Archivi tag: troika

Happy days

L’economia è troppo importante per essere lasciata agli economisti, ed è sicuramente troppo importante per essere lasciata agli economisti di corte“. (Himan Minsky, economista)

Grazie al governo e ai consigli tecnici dell’eurozona l’italia è in deflazione. Non succedeva dal 1959.

Flex:”Happy days, finalmente Renzie neoliberal è riuscito ad ottenere qualcosa che non era riuscita neppure a Berlusconi. Alla coop paghi 1 lavoratore e ne prendi 3”.

Schauble sulla deflazione:”La BCE ha esaurito le munizioni. Urgono riforme strutturali”.
Flex:”La Germania vuole superare la deflazione con la deflagrazione”.

“Non c’è mai peggio al peggio”. Firmato Troika (FMI+BCE+UE)
Flex:”Si stava meglio, quando si stava meglio”.

Il Consumer Price Index per l’Italia ha toccato ieri il suo livello più basso dalla crisi di Lehman, cioè uno 0,2%, il record negativo storico dalla nascita della Repubblica. Significa che l’Italia è il Paese più in deflazione di tutta l’Eurozona, che è già in deflazione da 7 mesi e oggi ha di nuovo toccato un suo crollo epocale“.

(Paolo Barnard)

FacebookTwitterGoogle+Condividi

La ballata dei tartagliati

“Risparmieremo su tutto. Ma gli obiettivi dei tagli di spesa terranno conto anche del quadro economico peggiorato. Nella ricerca dell’efficienza si possono mettere in discussione anche diritti acquisiti o presunti tali”. (Pier Carlo Padoan)

“Perché oggi la Germania è di gran lunga il Paese più potente e più forte dell’Europa grazie all’euro”. (Romano Prodi, ottobre 2011)
Flex:”E noi PIGS, grazie a Prodi”.

“Un uomo fesso, un uomo Prodi
tralalalalla tralallallero
s’ innamorò perdutamente
di un’UE che non lo amava niente!

Gli disse portami domani
Tralalalalla tralallallero
Gli disse portami domani
Il cuore degli italiani
Per i miei affari.

Dagli italiani andò e pretese accise
Tralalalalla tralallallero
La spesa a deficit fermò
E dalla Troika ritornò.

La UE disse se mi vuoi bene
Tralalalalla tralallallero
La UE disse se mi vuoi bene
tagliali welfare costituzione e vene.
Welfare e vene lui ci tagliò
tralalalalla tralallallero
Costituzione e sangue ne sgorgò
E dalla Troika si ritornò.

La Troika disse ridendo forte
tralalalalla tralallallero
La Troika disse ridendo forte
l’ultima prova sarà la Morte”

(Fiore Ranauro, in arte Flex)

Flex:”Si sta come d’autunno nell’eurozona i tagli”.

Aumento della spesa pubblica, l’unica cura che può dare un futuro ai nostri giovani. Lo stato ha come priorità il benessere dei cittadini, non i conti pubblici. Lo stato non è una famiglia, ne è un’azienda“.

(Simone Bernacchia, attivista mmt)

Se lo Stato fa meno spesa di quanto tassa è il privato che fa più spesa di quanto incassa”.

(Paolo Barnard)

Il paese che rottamiamo

Eugenio Scalfari: “bisognerebbe che i contratti aziendali avessero la meglio sui contratti nazionali”.
Flex:”La carta e il pennivenodolo li mette La Repubblica“.

Lettera della BCE all’Italia (anno 2011).
Nel primo capitolo si chiedono tre interventi urgenti: la «piena liberalizzazione dei servizi pubblici locali e dei servizi professionali», in particolare nella «fornitura di servizi locali attraverso privatizzazioni su larga scala»; la RIFORMA DEI CONTRATTI DI LAVORO PER RENDERE I CONTRATTI AZIENDALI «PIU’ RILEVANTI» RISPETTO A QUELLI NAZIONALI.
(Fonte: Corriere della Sera)

Scalfari:”bisognerebbe che le imprese sviluppassero nuovi prodotti e li lanciassero nei mercati”.
Flex:”guidate dal pilota automatico neo-liberale”.

Da quando in qua una banca centrale stabilisce le condizioni entro le quali erogherà o non erogherà soldi allo stato?Scalfari, la Spinelli e i lettori di Repubblica lo troveranno normale“.

(Fabio Di Lenola, attivista Alza il Pugno)

Giavazzi è un finto liberista sostanzialmente autoritario, Scalfari è un finto democratico sostanzialmente oligarchico”.

