca Cola aprirà una fabbrica nella Striscia di Gaza.
Flex:”Sarà gestita da coca-coloni…. contratto a “raid crescenti” per i Palestinesi”.

Buongiorno dalla Palestina occupata dal mostro nazista israeliano. Per iniziare oggi pubblico una notizia che vi faccia riflettere e capire che qui non c’è più nulla da perdere. E’ finita, si resiste, ma è finita. Ieri è stato divulgato che aprirà presto la fabbrica di Coca-Cola a Gaza. No, dico…… Gaza. La Gaza che non ha corrente elettrica ed acqua. Apre la fabbrica di coca-cola che va a corrente ed acqua. Apre la fabbrica di coca-cola che è da boicottare. Gaza non era “blindata” da Hamas? I soldi non fanno schifo a nessun partito politico, in qualsiasi angolo del mondo. E’ il mostro economico ragazzi……. La notizia è stata divulgata scrivendo “porterà posti di lavoro ai palestinesi”..ma davvero? E infatti anche il boia è un lavoro, anche i soldati israeliani stanno lavorando“. (Samantha Comizzoli, attivista diritti umani in Palestina)

“La libertà del mercato si rivela un comodo strumento per diffondere in modo indiscriminato il potere monopolistico aziendale e la Coca-Cola“. (David Harvey)

Pawel Kuczynski