Archivi tag: tagli

fondelli monetari

Italia, chiari sintomi di ripresa.
Flex:”A trainarla i Compro Oro e i gratta e vinci”.

Renzi: «Né tagli, né aumento tasse». 
Flex:”Solo pizzo. Legalizzato per la troika”.

Date agli sfaccendati qualcosa di utile da fare. La miseria rende ladri, e quelli che per ora sono soltanto dei disoccupati saranno presto anche ladri. È inutile, se non sradicate tali mali, punire i ladri ricorrendo a una giustizia più eclatante che giusta o efficace. In definitiva, voi lasciate che crescano fin da ragazzi in condizioni tali da essere fatalmente destinati ad una vita criminale, poi li punite. In altre parole, punite quei ladri che voi stessi avete creato“. (Tommaso Moro, Utopia, I, p. 31-32) 

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Squola, stress test

Riforma della scuola
Flex:”Le conseguenze di tagli e risparmi sono devastanti, manca perfino l’olio di ricino”.

E così la mazzata alla scuola arriva dal governo Renzi
Flex:”Quello votato dalle insegnanti”.

E oggi mi sento dire che “non faccio abbastanza”, che rispetto all’Europa “gli insegnanti italiani lavorano meno”. Ma con quale faccia!!! Ognuno di voi, è mai stato un’ora, dico una sola, in cattedra? Avete mai avuto a che fare con un ragazzino autistico che si autolesiona? Conoscete le teorie comportamentiste, l’approccio psicanalitico, le neuroscienze in rapporto all’autismo? Se vi chiedessi quale ritenete più consona sapreste rispondere? No, che non sapreste rispondere. Perché di scuola sapete poco o nulla.

A voi interessa risparmiare.

Ed è per questo che avete montato ad arte una campagna pubblica contro gli “insegnanti fancazzari”, è per questo che volete raddoppiarci l’orario di lavoro, a parità di stipendio, si badi bene, in modo da non dover pagare supplenti e non assumere i precari, è per questo che propagandate una scuola che sia al contempo succursale dell’ASL, degli assistenti sociali, dei campi estivi.

SOLO PER RISPARMIARE. Sulla nostra pelle, si intende.

(Annachiara Piffari, insegnante)

La Riforma Nera.

Nun se capisce ‘e vote
che succede
ma chello cà se vere
nun se crede nun se crede!

E’ nata ‘na riforma
è nata nera
‘o Governo dice: “è bbona”
Nossignore nun è vera!

Se ‘na riforma se!
Se ‘na riforma se!

Và truann ‘mo chi è stato
ca’ tirato bbuon’ o tiro
chill’o fatto è niro niro
niro niro cumm’a che!

Chi tene ‘mpast’e mmane
‘a riforma aspetta
riesce o non riesce
sta’ riforma’ a nui ce resta!

A vote basta sulo ‘na guardata
‘e un ‘nciucio ‘eurocratico
pass’ liscio e indisturbato

Se n’emendamento se
se ‘na guardata se

va truann’ mò chi è stato
Matteo, Silvio o Grullino
ma chill’ o fatto è niro niro
niro niro cumm’a che!

Dicett’ o Parolaio:
“nuie v’aiutamm!
Ghe pensi tutto mi
‘e tasse ve calammo”

A vote basta sulo
‘n’ammiscata
‘e a munnezz’ inda discarica
è scortata e profumata”

Se lev’e tasse se!
Se lev’a munnezza se!

‘O sapimm’ mò chi è stato
ca’ pensato bbuon ‘o tiro
e chill’ o fatto è niro niro
niro niro cumm’a che!

‘O ministro de l’economia
sap’ bbuon fà carestia
asciug’e sacche ro’ sgobbone
‘ngrass’a panza do’ mbrosatone

‘o ministro della scola
c’a mmenat’ n’ata sòla
‘a riforma è sulo taglio
‘o studente stent ‘e raglia

‘o lavoro va in trasferta
pò ministro a porta è aperta
‘a precaria è retroattiva
pure si è partita IVA

‘e signorine do’ governo
sann’ bbuon’ fà ‘o mestiere
mentre arrapano ‘o popolano
mezz’Italia sa’ fà mmano!

‘a pensione zac zac
l’istruzione hiha hiha!
P2, P3 e ballerine
‘e quote rosa so veline

Pigmalione bah bah
ce cala ‘e brache mamma!!
‘o nanetto bunga bunga
e matteo bung’t bung’t bung’t

Se ricicla l’emergenza
‘o paese è n’ambulanza
Pur’ ‘o lavoro è sulo merce
bunga bunga ca’ te percio

‘a minorenne è senza tanga
ma si ‘a viri: “Mamma che stanga!”
pigmei nani e curti
‘o presidente ‘e chi te muorto!
Chitemmuò chitemmuò chitemmuò!

(Fiore Ranauro, in arte Flex)

Le appaRenzi ingannano

Renzi(e):”nel 2018 PD al 40% e disoccupazione al 10%”.
Flex:”Poi si è accorto che il foglio era sottosopra”.

Renzi(e):”La disoccupazione giovanile grida vendetta“.
Flex:”A quelli che hanno il posto di lavoro”.

Renzi(e):”Con le riforme avremo 3000 politici a casa”.
Flex:”L’obiettivo di lungo periodo è di lasciarla fare solo a lui”.

“Il gioco non è tuttavia senza difetto perché, mentre la periferia (PIGS) si deindustrializza per l’invasione delle merci straniere, il centro (Germania) si fa partecipe della sua progressiva instabilità finanziaria per quell’indebitamento crescente di cui è creditore. E così quando, e ai primi casi d’insolvibilità periferica (in Grecia, ma soprattutto a Cipro), il centro ha temuto che i propri crediti potessero venire “ripudiati”, è corso ai ripari richiedendone alla periferia il rientro, almeno in parte, coatto. Sta in questo il senso del Trattato per la stabilità, il coordinamento e la governance, sinteticamente noto come “Fiscal Compact”, approvato il 23 luglio 2012 dal Parlamento italiano. Con esso si sono a tal punto irrigiditi i vincoli di bilancio pubblico e di debito sovrano da poter essere giudicato, dopo il Trattato di Maastricht (1991) ed il Trattato di Lisbona (1999), come «il terzo atto della storia dell’euro che radicalizza in maniera inedita i principi neoliberisti che hanno caratterizzato fin dall’inizio la costruzione della moneta unica», anche a rischio di realizzare una forma di austerità perpetua che potrebbe fare esplodere l’Unione Monetaria Europea”. (Giorgio Gattei, professore di Storia del Pensiero Economico Università di Bologna)