(Riccardo Bellofiore, economista)

Fermo restando che già siamo pieni di servi della troika (Renzi, Monti, Letta, Napolitano ecc.), se la troika arriverà direttamente anche in Italia, allora il popolo avrà il dovere di cacciarla e di ostacolarla con ogni mezzo: e sottolineo, con ogni mezzo. Il finanz-nazismo pudicamente chiamato Europa va combattuto senza esitazioni!“.

(Diego Fusaro)

peresTroika

Scalfari:”…l’Italia dovrebbe sottoporsi al controllo della Troika“.
Flex:”il diavolo (barbuto) veste Pravda.
Il zelante Renzi lo rassicura: ‘Stai sereno, sono già io un figlio di Troika‘.
Ma il miscredente Scalfari non ci crede:’Figlio ti scarico, ed imploro tuo Padre con le parole di Erodoto: “In pace i figli seppelliscono i padri, in guerra sono invece i padri a seppellire i figli“.

Veniamo alla Troika. Dal colpo di stato del novembre del 2011 che ha portato Mario Monti alla presidenza del Consiglio e che il giornale di Scalfari ha benedetto come il nuovo salvatore della Patria, la Troika è già presente in Italia. Ragioniamo un momento su che cosa è la Troika. Sono dei burocrati del Fondo Monetario Internazionale, della Commissione europea e della Banca centrale europea che si sostituiscono ai governi, dettando un’agenda politica molto chiara: austerità, privatizzazioni selvagge e macelleria sociale per avere manodopera a basso costo da sfruttare per quei grandi complessi industriali di cui fanno gli interessi. Quest’agenda da Mario Monti a Renzi è già in vigore nel nostro Paese, senza che ci sia stato il bisogno delle visite abituali o dei rapporti di controllo come è avvenuto in Grecia, Irlanda, Cipro, Spagna e Portogallo. E’ bastata la zelante sottomissione del governo“. 

(Paolo Becchi, filosofo)

Per me questi sono temi caldi e ne scriverò. Non mi stupisce comunque, perché sappiamo che il partito a cui fa riferimento, che è il partito unico dell’Europa, dell’Euro e della finanza, del Pd euroservo, è ormai il fronte avanzato di questa svendita costante dell’Italia della sua dignità e della sua sovranità alle forze eurocratiche neo-liberiste. Un tempo si sarebbe detto tradimento della patria o anche collaborazionismo, ma non sono più in auge come espressioni. Allora mi sia consentito parlare di tradimento della Costituzione che non prevede la cessione di sovranità della Nazione Italia e sopratutto non prevede la cessione delle chiavi di casa alla Troika e alla dittatura economico-militare del potere eurocratico. E questo tradimento della Costituzione è stato fatto, per ironia della storia, da colui che fino a qualche tempo fa urlava un giorno sì e l’altro pure contro la violazione della Carta da parte dal cavalier Berlusconi. La sua è un’indignazione a giorni alterni. Oggi si è fatto promotore lui di una violazione della Costituzione e in una forma particolarmente volgare.
E’ un figlio di Troika anche Renzi, certo. A parte la battuta, Marx avrebbe detto che gli ex premier sono maschere di carattere del capitale, non hanno una personalità autonoma ma sono emanazioni teocratiche del monoteismo del mercato neo-liberale, sono rappresentanti della finanza europea in Italia e non rappresentanti dell’Italia in Europa. Questo è il punto fondamentale. Sono la continuazione della politica economica europea
”.

(Diego Fusaro)

I “Blef” del Def.

L’Unione Europea e la Troika promuovono il Def.
Flex:”Quale dei due?”

Renzi:”Una 14esima mensilità coi sacrifici di banche e manager”.

Flex:”…che immoleranno clienti e sottoposti. Per il credit brunch! Il resto coperto con riforme strutturali, le austerità, le privatizzazioni e la soppressione degli enti inutili, la Repubblica Italiana.”

LA GUERRA DI CLASSE SU SCALA GLOBALE
“Come abbiamo visto, tutte le insurrezioni ed i complotti messi in atto per cambiare i regimi sgraditi [sia con i tradizionali mezzi militari che con quelli tipici del “soft-power”], rappresentano essenzialmente una sola cosa: una dissimulata guerra di classe attuata a livello mondiale, un’implacabile guerra economica che l’1% della popolazione mondiale [ovvero l’oligarchia finanziaria ed economica] ha dichiarato al resto dell’umanità.

