Archivi tag: syritza

…€u de troikà

Flex:”L’Europa concede un prestito ponte ai greci: “Dormiteci sotto!”
E Grazie a Tsipras, il famoso figlio di Troika”.

Tsipras:”La Grecia è il luogo di nascita della libertà e della democrazia”.
Flex:”per questo lui preferisce la schiavitù dell’eurozona”.

Tutta la stra­te­gia di Syriza era basata su un’incognita: può un paese che ha pagato sulla pro­pria pelle il dram­ma­tico fal­li­mento delle poli­ti­che euro­pee spe­rare di cambiare quelle poli­ti­che all’interno della cor­nice dell’eurozona? Bene, penso che la rispo­sta a quella domanda sia evi­dente a tutti“. (J. Galbraith)

Flex:”Eurozona, “la dove dì ch’usura offende divina bontade”. (Dante, XI Canto dell’Inferno),

altra troika

FacebookTwitterGoogle+Condividi

io ballo coi gufi

Stati Uniti d’Europa, gli spacciatori di illusioni e pensieri positivi di crescita sociale ed economica.
Flex:”Gli euroinomani”.

Porto costantemente il fardello di Cassandra: le mie peggiori aspettative consacrate. La prima volta che udii di Syriza e del suo demagogo leader supremo, fui convinto di colpo del fatto che un destino crudele sarebbe stato il futuro della Grecia. Entrambi erano assolutamente ignoranti riguardo i fondamenti economici. Entrambi sono stati scelti per salvare la dittatura dell’Euro, pareggiando il bilancio, ripagando l’intero debito fittizio; i banchieri internazionali, alti prelati della religione dell’austerity, avevano bisogno di un nuovo gruppo di servitori. Mr. Varoufakis, uno «specialista della teoria dei giochi» che ignora la MMT, proprio lui mi disse che la Banca Centrale doveva prendere in prestito la moneta (!). Un ex «protetto» di Mr Papandreu, con il più alto sostegno negli USA, un erede della pseudo-Aristocrazia dei rentier della Grecia, è esattamente una qualche forma di avatar di Jacques Attali. Lui ha consigliato al Primo Ministro, più ignorante di Francois Mitterrand, di usare la strategia di Mitterrand: menzogne, promesse, e in seguito la rinuncia per amore della stabilità. É veramente triste per i Greci che sono stati posseduti dai nuovi Euro «eroi». In qualche modo, è stata esattamente la strategia di Francois Hollande, l’arte della menzogna è quindi la radice del potere, la nuova «Via verso la schiavitù» (Hayek). (Alain Parguez, 12 febbraio 2015)

Flex:”Io ballo coi gufi. Smascherando le ombre dei governi neofeudali”.

Guarda caso dalla metà degli anni ’80, dalla nascita cioè dei poteri finanziari sovranazionali che sono quelli che lucrano oggi sulle nostre disgrazie, si iniziò a predicare agli Stati con moneta sovrana che un debito pubblico e un deficit erano la peste, e questo non è vero. Non lo sono mai se uno Stato ha moneta propria, perché “un governo non potrà mai fare bancarotta coi debiti emessi nella propria moneta sovrana”. Alan Greenspan è piuttosto attendibile, e furbo. E allora che scopo aveva quel mantra ossessivo sui (falsi) danni di deficit e debito pubblico che nessuno oggi osa più sfidare? Risposta: spingerci nella mani di una unione monetaria capestro con regole assurde di limiti del deficit e del debito, che ci avrebbe sottratto l’unica arma possibile (la sovranità monetaria) per gestire senza danni l’indebitamento. E questo per compiacere a chi? Risposta: al Tribunale Internazionale degli Investitori e Speculatori guidato appunto dagli Stati Uniti, che con la scusa del risanamento degli Stati indebitati ma non più sovrani (noi appunto) ci costringe a vendere a prezzi stracciati i nostri beni pubblici ai barracuda finanziari, a deprezzare il lavoro con la disoccupazione (tanta offerta di lavoratori = crollano i loro prezzi, come con le merci), rovinando così le vite di generazioni di esseri umani, le nostre vite… Popoli d’Europa, sollevatevi”. (Paolo Barnard)

Gufi io ballo coi gufi

… costi quel che coste

Il Governo greco fa la voce grossa contro le “istituzioni” di troika
Flex:”La prossima manovra colpirà i salvadanai dei bambini”.

Bruxelles: “Il tempo sta finendo”…
Flex.”..la Grecia non se ne va… dopo la prorpga, chiederanno la surroga”.

“Siamo convinti che una pacifica soluzione della crisi greca sia una condizione necessaria per un nuovo rialzo delle borse… gran parte dei gestori è convinta che un accordo alla fine si troverà con la Grecia e, se non si trovasse, non sarebbe una tragedia per il resto d’Eurozona“. (Bank of America)

FMI sapeva (nel 2010) che il piano di salvataggio avrebbe peggiorato il debito greco… (Attack Italia)

Flex:”Oli garchie… l’europa dei mercati sta all’olio di palma come l’europa nazista sta all’olio di ricino e come l’europa piddiota sta all’olio di vaselina”.

grecia-colonia-del-fmi

… non ci Syritza

(Come volevasi dimostrare) la Grecia ha patteggiato…
Flex:”4 mesi con la condizionale”.

“I nuovi prestiti della Troika saranno concessi in base alla qualità delle riforme”.
Flex:”Dopo la condizionale l’€rgastolo”.

Tsipras:”L’austerità è finita, ora lotta a evasione e corruzione”.
Flex:”Tutto il suo maestro Renzi”.

Renzi: “Con la Grecia abbiamo svolto un lavoro di cerniera”.
Flex:”Poi hanno usato la vaselina”.

Ecco cosa voleva dire il Ministro delle Finanze tedesco Schauble quando ha detto ‘Non sarà facile per il governo greco spiegare ai loro elettori questo accordo’. Rimanendo sotto il totale potere della Troika di approvare o meno, il governo Tsipras deve ora rinnegare praticamente tutte le promesse fatte al suo popolo, cioè circa 20 miliardi di euro che voleva spendere per loro, altrimenti la Troika gli fotte l’accordo da sotto il sedere e li cacciano dall’Eurozona. E tutto ciò è il motivo per cui Schauble era in brodo di giuggiole alla fine dell’accordo, cioè la Germania ha dato al governo greco abbastanza corda con cui impiccarsi…”

Poi Tsipras ha ottenuto in cambio 4 miserabili mesi di estensione di debiti da pagare con altri debiti, da ripagare con altri debiti per i debiti precedenti… Pur di stare con l’euro. Sono anni che lo dico, ANNI CHE LO DICO!, il Vero Potere ha pensato a tutto 70 anni prima di noi, i Trattati europei sono delle belve giuridiche da cui si esce solo STRACCIANDOLI. NON NEGOZIANDO. (Paolo Barnard)