La lotta di classe in una società di tipo piramidale non è ovviamente un fatto nuovo. Quello che invece c’è, di relativamente nuovo, è l’aumento esponenziale che è stato impresso al suo ritmo, la sua diffusione ed orchestrazione a livello globale.

Mentre gli attacchi dell’austerità neoliberista alle condizioni di vita dei cittadini dei paesi “centrali” sono formalmente cominciati più di tre decenni fa – con l’economia supply-side [sul fronte dell’offerta, ndt] orchestrata dal Presidente Ronald Reagan e dal Primo Ministro britannico Margaret Thatcher – la brutalità di questi attacchi è diventata molto più dirompente nel corso dell’attuale crisi finanziaria ed economica, iniziata con il crollo del 2008 negli Stati Uniti d’America.
Approfittando del collasso economico [la “terapia dello shock”, come l’ha definita Naomi Klein], l’oligarchia finanziaria globale, con i suoi delegati posti nei governi dei singoli paesi capitalisti “centrali”, hanno portato avanti un sistematico “colpo di stato” economico contro le popolazioni, le cui devastazioni comprendono:

• Trasferimento di decine di migliaia di miliardi di dollari dal settore pubblico alle oligarchie finanziarie, attraverso gli spietati tagli dell’austerity;

• Ampia privatizzazione dei beni e dei servizi pubblici, tra cui gli insostituibili monumenti storici, i luoghi di inestimabile interesse culturale, e gli essenziali servizi sociali quali la sanità, l’istruzione e le forniture d’acqua;

• Sostituzione del welfare statale con quello di tipo aziendale/finanziario;

• Assegnazione della maggior parte dell’emissione monetaria governativa [e della creazione di credito in generale] agli investimenti speculativi, invece che agli investimenti nell’economia reale;

• Sistematico indebolimento delle garanzie pensionistiche per milioni di lavoratori [sia i colletti blu che quelli bianchi] e funzionari pubblici;

• controllo sempre più pressante delle politiche economiche e finanziarie, effettuato dai rappresentanti dell’oligarchia finanziaria.(Ismael Hossein-Zadeh è professore emerito di Economia alla Drake University di Des Moines, Iowa)

A cavallo di Troika

Flex:”Defunta l’epoca del cavaliere ‘chiomato’ divenuto fantino SS, siamo a cavallo con l’internazionalista euristico PdSS, il pentastellato eterodiretto 5SS, il secessionista tanko SS, il nazionalista fratelloitaliota SS. Mi illudo di volere una Società Socialista! Cavolo, viene fuori ugualmente SS! Meglio, molto meglio allora, Socialista nella MMT“.

Appartengo a una generazione disgraziata a cavallo fra i vecchi tempi ed i nuovi, e che si trova a disagio in tutti e due. Per di più, come lei non avrà potuto fare a meno di accorgersi, sono privo d’illusioni.” (Tomasi di Lampedusa, Il Gattopardo)

Avanti Troika

Avanti Troika alla riscossa
ai lavoratori spacchiam le ossa.
Avanti Troika alla riscossa
il sangue blu la trionferà.

Il sangue blu la trionferà
il sangue blu la trionferà
il sangue blu la trionferààà
Evviva il capitalismo e la libertà!

Sarete felici, sarete contenti
di paghe da fame e salari da stenti.
Il sindacato l’è cooptato
Chi ha avut’ avut’, chi è Stato è Stato!

La precarietà la trionferà
la precarietà la trionferà
la precarietà la trionferààà
Evviva i commissari multi nazional!

Avanti Troika, tuona il Loggione
devastazione, devastazione.
Avanti Troika canta il Dragone
depredazione vogliamo far.

Deregulation noi vogliamo far
Delocalization noi vogliamo far
Depredazione noi vogliamo far
evviva Monsieur Le Capital!

Dai campi al mare senza frontiere
Oh che mal di schiene, che mal di schiene.
Dai campi al mare senza frontiere
Il mal di schiena v’artrosizzerà.

Il mal di schiena v’artrosizzerà
il mal di schiena v’artrosizzerà
il mal di schiena v’artrosizzerà
Evviva Tirocinia e la DeutchGermà.

Mai più confini, non più barriere
il nostro forziere senza bandiere.
oh flexibilizzato alla percossa
il Laissez Faire la trionferà
il Laissez Faire la trionferà
il Laissez Faire la trionferà
il Laissez Faire la trionferààà.
Evviva i Mercati delle Libertà.

Avanti Troika tuona il Dragone
devastazione, devastazione.
avanti Troika tuona il Loggione
devastazione vogliamo far.

(Fiore Ranauro, in arte Flex)